Parrocchia – Jus Patronatus (Principe Colonna …) [A: 03/09/98 17.45]

1. d. 3, ff. 21 – 24, [1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]

[Il Principe D. Filippo Colonna, come ‘Patrono’ dell’Arcipretura, assegna all’arc. D. Antonino Michele Sardo (Arciprete dal 28 Aprile 1781 al 31 gennaio 1822) la somma annuale di onze trentaquattro, mentre ai suoi successori è stabilita in onze 24. L’arciprete, cui la somma è attribuita perché di nobile ‘progenie’, si ‘accontenta’ invece “solumm/o unc. 24.ann:”, mentre rilascia le altre dieci onze “pro nonnullis causis, et dignis respect:bus ejus animum dignè moventibus et pro faciendam rem grata dicto Domino D. Philippo Colonna Gioeni Patrono”. Cfr. gli altri documenti precedenti la stesura dell’atto.]

Actus Contentamenti Rev.mo Sacrae Theologiae Doctori D. Antonino Michaele Sardo cum Magno Comite Stabulo Colonna. Not. D. Franciscus Lionti Panormi 17 Maji VI Ind. 1788”

[f. 21r]
Die Decimo septimo Maij Sestae Indictionis
Millesimo Septingentesimo Octuagesimo Octavo
Extante in pacifica possessione Domino
Magno Comestabulo D: Philippo Co=
lonna Gioeni antiquissimi Juris patro=
natus Archipresbiteratus Civitatis Castri=
leonis Rev.mus Sacrae Thelogiae Prof. D: Antoninus
Michael Sardo veluti Archipresbyter Pa=
rocus et Beneficialis Ecclesiarum dictae
Civitatis Castrileonis petiit supletionem
ejus Congruae Parochialis in seque=
lam cujus petitionis fuit a Tribunali
Regalis Patrimonii annuente dicto Illustri Ma=
gno Comestabulo resolutum ut
a dicto Domino Patrono Colonna Gioeni
solveretur supplementum congruae
predictae ad summam uncearum triginta qua=
tuor annualium predicto Archipresbytero Paroco,
et Beneficiali de Sardo uti ex nobili Mes=
sanensi Progenie durante tamen

[f.21v]
vita naturali eiusdem de Sardo caeteri[s]
vero Archipresbyteris Parochis et Beneficialibus
in Archip.tu pcto succe/ribus p/ntandis
et n:dis ab eodemet Dno Patrono
ad s/mam unc. viginti quatuor ann.m
Rebus sic st:bus volens d.s Rmus Archip.r
Parocus et Benef:lis d.s Sardo pro
nonnullis causis, et dignis respec=
tibus ejus animam dignam moven=
tibus se gratum gerere erga d.um Dnum
Patronum de Colonna Gioeni ad pntem
actum Con/ti duxit devenire, prout
devenit modo, et f/ma q.bus infra
Idcirco hodie p/nti praet/a die pref:s
R/mus S.ae Th.ae P: D. Ant.nus Michael
Sardo Arcip.r Parocus et Benef.s
Civ.s Castrileonis et modo hic Pan/
rep.s m: n: c: c: n: vig.e p/ntis sp.e
se contentavit et contentat, ac cont.us
fuit et est, et contentatur sibi exig.e dur.e
sui vita t/m pro supletione ejus con=
gruae parochialis ad sui nomen ut s.a

[f. 22r]
concessa ad summam uncearum 34 annualium solummodo uncearum 24
annualium stante q.t reliquas unc. decem ann: predictus
Rev.mus de Sardo pro nonnullis causis, et dignis
respectibus ejus animum dignè moventibus
et pro faciendam rem gratam dicto Domino D. Phi=
lippo Colonna Gioeni Patrono eidem et
pro eo Ill.ri D: Aloysio Naselli et Grimaldi
Mar/ni Flores ejus Proc/ri gen.li m: n: etiam
p/nti et stip.i relaxavit et relaxat
ac dimisit et dimittit ut d.t re/ns || quo=
niam sic d.o Rmo de Sardo libuit agendum
et non aliter ||
Quo st.e sup.i actu con/ti d.s Ill.s Marchio Flo=
res D. Aloysius Naselli, et Grimaldi int.ens
ad haec veluti Proc.r Gen/lis subst.s
Dni D. Marci Ant.ii Colonna Pn/pis Osti=
liani vel.i Proc.ris pnpalis genlis Pleni=
potentiarii d.i Dni D: Philippi Colonna
Gioeni Magni Comestabuli Regni Neapolis
vig.e proc/nis rogatae apud acta Not/
Valeriani Amati Romae die 3 Nov.s 1779.
cum fide legalitarii in pede die 6 ejusdem
mensis transuptatae hic Pan.i per acta
qndam Not/ D: Hyeronimi Lionti mei Ge=
nitoris die 26 ejusdem m.s Nov.s et substit.ae
in p/na d.i Ill.s March.s Flores D. Aloysii
Naselli, et Grimaldi rogatae pariter per acta
d.i q/m Not/ D. Hyeronimi eadem die 26.
Nov.s 1779. q.bus || sp.e d.o n.e vig.e p/ntis

[f. 22v]
se obligavit et obligat dare, et cum eff.u
sol/re quolibet anno et de tertio in tertium
anticipate d.o R/mo Archip.o Paroco, et
Beneficiali de Sardo ipsiusque Suceribus
Archip.ris Parochis et Beneficialibus
nominandis et p/ntandis per d.um Dnum
Patronum unc. 24. Et non aliter
Declarans per p/ntem Ill.s Marchio
Flores D. Aloysius Naselli et Grimaldi
devenisse d.o n.e ad p/ntem actum sup=
pletionis sive canonicae s.a dotationis
d.i Archip:tus non animo, et int.e
praejudicandi antiquissima Jura
d.i Patronatus, imo confirmandi,
et corroborandi Jurispatronatum
nominandi et praesentandi uni=
cum subjectum sive personam in
Archip:rum Parocum et Beneficialem
d.i Archip:tus Castrileonis, quoties
vacare contingerit Diocesano Mes=
sanensi, prout ab immemorabili

[f. 23r]
qd hominum memoria excedit inu=
manis retroactis , nominationibus,
et p/ntationibus absque ulla inter.ne
factis resp/vè praet.s Diocesanis
Messanensibus ab auctoribus d.i Pa=
troni Colonna Gioeni, o/ibus d.s p/nta=
tionibus sussecutivis canonicis in=
stitutionis, sivè ne/riis collationibus
roboratis, osservatum est; ac pa/r
obtinendi d.o n.e a praef.o ordina=
rio Messanensi canonicam
confirmationem d.ae nom.nis
et praesentationis, sique anti=
quissimi Juris ipsius etiam intuitu
p/nti || supradotationibus et non
aliter
Jur/nt d.sque R/mus de Sardo t.o p.e ||

[f. 23v]
Unde ||
Testes D. Petrus Naselli et D. Joachim
Anfossi ______________________________
Aloysius Naselli et Grimaldi
Marchio Flores Proc. Gen/li ut s.a
Antoninus Michael Sardo Arch.r
Conf.o ut s.a __________________________
Excutis qm-(?) Not/ D. Francisci Lionti …………….
Not/ Marcus Antonius Averna —- (?) eius actorum Cons.res
Collatione Salva |
20994
Reg.ta in Pal. Li 25  Luglio 1825
Lib: .I. Fol: 151 Fasc. 91 Cas. 6. Ric: gr. 20
Visconti (?)
2993<
— (?) a 25 Lug. 1825.

Lugaro Cont/e                                                         [Timbro]

[f. 24r]
N: B: (?) Noi Presid.e della Cam.a Nota=
riale di questa Valle di Pal.o
att.mo che la retroscritta fir=
ma è del Not/ D: Marco Ant.o
Averna alla quale si presta
Fede oggi li 3: Ott.e 1825
Il Pres.de
La Rina

— (?) Maurici Cont.e
[Timbro]”


2. d. 7, ff. 33 – 44, [1817], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Sei lettere dell’Abbate Coppi, Procuratore a Palermo del Principe Colonna, a d. Giuseppe Sanginisi ‘Governatore di Castiglione’. Vari riferimento all’arciprete. Problemi vari di amministrazione. Causa Arcipretura – Camardi, per il fondo S. Anastasio.]

a) “[33r]
Ill/mo Sig.e
Mi è pervenuta la sua dei 30 decorso unitamente alla Nota dell’Erbageria; ed a questo proposito bramerei di avere da lei uno Stato del modo, con cui si gabella la med.a e se ne percepisce l’Introito dal Proprietario. In questa Nota io veggo scritto = Porta di Randazzo, Porta di Francavilla ||. Gradirei di sapere cosa s’intende per queste Porte, e sarebbe bene, che mi mandasse anche qualche copia di contratto delle Porte stesse.
Osservo poi, che nella vendita fatta da D. Lorenzo Gioeni, si dice venduta l’Erbageria di Lingua Grossa, e Francavilla de’ membri, e pertinenze dello Stato di Castiglione. Io non comprendo, come con tali espressioni il Compratore abbia potuto estendere il diritto di pascere su tutto il Territorio di Castiglione, e per il Bestiame proveniente da qualunque parte.
La prevengo, che oggi si presenteranno a qualche Giudice circonvicino lettere per chiamare in giudizio codesto Arciprete, onde togliere di mezzo le Concessioni Enfiteutiche de’ Beni dell’Arcipretura. Intanto a questo proposito gradirei, ch’Ella mi mandasse una Nota distinta di tutti, e singoli Fondi spettanti all’Arcipretura med.a tanto posseduti dall’Arciprete, che in qualunque modo, e tempo concessi. E specialmente desidero di essere informato sopra un Fondo detto Balsamà, quale l’attuale Arciprete nel 1780 espose essere totalmente avvalancato, e perito, motivo per cui, chiese prima dall’Arcivescovo di Messina, e poi dal Tribunale del Patrimonio il supplemento della congrua dicendo, che i Beni rimasti non fruttavano di più, che onze 16 annue. Desidero dunque di essere informato dove esisteva questo Fondo, di quale capacità era, s’è vero, che si totalmente deperso, e quale fosse la rendita de’ Fondi, che sono rimasti.
Pel rimanente mi riferisco alla lettera, che contemporaneamente riceverà dal Marchese Flores, ed intanto gradisca i sentimenti della mia considerazione
Palermo 6 Ottobre 1817
Al Sig. D.n D. Giuseppe Sanginisi
Gov.e di                Castiglione
U/mo, e De/mo Serv.e
Coppi:

b)[35r]
Ill/mo Sig.e
Ho ricevuto la sua de’ 14 corrente.
Sento le nuove irruenze dell’Enfiteuta di S. Anastasio. Allorquando averà effetto il ricorso pendente si procurerà di rimediare al tutto. Fratanto gradirò, ch’ella mi dica quale dei Giudici de’ paesi circonvicini sarà più opportuno, o sia meno sospetto per fargli diriggere in avvenire gli atti, che si dovranno far presentare in Castiglione.
Ella si compiacerà di farmi pervenire una Perizia del fruttato del Fondo di Balsamà indicando quale ne sia la rendita, che attualmente ne percepisce l’Arciprete. Mi manderà eziandio copia della concessione delle Terre nelli Sciari fatta da codesto Arciprete a D. Vito Sardo per il canone di annue onze cinque.
Le raccomando gli affari dell’Abb.e Ugo, ed in special modo le carte concernenti i censi della Badia.
Si compiacerà inoltre mandarmi l’informazione all’annesso memoriale.
Gradisca intanto li sentimenti della mia considerazione.
Palermo 20 Ottobre 1817
All’Ill.e Sig.r
Il Sig.r D. Giuseppe Sanginisi
Gov.e di
Castiglione
De/mo Serv.e
Coppi:

c) “[ 37r]
Ill/mo Sig.e
Con piacere rinvenni nella sua de’ 17 corrente la copia del Consiglio corredata dalle di lei osservazioni, e l’Atto di dilazione con Domenico Corvaja, delle quali carte farò l’uso conveniente, e non dubito, ch’ella continuerà a tenermi instrutto di quanto anderà accadendo in cod.o luogo.
Approvo, ch’ella procuri di avere da Catania il Caschetto per il nuovo Campiere Rosario Vecchio.
Le accludo per di lei norma la copia dell’ultimo raziocinio, che mandò l’ex Gov.e Sardo.
Aggitandosi attualmente la causa con cod.o Arciprete circa la nullità delle concessioni dal med.o ingiustamente fatte, ella non gli pagherà ulteriormente l’assegnamento di annue onze 24, che godeva per lo passato, poiché trattasi di togliere di mezzo l’atto dell’assegnamento istesso.
Trasmetto similmente una lettera di questa R. G. C. Criminale diretta alla Corte Capitaniale di Mascali relativa alle Carceri di Castiglione, in forza della quale ella prenderà le disposizioni opportune, acciò le nostre Carceri siano evacuate, e lo Stato riscuota le piggioni, che da tanto tempo non si sono esatte.
Troverà annessa altra lettera della R. G. C. Criminale diretta a frenare gl’insulti di Sante Camarda. Colla med.a vi è la Procura ad accusandum, e non occorre, che io le raccomandi di agire con tutta l’energia possibile su questo affare, che sommamente mi preme.
Attendo sempre con impazienza la relazione de’ Boschi, ed aspetto anche la relazione del Perito circa il canone da stabilirsi alle Terre domandate da Salvatore Papa. Le raccomando di sollecitarne il disbrigo.

[f. 37v]Le partecipo di avere introdotto il Giudizio contro il Marchese Sessa per rivendicare l’Erbageria di cod.o Stato.
Nella prossima Festività del Ssmo Natale farà distribuire onze dieci per Elemosina ai poveri più bisognosi di cod.a a nome del Sig. Gran Contestabile.
Gradisca intanto i sentimenti della mia considerazione.
Palermo 24 Novembre 1817
Al Sig. D. Giuseppe Sanginisi
Gov.e di
Castiglione
De/mo Serv.e
Coppi:

d) “[39r]
Ill/mo Sig.e
Nella sua de’ 24 9mbre sento, che spedirà in Randazzo per agire contro gli Usurpatori recenti. Le raccomando di agire con tutta l’energia, e senza alcun riguardo a chichesia.
Ho ricevuto la relazione dell’Agrimensore Ant.no Vecchio circa le terre domandate dalli Fratelli Papa nelle Germanere. Il canone fissato dal med.o è troppo tenue. Io dissi al P.e Papa, che scriva a’ suoi Nepoti, che se vogliono il terreno, io non lo concederò meno di annue onze quattro per salma. Ciò le sia d’intelligenza.
Desidererei ulteriori ragguagli  circa le Terre dell’Arcipretura. Cioè primieramente qual fosse la quantità precisa delle med.e prima dell’attuale Arciprete; poiché so’ benissimo, che le terre istesse, che dal med.o Arciprete Sardo furono concesse ai suoi Nepoti, sono state dilatate a danno de’ Feudi. Mi piacerebbe, se si potesse rinvenire, la fondazione dell’Arcipretura, quale non ho potuto trovare nell’Archivio di Palermo. Ma se questa non si puote avere ne anche in Castiglione, gradirei, che si facessero diligenze per sapere se le terre dell’Arcipretura abbiano un tempo pagato censo allo Stato. Insomma vorrei avere una relazione distinta de’ Beni dell’Arcipretura tanto sulla quantità, che sulle servitù attive, e passive de’ med.i prima dell’attuale Arciprete. Ella ben comprende, che per venire in chiaro di questo punto gioveranno moltissimo le Visite Diocesane: quindi si compiacerà di scrivere in Messina per avere da quella Corte Arcivescovile le notizie, che si desiderano concernenti cod.a Arcipretura.
Credo inutile di rammentarle, che questo è un’affare, che mi preme moltissimo, e perciò mi lusingo, che tanto ella, che il Sig.r Stagnitti si daranno tutto l’impegno per darmi un pronto, e distinto ragguaglio.
Specialmente poi necessita di avere qualche documento, che indichi [f. 39v]il fruttato del Fondo di Balsamà prima del 1780, o sia prima dell’Epoca, in cui si dice essersi avvalancato.
Se fosse possibile gradirei d’avere la Nota de’ censi, che riscuote il Marchese Sessa in questo Stato.
Si compiacerà di consegnare l’annessa lettera a Pasquale Damiano Campiere del Mitoscio.
Gradisca intanto i sentimenti della mia consideraz.e
Palermo 1 Xbre 1817
Al Sig. D. Gius.e Sanginisi
Gov.e di
Castiglione
De/mo Serv.e
Coppi:

e) “[41r]
Ill/mo Signore
Mi lusingo a quest’ora le siano pervenute le antecedenti mie lettere, e che in conseguenza sia intesa della mia risposta relativamente alla usurpazione commessa dai Camardi, cioè che si stà qui brigando di appoggiarne la commissione ad altra Corte levandola da quella di Mascali.
Riguardo ai passi che si sono dati da cotesti Giurati sulla di loro pretesa di voler carbonare nelle Cirmanere, le dico che i Professori di casa restano incaricati di spedire sollecitamente un’atto provvisionale, con cui s’inculca al Magistrato Municipale di non far novità alcuna.
Attendo con impazienza la perizia del carbone che potrà farsi in cotesti boschi.
Per di lei intelligenza le dico che per li beni dell’Arcipretura è stato ammesso il libello, e che oggi appunto vi sarà contradittorio per la continuazione degli atti corrispondenti.
Resto inteso di ciò che è successo a Placido Camuglia testimonio ricevuto in Randazzo per la causa di spoglio, ed approvo l’impronto di once cinque da lei allo stesso fatto per liberarlo dalle carceri.
Sebbene qui si stan proseguendo le pratiche per ottenere da questo Presidente Artale la designazione di un Giudice straniero, pure devo [f. 41v]dirle che cotesto Giudice nella scossione esecutiva de’ debitori può agire per qualunque somma.
Gradisca il Sig:r Governatore i sentimenti della mia considerazione.
Di V: S: Ill/ma
Palermo il dì 26 del 1818.
Sig.r D.n Giuseppe Sanginisi
Governatore di
Castiglione
De/mo Serv.e
Coppi:

f) “[f. 43r]
Ill/mo Signore
Rincresciuto di non aver con questo corriero ricevuto alcuna sua lettera e volendo attribuire la mancanza a qualche disvio di posta, e non già a qualche sinistro, che Dio non vogli, conseguenza dell’accaduto terribile terremoto, mi affretto a dirizzarle la presente pregandola di rendermi informato non meno dell’essere di sua persona, ed in generale di tutta cotesta popolazione.
Le compiego lettere citatoriali in persona di D.n Vito Sardo concernenti l’affare dell’arcipretura, alle quali Ella farà dare la corrispondente esecuzione, avvisandomi l’occorrente sull’assunto.
Le rinnovo le mie premure pella rimessa della cambiale, ed attendo riscontro su tutti gli affari correnti riguardanti lo Stato.
Gradisca i sentimenti della mia considerazione.
Di V: S: Ill/ma
Pal.o il dì 9. Marzo 1818.
Sig.r D.n Giuseppe Sanginisi
Governat.e di
Castiglione
De/mo Serv.e
Coppi:


3. d. 8, f. 41, [1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Lettera del Gran Contestabile Filippo Colonna al Marchese Flores, suo Amministratore a Palermo, per l’aumento della congrua all’arciprete. Stabilisce onze 24. Incarico di stipulare l’atto pubblico. E le onze 34 di cui si parlerà nell’atto del 17 maggio 1788?]

[f. 45r]
Ill/mo Sig.re
Se la giustizia è quella che regola in codesto Regno il supplimento della congrua mancata a’ Parrochi per qualche caso, non credo di dovere come Patrono del beneficio passare le onze 24: nel supplire la congrua per l’Arciprete di Castiglione. Ciò è giusto secondo la tassa conciliare, ciò è conforme alla petizione, che l’attual’Arciprete fece ai Giurati dopo l’Ottobre dell’anno scorso, e ciò si adatta alla discretteza dell’Arciprete medesimo, giacché si rimette a quanto io sono per determinare sul detto supplemento, così ella scrivendomi nella sua del dì 10. cadente. Quindi è, che sussistendo la mancanza della congrua dell’Arcip.te di Castiglione, e che le rendite della Arcipretura siansi ridotte a sole onze 16. senza speranza di recupero de’ beni perduti, o mancati, la incarico di stipolare l’atto publico coerente alla mia inrenzione, e che salvi le mie ragioni, ed i miei dritti sull’Arcipretura. Con tutto l’animo sono
Di V. S. Ill/ma
Sig.r Mar/se Flores                                                                      Roma 29. Aprile 1788
Palermo
Confronta coll’originale
Antonino Bertolino Segretario                                                    Servo vero
Filippo Colonna”


4. d. 9, ff. 47 – 48, [1828], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]

[Citazione da parte dell’arc. Calì del Principe e della Principessa di Castiglione davanti al Tribunale Civile di Catania per il pagamento i onze 134 “dovute per cinque anni e mesi sette di arretrati di quella somma si onze ventiquattro annualmente dovuta in primo luogo dal fu D.n Filippo Gioeni Colonna Gran Contestabile ed oggi da detta Principessa D.a Margherita quale figlia ed Erede di detto D.n Filippo per supplemento di congrua Parrocchiale a detto Arciprete in virtù di atto di contentamento stipolato nel dì diecisette Maggio 1788 …”.]
“Citazione alli Em.mi Signori Principe e Principessa di Castiglione con l’Arcip.e di Castiglione. 16 febbraio 1828”

[f. 47r]
L’anno milleottocento vent’otto il giorno sedici Febraro
Ad istanza del Signor D.n Giombattista Calì Sardo Arciprete di Castiglione, ivi domiciliato.
Io Giovanni Platania Usciere presso questo Tribunale Civile di Catania qui domiciliato Strada Ferdinanda n.° 155
Ho citato agli Eccellentissimi Conjugi D.n Giulio Cesare Rospigliosi, e D.a Margherita Gioeni Colonna Principe, e Principessa di Castiglione domiciliati a Roma, al domicilio del Signor D.n Antonio Lombardo procuradore del Re presso il Tribunale Civile di Catania a comparire nel termine di giorni quaranta oltre l’aumento legge loro compete all’udienza del Tribunale Civile di Catania detto Signor Principe per autorizzare la di Lei [sic] moglie Signora Principessa a stare in giudizio, e quest’ultima per sentirsi condannare in beneficio dell’Istante quale Arciprete di detta di Castiglione al pagamento di onze centotrentaquattro dovute per cinque anni, e mesi sette di arretrati di quella somma di onze ventiquattro annualmente dovuta, in primo luogo dal fu D.n Filippo Gioeni Colonna Gran Contestabile, ed oggi da detta Principessa D.a Margherita quale figlia [f. 47v]ed Erede di detto D.n Filippo per supplemento di congrua Parrocchiale a detto Arciprete in virtù di atto di contentamento stipolato nel dì diecisette Maggio 1788: per gli atti di Notar D.n Francesco Lionti di Palermo; corsi detti arretrati dal giorno primo Febraro 1822: sino oggi. E per essere condannati agli interessi legali, ed alle spese del giudizio.
Ho loro dichiarato che il Signor D.n Carlo Crispo Patrocinatore destinato presso la Gran Corte Civile di Catania procederà per l’istante.
Copie del presente atto da me collazionate, e firmate sono state lasciate unitamente alle copie del detto atto de’ 17 maggio 1788: da me Usciere al domicilio del Signor Procuradore del Re presso il Tribunale Civile di Catania, il quale à apposto il visto nell’originale. […]
Giovanni Platania Usciere”


5. d. 10, ff. 49 – 52, [1828/1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Altra copia dell’atto di ‘contentamento’ del 17/05/1788, estratta dall’archivio della Curia Arcivescovile di Messina il 13 marzo 1828. Sinossi. Grafia più leggibile. Varianti di poco conto.]
“Actus contentamenti pro R/mo D. Antonino Michaele Sardo Archipresbytero Castrileonis cum Magno Comite Stabulo Colonna. Not/ D. Franciscus Lionti Pan. 17 Maji Vi.1788”

[f. 49r]
Die Decimo septimo Maij Sestae Ind.s
Mill/mo Septing.mo Octuag.mo Octavo – 1788
Existente in pacifica possessione Dno Mag.no Comesta=
bulo D: Philippo Colonna Gioeni antiquissimi Juris
Patronatus Archip.s Civitatis Castrileonis Rev.mus S.
Th: P.r D: Antoninus Michael Sardo veluti Archip.r
Parochus, et Beneficialis Eccl/arum dictae Civitatis Ca=
strileonis petiit suppletionem ejus congruae Parochialis
in sequelam cujus petitionis fuit a Tribunali Regij
Patrimonij annuente dicto Ill.e Magno Comestabulo
resolutum, ut a dicto Domino Patrono Colonna Gio=
eni solveretur supplementum Congruae praed.ae ad summam
unciarum. Triginta quatuor ann: praed.o Archip.ro Parroco,
et Beneficiali de Sardo uti ex Nobili Messanense
Progenie durante tamen vita naturali eiusdem de
Sardo caeteris vero Archip.is Parochis, et Benef.bus in
Archip.tu p/cto succ.bus praesentandis, et nominandis
ab eodemet Domino Patrono ad summam unciarum
viginti quatuor ann:
Rebus sic stantibus volens d.s Rev.mus Archip.r Pa=
Rochus, et Beneficialis de Sardo pro non nullis
causis, et dignis respectibus ejus animum dignè
moventibus se gratum gerere erga d.um Dnum
Patronum de Colonna Gioeni, ad presentem
actum contentamenti duxit devenire, pro ut
devenit modo, et forma quibus infra

[f. 49v]
Id circò presenti hodie praetitulata die praef:s Rmus
S.ae Th. P. D. Antoninus Michael Sardo Archip.r Par=
Ochus, et Beneficialis Civitatis Castrileonis, et modo
hic Panormi repertus m: n: c: c: n: vig.e praesentis
sp.e se contentavit, et contentat, ac contentus fuit
et est, et contentatur sibi exigere durante sui
vita tantum pro suppletione ejus congruae Pa=
rochialis ad sui nomen ut supra concessa ad
summam unc: Triginti quatuor ann: st.e quod
reliquas unc: decem ann: praedictus Rev.mus de
Sardo pro non nullis causis, et dignis respect:bus
ejus animum dignè moventibus et pro faciendam
rem gratam dicto Domino D. Philippo Co=
lonna Gioeni Patrono; Eidem et pro eo dicto Ill.ri
D: Aloysio Naselli, et Grimaldi Marchioni
Flores ejus Procuratori Generali m: n: c.| pre=
Senti, et stipulanti | relaxavit, et relaxat ac
Dimisit, et dimittit ut d.t re/ns || quoniam sic Rmo
de Sardo libuit agendum, et non aliter ||
Quo stante superiori actu contentamenti
dictus Illustris Marchio Flores D. Aloysius Na=
selli, et Grimaldi interveniens ad haec veluti
Procurator Generalis substitutus Domini D.
Marci Antonii Colonna Principis Ostiliani
veluti Procuratoris principalis Gen/lis Pleni=
potentiarij d.i Dni D. Philippi Colonna

[f. 50r]
Gioeni Magni Comestabuli Regni Neapolis vig.e
procurationis rogatae apud acta Not/ Valeriani Amati
Romae die 3 Novembris 1779 cum fide legalitatis in
pede die 6 ejusdem m.s transuntatae hic Panormi
per acta q/m Not/ D. Hyeronimi Lionti mei
Genitoris die 26 ejusdem mensis Novembris, et substi=
tut.is in persona dicti Ill.s Marchionis Flores D.
Aloysii Naselli, et Grimaldi rogatae pariter per
acta dicti q/m Not/ D. Hyeronimi eadem die 26.
Novembris 1779. quibus || sp.e dicto nomine vigore
presentis se obligavit, et obligat dare, et cum
effectu solvere quolibet anno et de tertio, in tertium
anticipate dicto Revmo Paroco, et Benef.le
de Sardo, eiusque successoribus Archip.ris Parochis
et Benef.bus nominandis, et presentandis per
dictum Dnum Patronum unc: viginti quatuor, et
non aliter ||
Declarans per presentem prefatus Ill.s Mar=
Chio Flores D. Aloysius Naselli, et Grimaldi
devenisse dicto nomine ad presentem actum sup=
pletionis sive canonicae sopradotationis dicti
Archip.tus non animo, et intentione praeiudi=
candi antiquis.ma Jura dicti Patronatus imo
confirmandi, et corroborandi juris Patronatum

[f. 50v]
nominandi, et corroborandi juris Patronatum [sic! Rip.], et praesen=
tandi unicum subjectum sive Personam in Archi=
presbiterum, Parocum, et Beneficialem d.i Archip.tus
Castrileonis quoties vacare contingerit Diocesano Mes=
sanensi, pro ut ab immemorabili quod hominum
memoria excedit in muneris retroactis , nomina=
tionibus, et praesentationibus absque ulla inter=
ructione factis respectivis praeteritis Diocesanis
Messanensibus ab auctoribus dictii Patroni Colonna
Gioeni, o/ibus dictis praesentationibus sussecutivis
canonicis Institutionibus, sivè nec/aris collationibus
roboratis, osservatum est; ac pariter obtinendi
dicto nomine a praef.to ord.o Messanensi Canonicam
confirmationem dictae nominationis, et praesentationis
sive antiquis.mi Juris ipsius etiam intuitu p/ntis su=
pradotationis, et non aliter – Juraverunt dictus que
R/mus de Sardo T. P. Unde ||
Testes D. Petrus Naselli, et D. Joachim Anfossi
D. Aloysius Naselli, et Grimaldi Marchio
Flores Procurator Generalis ut supra –
Antoninus Michael Sardo Arch.r confirmo ut
supra.
Ex actis mei Notari D. Francisci Lionti Pa=
normi – Collatione salva.

[f. 51r]
Comprobata cum Originali copia per me Infr/um
pro M/rum Not/ Curiae …… [?]
D. Epiphanius Savoca pro M.r Not.r
Idem de Savoca pro M.r Notr.r in vim Auth/ae
Reducatur in actis, et Exeq.r –
Nicolaus Archiep.s Messanensis –
Marino Assessor
Die Tertia m.s Junij: 1788.
Est sciendum qualiter de mandato Ill/mi, et Rev/mi
Domini D. Nicolai Ciafaglione Archiep.i Mess.s
cum voto, et consilio sp: U. J. D.ris D. Pauli Marino
Assessoris Ordinarij M. C. Ar/lis Messanae praed.m m.tium [?]
Ut supra quod pnt/ [?] in actis, et exeq.r ….. [?] prox.a
coll/is Electio redacta in actis dictae M. C. Ar/lis
Unde ||.
Perciabosco pro Mag.r Not.s = ….. [?] Perciabosco
Dal suo Originale esistente nell’
Archivio della Gran Corte Arciv.le
Di Messina fu tratta la presente
Copia, e rilasciata il dì 13 Marzo
Giuseppe Rombes Mro Not.o ed Archiv.o
Reg.a in Mess/a li 13 Marzo 1828.
Lib. 3 vol. 129. Fog. 37 V… [?] Cas. 3. N 5986
Pagato grana 20
Il Ric.e [Firma illeggibile]”


6. d. 11, f. 53, [1828], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Costituzione del patrocinatore della Principessa di Castiglione nella causa contro l’arciprete Calì per il pagamento degli arretrati della congrua.]

[f. 53r]
“Il Sig.r D.n Ruggiero Lombardo Patrocinatore presso la Gran Corte Civile di Catania, dichiara al Sig.r D.n Carlo Crispo Patrocinatore del D.n Giovanni Battista Calì Sardo Arciprete di Castiglione; che egli il Lombardo si costituisce e s’incarica di procedere per la Difesa della Eccellentissima Sig.ra D.na Margarita Gioeni Colonna Principessa di Castiglione domiciliata in Roma sù l’atto di citazione rilasciato a quest’ultimo, e nelle mani del Regio Procuradore del Tribunale il dì sedeci Febraro 18ventotto senza registro perché in copia
Fatto a Catania con tutte le riserve di dritto, e raggione li sei Maggio 18ventotto.
Ruggiero Lombardo Patrocinatore
Il presente atto è stato notificato da me infrascritto usciere presso le udienze del Tribunale Civile di Catania al Sig.r D.n Carlo Crispo Patrocinatore ed al quale hò lasciato copia collazionata, e firmata nel di lui domicilio consegnandola ad un suo servidore = Fatto a Catania il dì sette Maggio 1828 = L’importo è di g.na 24
Giovanni Platania Usciere”


7. d. 12, ff. 54 – 57, [1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Supplica di don Luigi Naselli e Grimaldi, amministratore del Principe Colonna, e rescritto del 03/06/1788 con cui l’Arcivescovo di Messina conferma l’atto del 17/05/1788. Si parla dello ‘ius patronatus’ dei Gioeni prima e poi dei Colonna con relativo privilegio e procedura canonica. L’aumento della congrua non spetta all’’Università’ di Castiglione ma al Principe. Rescritto dell’Arcivescovo.]
“Ordine Arcivescovile di approvazione all’assegno di sopra Congrua Parrocchiale. 3 Giugno 1788”

[f. 54r]
Illustrissimo, e Reverendissimo Signore
L’Illustre Don Luigi Naselli, e Grimaldi Marchese Flores
Qual Procuratore Generale del Gran Conte Stabile Don
Filippo Colonna Gioeni Patrono della Arcipretura della
Città di Castiglione espone dicto nomine, col dovuto
Rispetto a V. S. Illustrissima, e Reverendissima, come
mancato, e deperso un cespite membro delle rendite
di essa Arcipretura, furono da V. S. Illustrissima, e
Reverendissima aumentate, e supplite a quel Par=
roco in Agosto 1780 annue onze trentaquattro per
interinaria providenza sopra certi attrassi dell’ope=
ra Ecclesiastica piam.e Fundata da un di lui
consanguineo fu Vicario D. Giuseppe Coniglio; onde
dovendosi li stessi attrassi un giorno estinguere, ove
verrà ad empirsi l’arco del credito dell’opera contro
i sogiogatarj, ed essendo in conseguenza tal suplez.ne
promodale perché sopra rendite temporanee, e
non perpetue come esser dovrebbero, l’additato Ar=
ciprete implorò dal Governo la providenza del
surrogato in rendite perpetue sopra quella Universi=
tà. Dietro a tale petizione si servì il Tribunale
del Patrimonio in esecuzione dell’incarico di Sua

[f. 54v]
Eccellenza de’ quattro del caduto Gennaro ordinare
a quei Giurati di Castiglione, con Dispaccio dei
14 di detto mese, d’informarlo distintamente
sù la dimanda, e di soggiungere quanto altro si
avrebbe da loro stimato degno per la superiore
Intelligenza del Tribunale; In adempimento di tale
Incarico manifestarono detti Giurati al cennato Tribu=
nale con sua responsiva del primo Marzo prossimo pas=
sato che si avrebbe subito da loro corrisposto il chie=
sto surrogato su le rendite di quella Università
ma per essere quella Arcipretura un beneficio di
antico gius Patronato della Famiglia Gioeni, oggi
passata in quella di Colonna da cui riconosce le
rendite deperse, e le rimanenti che esistono, e detto
Beneficiale al par dei di lui Predecessori fù no=
minato, e presentato a V. S. Illustrissima, e Reve=
rendissima da detto Patrono, così la chiesta supple=
zione di augumento spettava al cennato Patrono
di farla giusta lo stabilimento de’ Sagri Canoni,
massime per quelli Patroni che anno il privi=
legio di nominare unico soggetto, e questo dopo no=
minato innanti la presentazione poterlo variare
e mutare come nel caso presente siamo, preroga=

[f. 55r]
tiva tale, che fa caratterizare dai Canonisti
la sussecutiva istituzione dell’Ordinario per la
collazione necessaria. Dietro la quale previa
la Fiscale recognizione, ed intese le ragioni
del Patrono fù dal ridetto Tribunale deciso di
corrispondersi dal sudetto Barone Patrono, o suo
Amministratore su le rendite di quello stato di Casti=
glione il supplimento della congrua spettante
all’enunciato Beneficiale nella somma di sopra
espressata, come per Dispaccio Patrimoniale dei
14 del caduto Aprile, presentato, ed esecuto nella
Corte Giuratoria di Castiglione sotto li 19 dello
stesso mese, e mandato di assenso (?) del primo Mag=
gio qui dentro avvolti, alli quali, ed avendo esso
Oratore dicto nomine fatta la corrispondente pu=
blica assegnazione del sudetto surrogato, suple=
zione, augumento, o sia sopra dotazione in favore
dell’enunciato Parroco, e suoi successori presso le
Tavole di Notar D. Francesco Lionti di Palermo
Sotto li 17 del corrente mese di Maggio 1788, sup=
Plica quindi la Bontà di V. S. Ill/ma, e Reveren=
dissima perché si compiaccia spedire le solite
Lettere di conferma di essa sopradotazione

[f. 55v]
e disporre che si registrasse , e si conserbasse nella
sua Arcivescovile Cancelleria , il sudetto atto di sopra=
dotazione, e così supplica V. S. Ill/ma, e Revma
quam Deus sospitem diutis.me servet || –
‘ Die tertia Junii 1788.
‘ Confirmetur Actus, et confirmato reducatur in
‘ Actis, et expediantur Literae in Forma = Firmati =
‘ Nicolaus Archiep.s Mess.s =
‘ Marino Ass.r =
‘ S.t Perciabosco =

Dal suo Originale esistente
Nell’Archivio della Gran Corte
Arciv.le di Messina fu tratta la
Presente copia, e rilasciata il dì
Marzo 1828.
Giuseppe Rombes Mro Not.o ed Archiv.o
Reg.a in Messina li 13 Marzo 1828.
Lib. 3. Vol. 129. Fog. 37. V. Cas. 2 – Nu=
mero 5985 – pag.to gr. 20
Il Ric.e
[Firma illeggibile]


8. d. 13, ff. 58 – 61, [1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Lettera del Principe di Caramanico ai Giurati di Castiglione. Si stabilisce, in risposta alla loro richiesta, che l’aumento di congrua all’Arciprete spetta al Principe Colonna e non all’’Università’ di Castiglione. E’ riportato il testo della lettera dei Giurati dell’01/03/1788. La rendita dell’Arciprete è venuta meno perché il fondo Balsamà si è “deperso, ed intieramente avvalancato, e sprofondato”.]
“Dispaccio Regale per darsi la supplezione di Congrua Arcipretale di Castiglione. 14 Aprile 1788” 

[f. 58r]
“Ferdinandus R. Mag: Reg: Fid: dil: = Con una
rappresentanza del primo Marzo 1788 manifestato=
ci avete quanto siegue = Eccellentissimo Signore
Facendo presente l’Arciprete di questa Chiesa
al Governo di avere ritratto in augumento, e sup=
plezione di sua congrua rendite tali che non sono
com’esser dovrebbero di natura durevoli, e perpetue
implorò la providenza del surrogato delle medeme
sopra questa Università. Dietro a tale istanza
si servì il supremo Tribunale dietro l’incarico di
Sua Eccellenza dei 4 del caduto Gennaro prescri=
verci d’informarlo distintamente su l’assonto
e di soggiungere quanto altro si stimerebbe de=
gno pella sua Superiore intelligenza, come me=
glio per riv/mo Patrimonial Dispaccio dei 14
di detto mese al quale servendo noi l’Ecc.a
Vostra dell’ordinatoci informo le rassegniamo
Che per essersi deperso, ed intieramente avvalan=
cato, e sprofondato un cespite in contrata detta
Balsamà sito in questo Territorio membro delle
Rendite di questa Arcipretura, e rimasta la
solita rendita di annue onze 16 per conto della
stessa, ed in considerazione ancora di doversi

[f. 58v]
dall’additato Parroco fare un mantenimento
corrispondente alla propia qualità, ed origine
furono allo stesso augumentate, e supplite dal
Diocesano di Messina annue inze 34 per interi=
naria providenza sopra certi attrassi dell’opera
Ecclesiastica piamente fondata da un di lui
consanguineo fu Vicario D. Giuseppe Coniglio
Onde dovendosi li stessi attrassi un giorno es=
tinguersi, ove verrà ad empirsi l’arco del credito
dell’opera contro i soggiocatarj, ed essendo in
conseguenza tal suplezione promodale perché
sopra rendite temporanee, e non perpetue, come
esser dovrebbero, convenghiamo, che spetta al
cennato Arciprete il chiesto surrogato di rendite
sicure, e durevoli di annue onze 34 eius vita
durante pell’addotto riflesso di sopra di essere
di Nobile Schiatta Messinese, requisito tale che
gli fece meritare la favorevole risoluzione di
Vostra Eccellenza previa la Fiscale recogni=
zione di gioijre le Franchigie sopra il pro=
prio Patrimonio Sagro di onze 22 annue per
capitale dionze 440 | e per li suoi successori
Arcipreti di ann. onze 24, quale da noi senza

[f. 59r]
riparo per averci fatto detto Parroco ad eviden=
za costare che l’attuale effettivo Introito della
congrua dell’Arciprete è di sole annue onze 16, si
avrebbe subito corrisposto tutti gli attrassi
sù la rendita di questa Università. Ma poic=
chè questa Arcipretura è un Beneficio di
antico Gius Patronato della Famiglia Gioeni
oggi passata in quella di Colonna, da cui
riconosce le rendite deperse, e le rimanenti
che esistono, e detto Benef.le al par dei di lui
Predecessori fù nominato, et presentato al su=
detto Diocesano dal Signor D. Filippo Colon=
na Gran Conte Stabile qual Padrono, così non
possiamo dispensarci di sommettere alla supe=
riore intelligenza dell’Eccellenza Vostra che la
sudetta supplezione, ed augumento di annue
onze 34 vita durante dell’attuale Arciprete
D. Antonino Michele Sardo, ed ann. onze 24 pelli
di lui successori pro tempore spetta da farsi dal
cennato Padrono giusta lo stabilimento dei Sagri
Canoni massimi peer quelli Padroni che anno
Il Privilegio di nominare unico soggetto, e questo
Dopo nominato innanti la presentazione

[f. 59v]
poterlo variare e mutare come nel caso presente
siamo prerogativa tale che fa caratterizare dai
Canonisti la sussecutiva Istituzione dell’ordina=
Rio per collazione necessaria, e non già sopra le
Rendite di questa Università, e facendole con
ciò profondissimo Inchino ci diamo la gloria
di socriverci. Dietro alla quale previa la
Fiscale recognizione providdimo = Panormi die
14 Aprilis 1788 = Respondetur ad mentem = E sic=
come troviamo che l’Illustre Marchese Flores
Procurator Generale di sudetto Padrono Colonna
non incontra riparo a dare il chiesto surrogato
al riferito Parroco perciò e che a voi in risposta
Facciamo le presenti, con le quali vi ordiniamo
di far corrispondere dal sudetto Barone Padrono
e suo Amministratore su le rendite di cod.o Stato
il supplimento della congrua spettante all’enun=
ciato Parroco nella somma però di sopra espressata
Tanto religiosamente eseguirete senza dare mot=
tivo di ulteriori ricorsi, e non altrimenti = Da=
tum Panormi die Decima quarta Aprilis
1788 = Il Principie di Caramanico Perramuto (?)
C. P. = De Andrea Cons.r = Natale M. V.

[f. 60r]
Damiani F. P.s = Antoninus Oliveri Seg.rius
Mag.r Not.s. Alli Magnifici Giurati di Castiglio=
ne per far corrispondere dall’Amministrazione
Baronale il supplimento della Congrua dovuto
al riferito Parroco come sopra = Present.r et exeq.r
La Monica Iuratus = Pagliaro Iuratus = Abbate
Iuratus = Die decima nona Aprilis 1788. Fer=
rara Mag.r Notarius = Copia =
D. Epiphanius Savoca pro Mag.r Not.s Collatione Salva =
Dal suo Originale esistente
nell’Archivio della Gran Corte
Arcivescovile di Messina fu tratta
la presente copia, e rilasciata il
dì 13 Marzo 1828.
Giuseppe Rombes Mro Not.o ed Archiv.o
Reg.a in Mess/a li 13 Marzo 1828.
Lib. 3. Vol. 129. Fog. 37 V.° Cas. 4. Nu-
mero 5987. pag.to gr. 20
Il Ric.e
[Firma illeggibile]”


9. d. 14, f. 63, [1788], in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Ricevuta di pagamento 01/05/1788. D. Vito Sardo, procuratore dell’arciprete D. Antonino Michele Sardo, riceve da suo padre D. Giuseppe Luigi Sardo (autore del ms. ‘Cose memorabili …’) “uti Secreto et Administratore Economico Domini Magni Comitis Stabuli Don Philippi Colonna Gioeni Patroni Archipresbyteratus” onze 11 e tarì 10 “pro tertio anticipato” “ex causa illarum uncearum triginta quatuor annualium”. Dunque: D. Vito Sardo, fratello dell’arciprete riceve dal padre, a nome del fratello, la rata anticipata delle onze 34 annuali da conseguire in tre rate di onze 11 e tarì 10. La ricevuta è precedente all’atto di ‘contentamento’ che sarà fatto a Palermo il 17 maggio 1788, nel quale l’arciprete si accontenterà soltanto di onze 24 annuali. Segue l’ordine regale del 14 aprile 1788 che indicava nel principe Colonna, come ‘Patrono’ dell’Arcipretura, il responsabile dell’aumento di congrua chiesto dall’arciprete.]

[f. 63r]
“Die primo Maij Sestae Inditionis
Millesimo Septicentesimo octuagesimo octavo
Don Vitus Sardo hujus Civitatis Castrileonis mihi Notario cognitus coram
nobis interveniens ad haec uti Procurator Generalis Reverendissimi
Sacrae Theologiae Professoris D.n Antonini Michaelis Sardo Archipre-
sbyteri Parochi et Beneficialis Ecclesiarum hujus praedictae Civita-
tis dicto nomine sponte praesentialiter et manualiter numeran-
do habuit et recepit, prout habet et recepit a Spectabile U. J.
D. D. Joseph Aloysio Sardo ejus Patre uti Secreto et Admini-
stratore Economico Domini Magni Comitis Stabuli Don Philip-
pi Colonna Gioeni Patroni Archipresbyteratus hujus pradi-
ctae Civitatis unceas undecim et tarenos decem in pecunia
aurea et argentea iusti ponderis et numeri per manus me-
as infrascripti Notarii ut constat ecc.
Sunt dictae unceae undecim et tareni decem superius solutae pro
tertio anticipato curso ab hodie in anthea et maturando in
ultimo die mensis Augusti sextae Ind.s instantis millesimi octi-
centesimi octuagesimi octavi ex causa illarum uncearum tri=
gintaquatuor annualium dicto Reverendissimo Archipresby=
tero de Sardo spectantium et competentium jure augu-
menti sive supradotationis Parochialis et Archipresbytera-
lis congruae in vim Literarum E. S. et Supremi Tribu-
nalis Regj Patrimonii datarum Panormi sub die decimaquar-
ta Aprilis proximi praeteriti millesimi octocentisimi octua-
gesimi octavi praesentatarum et exequatarum in Offi=
cio hujs Curiae Juratoriae sub die decimanona ejusdem
mensis per Juratos praesentes et in vim pariter man=
dati assensus expediti per actuales Juratos hodie paulo
anthea, quibus omnibus scripturis plena habeatur re-
latio et non aliter ecc.
Iuraverunt ecc. = Unde ecc.
Testes Don Callistus Buda et Angelus Sgroi
Exemplata dagli atti del fu N.r D. Gaetano Vecchio di Casti-
glione per me D. Concetto Saglimbene Notajo Conser-
vadore di detti atti. Oggi lì dodeci Settembre 1828. Copia.
Spese Not.gr. 5 – rep. gr. 10, atto gr. 10. Totale
25. Not. Saglimbene. [Timbro]
| n.° 1401. reg.ta in Ling.a lì dodeci Settembre 1828
al Lib. 1. Vol. XXI. Fol. 92 (?). retro
Ricevuto gr. cinque
Il Ricevitore                         [Timbro]
G Stagnitti”


10. d. 15, ff. 64 – 146, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Ricevute del pagamento della congrua dal 1788 al 1817 … Non più, però, onze 11 e tarì dieci, ma onze otto. Tutte queste ricevute, come del resto la precedente, sono state fatte in copia dell’arciprete Calì il 12/09/1828 per corredare la sua richiesta di pagamento degli arretrati alla Principessa Rospigliosi-Colonna nella causa presso il Tribunale Civile di Catania.]
a)[ 64r]
Die trigesima Augusti VI Ind.
Millesimo semptemcentesimo [sic] octuagesimo octavo
Rmus S. Th. P.r D. Antoninus Michael Sardo hujus Civ.s Ca-
strileonis m. n. c. c. n. interveniens ad haec uti Archipresbyter
Parochus et Beneficialis hujus praed.ae Civitatis dicto nomine
spontē praesentialiter ac manualiter numerando habuit, et
recepit, prout habet, et recipit a Spectabile I. U. D. D.
Joseph Aloysio Sardo, et Palermo ejus Patre uti Secreto
et Administratore Economico Status Dni Magni Comitis
Stabuli D. Philippi Colonna Gioeni Patroni Archipre-
sbyteratus hujus praed.ae Civ.s m. n etiam c. praesente
et stipulante uncias octo in pecunia aurea justi pon-
deris, et numeri per manus meas infrascripti Not| ut
constat ||
Et sunt d.ae unceae octo superius solutae pro tertio antici-
Pato cursuro a primo die mensis septembris p. v.
Ind. 1788 in anthea, et maturando in ultimo die Men-
sis Decembris 7 Ind. 1788. ex causa illarum unciarum
viginti quatuor annualium d.o Rmo Archip.o de Sardo
spectantium, et competentium jure augumenti sive
supradotationis, et Parochialis Congruae in vim litera-
rum E. S. et Supremi Tribunalis Regii Patrimonii
dat. Panormi sub die 14 Aprilis p. p. 1788.
praesentatarum, et exq.rum in Curia Iuratoria sub
die 19. ejusdem Mensis Aprilis per Iuratos prae-
teritos, et vigore pariter Mandati assen.tus expe-
diti per Officiales Actuales Iuratos hujus praed.ae
Civ.s sub die prima Maii VI Ind. 1788. quibus omnibus
scripturis plena habeatur relatio , et non aliter ||
Declarans per presentem praed.s Rmus Archipresbyter
de Sardo se fore et esse contentum de praed.s unceis
octo dependentibus ex unceis viginti quatuor annualibus

[f. 64v]
ei, ejusque successoribus assignatis pro praedicto augu-
mento Congruae portionis ad mentem actus contenta-
menti initi, et firmati inter ipsum , et Illustrem Mar-
chionem Flores D. Aloysium Naselli , et Grimaldi Pro-
curatorem Generalem dicti Dni Magni Comitis Stabuli
Patroni per acta Not/ D. Francisci Lionti Panormi-
tani sub die 17. Mensis Maii 6 Ind. 1788; et literarum
Confirmationis expeditarum per Magnam Curiam Ar-
chiepiscopalem Messanae sub die 3. Mensis Junii
1788; quibus || non obstante quod ex serie dictarum
literarum Patentalium appareret augumentum praed.ae
Congruae statutum in unceis trigintaquatuor ann/, et
pro tertio anticipato maturato, et soluto in mense
Maii p. p. 1788. in sequela praecitati Mandati
assensus ante stipulationem praed.i actus Contanta-
menti dictus Rmus Archip.r de Sardo habuerit
et receperit unceas undecim, et tarenos decem,
ut dixit renuncians || Iuravit tacto pectore ||
Unde ||
Testes D. Callistus Buda, et Magister Joseph Manitta
[Timbro]            Esemplata dagli atti del fu N.r D. Gaetano Vecchio di
Castiglione per me D. Concetto Saglimbene Notajo
Conservadore di detti Atti. Oggi li dodeci Settembre
1828 – rilasciata –
N.° 1400 reg.ta in Ling.a li dodeci Settembre 1828
al Lib. I vol. XXI Fol. 52 retro cas. 1a
[Timbro] Ricevuta gr. cinque
Il Ricevitore
G.Stagnitti”
[Altre ricevute]

  1. b) [ 65r] 06/01/1789                  Onze otto
  2. c) [ 66r] 12/05/1789                  Onze otto
  3. d) [ 71r] 10/09/1789                  Onze otto
  4. e) [ 72r] 12/01/1790                  Onze otto
  5. f) [ 73r] 10/05/1790                  Onze otto
  6. g) [ 74r] 01/09/1790                  Onze otto
  7. h) [ 75r] 02/01/1791                  Onze otto
  8. i) [ 76r] 01/05/1791                  Onze otto
  9. l) [ 77r] 05/05/1792                  Onze otto
  10. m) [ 78r] 08/01/1793                  Onze otto
  11. n) [ 79r] 06/05/1793                  Onze otto
  12. o) [ 89r] 08/09/1794                  Onze otto
  13. p) [ 90r] 01/09/1796                  Onze otto        [Dal f. 90 passa al f. 100]
  14. q) [ 100r] 01/01/1798                  Onze otto
  15. r) [ 101r] 01/01/1799                  Onze otto
  16. s) [ 102r] 01/01/1800                  Onze otto
  17. t) [ 103r] 24/01/1801                  Onze otto
  18. u) [ 104r] 02/01/1802                  Onze otto
  19. v) [ 105r] 02/01/1803                  Onze otto
  20. z) [ 106r] 09/01/1804                  Onze otto
  21. aa) [ 107r] 30/01/1805                  Onze otto
  22. ab) [ 108r] 08/01/1806                  Onze otto
  23. ac) [ 109r] 02/01/1807                  Onze otto
  24. ad) [ 110r] 05/01/1808                  Onze otto
  25. ae) [ 111r] 04/01/1809                  Onze otto
  26. af) [ 112r] 12/01/1810                  Onze otto
  27. ag) [ 128r] 13/01/1811                  Onze otto
  28. ah) [ 129r] 02/02/1812                  Onze otto
  29. ai) [ 130r] 19/01/1813                  Onze otto
  30. al) [ 131r] 05/05/1814                  Onze otto
  31. am) [ 132r] 07/09/1814                 Onze otto        [Due ff. numerati 132]
  32. an) [ 132bis] 04/02/1815               Onze otto
  33. ao) [ 133r] 15/05/1815                  Onze otto
  34. ap) [ 134r] 17/03/1816                  Onze otto
  35. aq) [ 135r] 15/01/1817                  Onze otto
  36. ar) [ 136r] 04/09/1817                  Onze otto

11. d. 16, ff. 151 – 154, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[1828. Causa arciprete Calì – Principessa Margherita Gioeni Colonna. Documenti (n. 40) che l’avvocato dell’arciprete comunica all’avvocato della Principessa.]

[f. 151r]
Il Signor D.n Carlo Crispo Patrocinatore del Si=
gnor D.n Giambattista Calì Sardo Arciprete di
Castiglione comunica al Signor D.n Rugiero Lom=
bardo Patrocinatore della Signora D.a Margherita
Gioeni Colonna Principessa di Castiglione i se=
guenti documenti
1. Copia di Apoca stipolata pel Notaro D.n Gaetano
Vecchio di Castiglione nel dì 1° Maggio 1788:
a favore di D.n Giuseppe Luigi Sardo qual Se=
greto ed Amministradore di D.n Filippo Colon=
na Gioeni contro D.n Vito Sardo qual Procura=
tore di D.n Antonino Michele Sardo Arciprete
di Castiglione, Reg: in Linguaglossa lì 12. Set=
tembre 1828. al n.° 1401: lib: 1° vol. 21: fo: 52:
retro cas: 2.a ric.ti grani cinque = Il Ric.e G. Sta=
gnitti ___
2. Copia di altra Apoca stipolata dal detto Notaro
nel dì primo Agosto 1788: a favore del detto
Sardo qual Segreto, ed Amministradore del det=
to Colonna contro il sudetto Arciprete Sardo,
Reg: in Linguaglossa lì 12: Sett.e 1828; n.° 1400:
al lib: 1: vol: 21: fo. 52: retro cas. 1.a ric.to gr: 5:
Il Ric.e G: Stagnitti _____
3. Copia di altra Apoca stipolata dal detto Notaro
nel dì sei gennaro 1789: a favore di det=
to Amministradore contro detto Arciprete

[f. 151v]
Reg: in Linguaglossa il 12: Sett.e 1828 n.° 1399
lib: 1° vol: 21 fo. 52: cas. 6.a ric.ti gr: cinque
Il Ric.e G. Stagnitti ___
4. Copia di altra Apoca stipolata dal detto Notaro
nel dì 12 Maggio 1789: a favore di detto
Amministradore contro detto Arciprete re=
gistrata in Linguaglossa nel dì 12 Sett.e 1828
num: 1398: al lib: 1° vol: 21: fo: 52: cas. 5:
Ric.ti gr: 5: il Ric.e G. Stagnitti ___
5. Copia di altra Apoca stipolata dal detto No=
taro nel dì 10: Sett.e 1789: a favore …
6. 40: […]

[f. 154r]
E ciò in appoggio alla Causa tra esse parti
vertente in questo Tribunale Civile.
E nel tempo istesso resti avvisato il detto
Signor Lombardo che la causa sudetta
viene a discutersi in questo Tribunael nel
dì ventisette andante Settembre e sua
sua [sic] continuazione, quindi che v’interven=
ga se lo crede di suo interesse.
Fatto a Catania il 26: Sett.e 1828:
DCarlo Crò […]
Il superiore atto d’unita alle copie de’ sudet=
ti documenti è stato notificato da me sotto
scritto Usciere presso il Tribunale Civile
di Catania qui domiciliato, al Signor D.n
Rugiero Lombardo Patrocinatore a

[f. 154v]
a cui ho lasciato copia collazionata d’unita
ai sudetti documenti, e da me firmata nel
suo domicilio consegnandola ad una sua
domestica ____
Fatto a Cat.a il 26: Settembre 1828: ___
[…]”


12. d. 17, ff. 155 – 160, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Sentenza della causa Arciprete Calì – Principessa Margherita Gioeni Colonna. 1828. L’arciprete chiede gli arretrati a partire dal primo febbraio 1822. In effetti è diventato arciprete il sedici giugno 1823. Dopo la morte dell’arciprete Antonino Michele Sardo, avvenuta il trentuno gennaio 1822, pare sia stato economo parrocchiale Don Francesco Ferrara. La richiesta dell’arciprete non tiene conto di questo anno e mezzo di ‘reggenza’. C’è da chiedersi se nelle sue intenzioni gli arretrati richiesti siano destinati per questo periodo al sac. Ferrara, e non piuttosto semplicemente all’arciprete, cui per diritto competono. In effetti lo ‘ius patronatus’ dovrebbe riguardare l’arcipretura e per essa l’arciprete pro tempore, non già l’amministratore in attesa della nuova nomina. Perché questo lungo periodo dalla morte dell’arciprete Sardo alla successione dell’arciprete Calì? Quali contrasti? Ma se già nel 1818 sembra essere cessato lo ‘ius patronatus’ …. Pare che si richieda ad un’autorità ormai estinta il saldo di arretrati che in ogni caso dovrebbero ritenersi persi per sempre. L’atto di ‘contentamento’ del 17/05/1788, cui costantemente si fa riferimento, dovrebbe essere legalmente decaduto dal momento in cui l’arcipretura nel 1818 è stata sottratta al patronato dei Colonna…Eppure nel 1828 l’arciprete Calì si rivolge ad un Tribunale per richiedere non solo i suoi diritti attuali ma anche gli arretrati, e arretrati per un periodo (01/02/1822 – 15/06/1823) in cui non era affatto arciprete!]

[f. 155r]
Francesco Primo pella grazia di Dio Re
del Regno delle due Sicilie, di Geru=
salemme ||, duca di Parma, Piacenza,
Castro ||, Gran Principe Ereditario di
Toscana ||| ___
Il Tribunale Civile della Valle di Ca=
tania ha renduto la seguente Sen=
tenza ___
Nella causa iscritta a ruolo generale
numero undecimille duecento ven=
tuno ___
Tra = Il Signor Don Giovan Battista Calì
Sardo Arciprete domiciliato in Casti=
glione, attore patrocinato dal Signor
Don Carlo Crispo ___
Contra = I Signori Conjugi Don Giulio Cesare
Rospigliosi citato per autorizzare Donna
Margherita Gioeni Colonna di lui mo=
glie, e quest’ultima convenuta prin=
cipalmente, domiciliati in Roma,
la sola Donna Margherita patrocina=
ta dal Signor Don Ruggiero Lombar=
do, e l’altro contumace ___
Il Signor Crispo conchiuse: che piaccia
al Tribunale dichiarare la contumacia

[f. 155v]
del Signor Rospigliosi, e quindi auto=
rizzare a stare in giudizio la detta
Principessa Donna Margherita Gioe=
ni Colonna, e voglia aggiudicare
le domande contenute nell’atto di
citazione del dì sedici Febbrajo mil=
leottocentoventotto, dirette ad otte=
nere che sia la medesima condanna=
ta in beneficio dell’istante qual
Arciprete di Castiglione al paga=
mento di onze cento trentaquattro
dovute per cinque anni, e mesi set=
te di arretrati di quella somma
di onze ventiquattro annualmen=
te dovuta in primo luogo dal fu
Don Filippo Gioeni Colonna Gran
Contestabile, ed oggi da detta Prin=
cipessa Donna Margherita quale
figlia, ed Erede di detto Don Filippo
per supplimento di congrua Par=
rocchiale a detto Arciprete, in vir=
tù di atto di contentmento sti=
pulato nel dì diciassette mag=
gio mille settecento ottantot=
to per gli atti di Notar Don Fran=

[f. 156r]
cesco Lionti di Palermo, corsi detti
arretrati dal giorno primo Feb=
braio mille ottocentoventidue
sino al dì della domanda, e condan=
narla agl’interessi legali, ed alle
spese del giudizio ___
Il Signor Lombardo conchiuse: che
piaccia al Tribunale dichiarare
la contumacia pria del Reo citato,
e non comparso, riunirne l’effetto,
dichiarare inammissibile, ed in o=
gni evento rigettare la domanda
dell’attore, perché non poggiata né
al dritto, né al fatto. E ciò sotto tut=
te le riserve di poter addurre tutte
altre ragioni alla patrocinata, com=
petenti, e condannare la contropar=
te alle spese ___
Costa in fatto; che con atto dell’uscie=
re Giovanni Platania del dì sedici
Febbrajo mille ottocento ventotto
|1| ad istanza di detto Arciprete
Calì Sardo furono citati i Signori
Conjugi Don Giulio Cesare Rospi=
gliosi, e Donna Margherita Gioeni

[f. 156v]
Colonna Principe, e Principessa di Ca=
stiglione domiciliati in Roma,
ad al domicilio del Signor del Anto=
nio Lombardo procuratore del Re
presso il Tribunale Civile di Catania
a comparire nel termine di giorni qua=
ranta, oltre l’aumento legale, se loro
competeva, all’udienza del Tribuna=
le Civile di Catania detto Signor
Principe per autorizzare la di lei
moglie Signora Principessa a stare
in giudizio, e quest’ultima per sen=
tirsi condannare in beneficio dello
istante quale Arciprete di detta
di Castiglione al pagamento di onze
centotrentaquattro dovute per cin=
que anni, e mesi sette di arretrati
di quella somma di onze venti=
quattro annualmente dovuta
in primo luogo dal fu Don Filip=
po Gioeni Colonna Gran Contesta=
bile, ed oggi da detta Principessa
Donna Margherita quale figlia,
ed Erede di detto Don Filippo per
supplemento di congrua Parrocchia=

[f. 157r]
le a detto Arciprete in virtù di
atto di contentamento stipulato
nel dì diciassette Maggio mille=
settecento ottantotto per gli
atti di Notar Don Francesco Lionti
di Palermo, corsi detti arretrati
dal giorno primo Febbraio mille=
ottocento ventidue, sin oggi; E per
essere condannati agl’interessi
legali, ed alle spese del giudizio;
unitamente a tale citazione fu
notificato l’atto del dì diciassette
Maggio mille settecento ottan=
totto, del quale si terrà conto alla
diffinitiva; Ed il Signor Crispo
Patrocinatore procedeva per detto istan=
te ____
A sei Maggio mille ottocentoven=
totto con atto dell’Usciere suddet=
to Platania |2| il Signor Don Ruggie=
ro; Lombardo Patrocinatore si costi=
tuì per la difesa di detta Princi=
pessa Donna Margherita Gioeni
Colonna ____
A ventisei Settembre mille otto=

[f. 157v]
centoventotto Il Signor Crispo con
atto del detto Usciere Platania |3|
comunicò al Signor Lombardo alcu=
ni documenti, de’ quali si terrà conto
nella diffinitiva; e nel tempo istesso
lo chiamò all’Udienza del Tribunale
Civile per la discussione della causa ___
Costa, che nel dì quattro Novembre
si trattò da detti Patrocinatori
la causa all’udienza del Tribuna=
le Civile nella contumacia di detto
Principe Rospigliosi ___
I punti di dritto sono quelli stessi
elevati dal Tribunale ___
Intesi i Patrocinatori ___
Visti gli atti
Riunito il Tribunale in camera di
Consiglio il Presidente ha elevato
le seguenti quistioni ___
E’ luogo alla riunione della contu=
macia? ___
Le spese? __
Considerando, che se di due, o più
persone citate l’una è contumace, e l’al=
tra comparisce è luogo alla riunione

[f. 158r]
della contumacia ___
Considerando, che ove non si pronuncia dif=
finitavamente sul merito, le spese deb=
bano restar riserbate ___
Il Tribunale pronunciando praparato=
riamente; dichiara la contumacia del
Signor Principe Don Giulio Cesare Ro=
spigliosi citato, e non comparso, e ne riu=
nisce l’effetto per decidere con una
sola, e medesima Sentenza fra tutte
le parti ___
Le spese all’esito ____
Destina l’Usciere Don Alessandro Mar=
letta per notificare la presente al
contumace ___
Giudicato a Catania dai Signori Don
Francesco Ponte Presidente, Don Pie=
tro Pennisi Valerio Giudice, e Don
Giuseppe Candura Giudice, presente
alla discussione il Signor Don An=
tonio Lombardo Regio Procuratore
il giorno otto Novembre mille ot=
tocento ventotto = Firmati = Fran=
cesco Ponte Presidente = Giuseppe
Loreto Cancelliere ____

[f. 158v]
Numero quindecimilaquattrocentosessantuno
Registrato a Catania lì undeci
Dicembre mille ottocento ventotto
libro terzo, volume cento sei ___
folio ventuno casella prima
ricevuti grana trenta – Costanzo
Ricevitore ___
|1| Registrato in Catania nel dì di=
ciotto Febbrajo mille ottocento=
ventotto al numero duemille ot=
tocento ventiquattro __
|2| Registrato a Catania nel dì nove
Maggio mille ottocento ventotto
al numero ottomille trecento di=
ciannove ___
|3| Registrato a Catania el dì venti=
sei Settembre mille ottocento=
ventotto al numero diciottomille=
seicento cinquantasette ___
Comandiamo ed ordiniamo a tutti
gli Uscieri che ne saranno richie=
sti di porre ad esecuzione la detta
Sentenza; ai nostri Procuratori Ge=
nerali, ed ai nostri Procuratori Regj
di darvi mano; a tutti i Comandanti

[f. 159r]
ed Uffiziali della pubblica forza
di prestarvi braccio forte, allorchè
ne saranno legalmente richiesti ___
In fede di che la presente Sentenza
è stata sottoscritta dal Presidente
del Tribunale, e dal Cancelliere ___
Rilasciata a Catania lì undeci
Dicembre milleottocentoventotto
Per Ispedizione
Il Cancelliere
GLoreto
[…]               [Timbri]
L’anno mille ottocento ventotto il giorno

[f. 159v]
diecisette Dicembre; in Catania _
Ad istanza del Sig.r D. Gian Battista Calì
Sardo Arciprete domiciliato in Castiglione
patrocinato dal Sig.r D. Carlo Crispo Patro=
cinatore del Sig.r (?) che continuerà a procedere
per lo stesso _____________
Io Alessandro Marletta Usciere del Tribu=
nale Civile di Catania domiciliato strada
Etnea n.° 53: a tal uopo destinato ho no=
tificato la presente Sentenza al Sig.r
Giulio Cesare Rospigliosi proprietario
domiciliato in Roma nel Domicilio del
Sig.r Procuradore del Re d.r d.n Antonio
Lombardo per avere scienza, e per tutti
gli effetti di legge ___
Nel tempo stesso ho citato d.o Sig.r di
Rospigliosi nel domicilio di d.o Sig.r Pro-
curatore del Re per comparire all’
Udienza del Tribunale Civile di Cata-
nia il giorno trentuno dell’entrante
Gennaro milleottocentoventinove colla
continuazione per sentir decidere diffi=
nitivamente, ed in gradi di contumacia
riunita la causa vertente tra le
parti ===
Copia di d.a Sentenza, e del presente
atto collazionata, e firmata è stata
da me lasciata al sudetto di Rispiglio= [sic]
si nel domicilio di detto Sig.r Regio

[f. 160r]
Procuratore, portandolo di persona, ed ha
vidimato l’originale ___
Specifica
Notificare copia d.ti   25.
Copia di Sentenza      25.
Registrare […]            13
d.ti      63
Alessandro Marletta
[…]”


13. d. 18, f. 161r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Causa Arc. Calì – Principessa. Avviso. La causa si discuterà il 21/02/1829: “vi intervenga se lo crede di suo interesse”.].

[f. 161r]
Il Signor D.n Carlo Crispo Patrocinatore
del Signor D.n Giombattista Calì Sardo
Arciprete di Castiglione, avvisa al Si=
nor D.n Ruggiero Lombardo Patrocina=
tore della Signora Principessa D.a
Margherita Gioeni Colonna domici=
liata in Roma, che la causa fra esse
parti vertente in questo Tribunale
Civile di Catania viene a discutersi
nel giorno vent’uno andante; e sua
continuazione, quindi vi intervenga
se lo crede di suo interesse.
Fatto a Catania il dì 14: Febraro 1829:
Carlo Crispo Patro|.
Il superiore atto è stato da me sotto
scritto Usciere notificato al Signor D.n
Rugiero Lombardo Patrocinatore
come sopra a cui ho lasciato copia
collazionata e firmata nel suo domi=
cilio consegnandola ad una sua serva
Fatto a Catania il dì quattordici Febraro 1829.
[…]”


14. d. 19, ff. 166 – 261, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Ricevute delle onze otto dal 1791 al 1817. Cfr. d. 15 . Copie. Integrano le altre. Non sono però autenticate.]

  • a) [ 166] 09/09/1791                  Onze otto
  • b) [ 168] 06/01/1792                  Onze otto
  • c) [ 170] 05/09/1792                  Onze otto
  • d) [ 172] 04/09/1793                  Onze otto
  • e) [ 174] 03/01/1794                  Onze otto
  • f) [ 176] 05/05/1794                  Onze otto
  • g) [ 179] 18/01/1795                  Onze otto
  • h) [ 181] 24/05/1795                  Onze otto
  • i) [ 183] 10/01/1797                  Onze otto
  • l) [ 185] 01/05/1797                  Onze otto
  • m) [ 187] 01/01/1798                 Onze otto
  • n) [ 189] 01/09/1798                  Onze otto
  • o) [ 191] 01/05/1799                  Onze otto
  • p) [ 193] 01/09/1799                  Onze otto
  • q) [ 195] 01/05/1800                  Onze otto
  • r) [ 197] 01/09/1800                  Onze otto
  • s) [ 199] 05/05/1801                  Onze otto
  • t) [ 201] 03/10/1801                  Onze otto
  • u) [ 203] 06/05/1802                  Onze otto
  • v) [ 205] 02/09/1802                  Onze otto
  • z) [ 207] 01/05/1803                  Onze otto
  • aa) [ 209] 01/09/1803                  Onze otto
  • ab) [ 211] 06/05/1804                  Onze otto
  • ac) [ 213] 01/09/1804                  Onze otto
  • ad) [ 215] 14/06/1805                  Onze otto
  • ae) [ 217] 02/09/1805                  Onze otto
  • af) [ 219] 10/05/1806                  Onze otto
  • ag) [ 221] 06/09/1806                  Onze otto
  • ah) [ 223] 13/05/1807                  Onze otto
  • ai) [ 225] 03/09/1807                  Onze otto
  • al) [ 227] 02/05/1808                  Onze otto
  • am) [ 229] 31/08/1808                  Onze otto
  • an) [ 231] 02/05/1809                  Onze otto
  • ao) [ 233] 08/09/1809                  Onze otto
  • ap) [ 235] 08/05/1810                  Onze otto
  • aq) [ 237] 11/09/1810                  Onze otto
  • ar) [ 239] 15/05/1811                  Onze otto
  • as) [ 241] 07/09/1811                  Onze otto

[Alla fine: “A sette Settembre milleottocentoundici si ricevono tarì due e grani otto per regio Dazio dell’un per cento su delle onze otto di sopra pagate …”].

  • at) [ 243] 24/05/1812                  Onze otto
  • au) [ 245] 30/09/1812                  Onze otto

[La cifra pagata all’arciprete è inserita con altri pagamenti: a D. Domenico Corvaja “Tesoriero dell’Università” (onze 6), a D. Mario Reggio “Capitano di Giustizia” (onze 1: 10:), a D. Vito Grasso “Collettore” (onze 2), a Pietro Sgroi “custode della Germaniere” (0nze 3: 3).]

  • av) [ 247] 23/05/1813                  Onze otto
  • az) [ 249] 07/09/1813                  Onze otto

[Testimoni: “li RR. Canonici D. Giuseppe Savoca, e D. Carmelo Prestinicola”.]

  • ba) [ 251] 20/01/1814                  Onze otto
  • bb) [ 253] 20/09/1815                  Onze otto
  • bc) [ 255] 17/06/1816                  Onze otto
  • bd) [ 257] 20/11/1816                  Onze otto
  • be) [ 259] 20/06/1817                  Onze otto
  • bf) [ 261] 04/09/1817                  Onze otto

15. d. 20, ff. 263r266r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Vari censi per il valore di onze 24 assegnati all’Arcipretura dalla Principessa di Castiglione il 01/08/1829. Notaio Lionti di Palermo. D. Giacomo Della Valle, “Procuratore speciale della Eccma Signora D: Margarita Gioeni Colonna in Rospigliosi Principessa di Castiglione”, ratifica l’assegnazione di onze 24 e grani sette all’arc. GB Calì. Si ripercorre la storia dell’assegnazione. L’assegnazione viene fatta davanti al Notaio D. Concetto Saglimbene dal Sig. D. Nicolò Di Marco, “Amministradore de’ Beni di d.i Ec.mi Sig.ri Principe, e Principessa di Castiglione” all’arc. GB Calì e ammonta a onze 24 e grani sette “di cenzi di proprietà dovuti dall’infrascritte persone, cioè …”. Sono elencati 25 censi per il totale di onze 26:20#7.: “Della quale somma fatta legale retenzione al dieci per cento in onze due e tt. venti … Restano di netto onze ventiquattro, e gr. sette”. L’arciprete accetta per sé e i suoi successori. L’assegnazione potrà essere goduta dal primo Settembre 1829. Inoltre: per gli arretrati a partire dal febbraio 1822 l’arciprete è creditore di onze 182! Di queste, in acconto, ne riceve in denaro contante onze 76 e tt. 23 e per le restanti 105 onze e tt. 7 il Di Marco “cede al detto R.mo Sig.r Arciprete, che accetta, in quanto ad onze sessanta quattro, e tt. sedeci contro Antonino Farfaglia, e per esso contro Not. D. Concetto Saglimbene …ed in quanto ad onze quaranta, e tt.ri vent’uno con D. Giuseppe Calì a conto …”. Duqnue: l’arc. Calì l’ha avuta vinta nella causa intentata nel 1828 contro la Principessa. Non solo gli viene reintegrato, anche se in diversi censi, non più in unica soluzione come prima, la congrua di onze 24 annuali, ma ottiene anche gli arretrati dal febbraio 1822. Quando è diventato arciprete? Cfr.! Pare che abbia recuperato anche l’anno di Economato del Sac. Francesco Ferrara! Cfr.! Pertanto: riceve dal Di Marco, in contanti, onze 76 e tarì 23 e le restanti onze 105 e tarì sette li ottiene acquistando i diritti di esazione contro le persone prima indicate (Farfaglia …, D. Giuseppe Calì). L’atto dovrà (come è) essere ratificato dall’Amministratore generale di Palermo D. Giacomo della Valle. Di seguito, nei ff. 267r-270r è riportata altra copia dello stesso atto. Sul retro delle copie è scritto: “Assegnazione di varj cenzi all’Arcipretura di Castiglione con gli Ecc.mi Principe e Principessa di Castiglione. Not. D. Concetto Saglimbene 19 Luglio 1829. Ratificato in Palermo in Not. Lionti 1 Agosto 1829”.]

[f. 263r]
Nelli miei Protocolli al Numero d’ordine ___ leggesi quanto siegue
Regno delle due Sicilie
Il Giorno Primo Agosto
Mille Ottocento ventinove
Regnando Francesco Primo ec. ec. ec.
Davanti a me Dottor in Legge Girolamo Lionti del fu Notar D. Fi-
lippo Regio Notaro esercente nella Capitale Palermo capo luogo di
sua Valle avente lo studio situato Via Bandiera numero cinquan=
totto, ed agli infrascritti Testimoni si è presentato
Il Sig.r D. Giacomo della Valle del fu Pietro di professione Patroci=
natore domiciliaro in Palermo via Tintoria Vecchia n.° 27: no-
to a me Notaro qui agendo colla qualità di Procuratore specia=
le della Ecc/ma Signora D: Margarita Gioeni Colonna in Rospiglio=
si Principessa di Castiglione ai termini della Procura depositata
nelli Protocolli di questo Notaro D: Marc’Antonio Averna li
due Dicembre 18ventiquattro per atto di Deposito Registrato in
Palermo li 3. dello stesso dal Ricevitore Visconti al N.° 38478: il
quale dopo aver cognizione dell’atto d’assegnazione fatto allo
Arciprete, Parroco, e Beneficiale delle Chiese tutte del Comune
di Castiglione D. Giovan Battista Calì di onze ventiquattro, e
grani sette di cenzi di Proprietà in sodisfo delle onze ven=
tiquattro annue assegnate all’Arcipretura Parrocchiale di det=
to Comune ricevuto nelli protocolli di Notar D. Concetto Saglimbe=
ne del detto Comune di Castiglione li diecinove Luglio 18venti=
nove, la cui copia registrata in Linguaglossa li venti dello
stesso dal Ricevitore Stagnitti al N.° 1168. qui si alliga lo
rattifica, ed approva dalla prima sino all’ultima Linea come
sta disposto promettendo l’osservanza dello stesso
Regno delle due Sicilie – Nel Giorno diecinove Luglio = Mille ot-
tocentoventinove – Francesco 1.° Re del Regno delle due Sicilie
Duca di Parma, Piacenza, e Castro ec. ec. ec. – Presso gli atti del fu
Not. D. Francesco Lionti di Palermo li 17. Maggio 1788. fu

[f. 263v]
stipolato atto di assegnazione dall’Il/re Sig.r D. Luigi Naselli, e Grimaldi Marchese Flores Procuradore Gen/le del Gran Contestabile
D.n Filippo Colonna Gioeni Principe di Castiglione in favore del-
la Arcipretura Parrocchiale i questa Comune di Castiglione di
annue onze ventiquattro pagabili di terzo, in terzo anticipata-
mente, indi nel giorno 3. Giugno di detto anno 1788: venne
approvata da S. E. R. Monsignor Arcivescovo di Messina in
vigor di Lettera con firma spedita da quella Gran Corte Arcivesco=
vile __________
Or volendo gli Ecc/mi Signori D.n Giulio Cesare Rospigliosi, e D. Mar-
garita Gioeni Colonna Principe, e Principessa di Castiglione Nobili
Romani disgravarsi di tale annuale Terziaria Prestazione, con as-
segnazione di censi ammontanti nella detta somma di onze
ventiquattro annuali, così d’unanime consenso si è divenuto
all’infrascritto atto di assegnazione; del tenor, che siegue
Per cui davanti a me Not. Concetto Saglimbene del fu Giusep-
pe residente in questo Comune di Castiglione Provincia di Ca=
tania, e degl’infrascrivendi Testimoni si è personalmente co=
stituito Il Sig.r D: Nicolò di Marco del fu Gaetano Possidente
domiciliato in questo Comune a me noto qual Amministrado=
re de’ Beni di d.i Ecc/mi Sig.ri Principe, e Principessa di Castiglio=
ne sotto la garanzia di dritto, e di fatto sotto l’infra/tta
promessa di rato per se, e suoi col nome sudetto assegna
al R/mo Sig.r Arciprete, Parroco, e Beneficiale delle Chiese tutte
di questa Comune D. Giambattista Calì figlio del Sig.r Ba=
rone D:r D. Carlo proprietario domiciliato in questo sudetto
Comune a me noto, che per se, e suoi futuri Arcipreti ac=
cetta la somma di onze ventiquattro, e grani sette di cen-
zi di proprietà dovuti dall’infrascritte persone, cioè
Dal Convento di S. Carlo di Messina in tt. dodeci d.o                  =: 12: =:
Dal Convento di S. Agostino di questa in ta-

[f.264r                                                                            Rip.to  =: 12: =:
ri venticinque                                                                                  =: 25: =.
Da D. Carmelo Ferrara in onza una, e tt. ottobre                           1:  8.
Da D. Gioachino Reggio in onze sei tt. 14: e gr. 10.                     6. 14. 10
Da Giovanni Manciapane in tt. undeci, e gr: 7.                             =  11.  7:
Da Isidoro Chiappazzo per D. Matteo Cata-
nia in tt. otto, e gr: 19:                                                                    =.   8. 19:
Da Suor Teresa Sardo per D: Vito in onza una tt.11.12                1.  11. 12:
Da Domenico Papa in onze due, e tt. 15.                                       2.  15.  =
Da Angelo Filippello del fu Diego, e per es-
so dal Rev. D: Nicolò Ucchino in tt. due, e
gr: 10                                                                                             =.   2. 10.
Da D. Gaetano Abate Labruto in tt: dodeci                                   =.  12.  =.
Da D. Atanasio Camardi per D: Vincenzo San-
ginisi in onze due tt. due, e grani settembre                                   2.    2.  7.
Da D. Francesco Grasso, e D. Domenica Scarlata
per Don Paolo Liotta in tt. undeci                                                  =.  11.  =.
Da D. Gioachino Pafumi di Linguagrossa in tt.ri
quattordici                                                                                      =.  14.
Da D: Carmelo Stagnitti Eredi di D: Rosario di
d.o Comune in tt. quindeci, e grana dieci                                       =:  15. 10.
Da D: Carlo Abate per Andrea Savoca in tt: 3:10.                         =.    3. 10
Cenzi in Frumenti ragionati ad onze due, e                                    17: 17:   5
tt: venti salma
Dalla Madrice Chiesa di Linguagrossa in salme =due                   =. 10. =.
Dalla Chiesa della SS/ma Ann.ta di Linguaglos-
sa in salme = dieci mond:lo uno, e garozzi due                             1:  21. 17.
Dalla Chiesa di S. Antonio di Ling.a in salme = uno                     =.   5.  =.
Da Suor Caterina Puglia di Ling.a in salme = sei
mond.li due, e garozzo uno                                                            1.   2.  10.
Da D: Ferdinando Mannino di Ling.a in salme = die=
ci, e mond.lo uno                                                                            1.  21.   5.
Da D. Giuseppe Scarlata di Ling.a in salme = due [%]                  22. 17. 17.

[f. 264v]                                                                  Rip.to              22. 17. 17.
[%]e mondelli tre                                                                            =.  13.  =.
Da D. Vincenzo Calì di Aci Reale in salme = quattro
e mondelli tre                                                                                  =.  23:  =.
Da D. Francesco Scarlata di Ling.a in salme = sei                           1:  =.   =.
Dagli Eredi di D: Anna Tuccari salme = tre                                  =.  15.  =.
Da D. Vincenzo Camardi in salme = otto                                        1. 10:  =.
Totale                         26. 20.  7.
Della quale somma fatta legale retenzione al
dieci per cento in onze due, e tt. venti                                              2. 20. =. =
Restano di netto onze ventiquattro, e gr. settembre                       24.  =.  7.
Somma corrispondente assegnata alla sudet=
ta Arcipretura
Stante la quale Assegnazione esso R/mo Sig.r Arciprete Calì col det=
to nome, e per esso, e suoi potrà dal primo Settembre 18venti=
nove godere, e disporre de’ suddivisati cenzi come cosa di sua
piena proprietà
E siccome da Febraro 18ventidue per causa delle sudette onze 24. an=
nue a tutto il cadente Agosto 18ventinove, mentre per l’annua-
lità da Settembre 18ventinove ad Agosto 1830: esclusiva an=
nualità si è di sopra fatta assegnazione, resta detto R/mo Arci-
prete creditore in onze cento ottantadue, così il R/mo Sig.r
Arciprete in conto delle sudette onze 182: riceve dal sudetto Sig.r
di Marco col detto nome onze settantasei, e tarì ventitre in de=
naro contante, e per le restanti onze cento cinque, e tari sette
esso Sig.r di Marco col nome sudetto, cede al detto R/mo Sig.r Ar=
ciprete, che accetta, in quanto ad onze sessantaquattro, e tarì sedeci
contro Antonino Farfaglia, e per esso contro Not. D. Concetto
Saglimbene, che deve in causa del prezzo delle Terre, e suoi frut=
ti a scaletta esistenti nell’exfeudo del Mitoscio contrada Ca=
stellaci per atto in Not. D. Angelo Gioeni lì 19. Novembre 1820:

[f. 265r]
Registrato li 10 Febraro 1821. al N:° 269. ed in quanto ad
onze quaranta, e tarì vent’uno contro D: Giuseppe Calì a con=
to di quanto deve sul prezzo delle Terre contrada Mitoscio
per atto in Not. D: Luigi Stagnitti li 29 Marzo 1821. Registra=
to li 31, di esso mese, ed anno al N:° 979.
Per cui il detto Sig.r di Marco col nome sudetto, ha cesso, e cede al
d.o R/mo Arciprete Calì accettante tutti, e singoli dritti, azio=
ni, e ragioni, che ha, e può, e spera avere sulle d.e onze 105:7.
per la di loro esazione contro le indicate persone in vigore
de’ suddivisati atti costituendo || ponendo ||
Stante la quale assegnazione di partite, esso R/mo Sig.r Arci=
pre Calì col nome sudetto gliene fa a detto Sig.r di Marco
col nome sudetto per gli attrassi sudetti da Febraro 1822.
a Settembre 1829: ampia quittanza
Si procede di patto, che il sudetto Sig.r di Marco col cone sudetto sia
tenuto, ed obligato, siccome si obliga, e promette infra lo spazio
di un mese dal dì della fatta Rattifica consegnare al detto
R/mo Sig.r Arciprete Parroco le copie estratte, ed autentiche de’
titoli de’ surriferiti cenzi di sopra assegnati, e delle parti=
te di credito cesso
E stante la presente convenzione detto R/mo Arciprete Calì
vuole, ordina, e comanda, che qualunque atto giudiziario si-
nora fatto sia casso, irrito, e nullo, e si abbia come non avve=
nuto
Si procede finalmente di patto, che il presente atto dovrà
rattificarsi dal Sig.r Amministradore Generale de’ Beni de-
gli Ecc/mi Signori Principe, e Principessa di Castiglione degen-
te in Palermo Sig.r D. Giacomo della Valle infra il termine
di un mese da correre dal dì d’oggi, la quale Rattifica
fatta, o non verificata, nulla rechi pregiudizio al detto

[f. 265v]
Sig.r di Marco col nome sudetto
Per l’esecuzione del presente esse parti eliggono domicilio nelle
loro rispettive abitazioni di sopra indicate
Fatto, e pubblicato nel mio studio sito nella strada della Piazza
alla presenza del Sig.r D. Giuseppe Felsina del fu D. Placido,
e di D. Rosario Vecchio del fu D. Gaetano possidenti domicili=
ati in questo Comune Testimoni a me noti, ed idonei, ai quali
ed alle parti ancora si è data chiara lettura del presente
atto
Nicolò di Marco Amm.e
Giovan Battista Calì Arciprete Parroco
Giuseppe Felsina Test.o
Rosario Vecchio Test.o
Io Not. Concetto Saglimbene ho ricevuto il presente atto
Spese = Onorario = Registro D:ti = 80: = Archivio D = 30. Re-
pertorio D = 10. = Totale D: 1: 20: Not. Saglimbene
N:° 1167. Reg.to in Linguagrossa li 20 Luglio 1829: a lib. 1. vol.=
23. fol. 5.° cas. 2. e 3. Ric.ti gr: 80: Stagnitti
Estratta dagli Atti di me Not. D. Concetto Saglimbene di Ca-
stiglione oggi lì 20 Luglio 1829. rilasciata = Spese = Onorario
Registro D = 20. Repertorio D= 10. = Totale D = 30. Not. Saglim-
bene
Fatto, letto, e pubblicato il presente insieme coll’alligato in
questa sudetta Palermo Capoluogo di sua Valle, e nel rife=
rito domicilio di esso Sig.r della Valle, con lettura chiara
ed intelligibile allo stesso Sig.r della Valle qualificato come
sopra comparente, e da D: Giovanni Artale del fu Nicolò
di professione Agente in Foro domiciliato in Palermo Pi=
azzetta de’ Tedeschi numero uno, e D: Giovanni Travali di D:
Giuseppe di professione Impiegato domiciliato in Palermo
nella Piazza del Papireto Testimoni idonei, noti a me
Not. conoscenti il comparente

[f. 266r]
In fede di che il Sig.r comparente si soscrive assieme ai Testimo-
ni, ed a me Notaro
Giacomo della Valle
Giovanni Travali Test.o = Giovanni Artale Test.o
Girolamo Lionti del fu Not. D. Filippo, Notaro in Palermo
Specifica
Onorario
Registro                    D. =     80.
Repertorio                D. =     10.
Archivio                   D. =     10.
Rolli
Accesso
Totale D.to Uno = Notar Lionti
N:° 22734. Reg.to in Palermo li 3 Agosto 1829 = lib. 1. vol.
fol. 58. Cas. 2: Ric.ti gr. ottanta = Lo Jacono
Estratta la presente copia onforme all’originale di cui
io Notaro sono stato rogato, scritta d’alieno carattere da
me collazionata rilasciata il giorno tre Agosto mille otto=
centoventinove, ed in fede mi soscrivo, e segno
[Altra grafia. Sembrerebbe quella dell’arc. Calì] Girolamo Lionti del fù Not. D. Filippo Not. in Palermo
Specifica onorario
Registro                                           20
Repertorio                                        10
Ruoli                                    _________
Totale Grani Trenta                         30.
Not. Lionti
N:° 22735. Reg.to in Palermo lì 3. Agosto 1829
lib. 1. vol. 283. fol. 58. cas. 3. Ricevuti grana
= Lo Jacono”


16. d. 21, ff. 271r271v, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[In data 08/03/1834 l’arciprete Calì cita il nuovo Amministratore succeduto al Di Maroc, il d.r D. Giuseppe Manuli, perché gli faccia avere i documenti relativi ai censi assegnati. Nell’atto precedente il Di Marco si era impegnato “a consegnare allo istante Arciprete nel termine di un mese … le copie estratte ed autentiche dei titoli de’ cenzi asegnatigli”. Ma “malgrado delle amichevoli e reiterate premure … fatte sin da mese di ottobre 1829” nulla ha avuto e per questo “ha il medesimo [Arciprete] fino’ra sofferti e potrà soffrire in appresso non potendo senza di essi costringere i debitori morosi al pagamento”. Pare che accettando ben 25 censi l’arciprete si sia cacciato in un bel pasticcio. E’ stato abile a ottenere quanto chiedeva, ma non molto nell’accettare le modalità di quanto gli veniva concesso. Solo il denao in contante (onze 76 e tarì 23) è un possesso reale. I censi? L’acquisto di esazione da parte di terze persone? Come rivendicarli? Cause, sempre cause e atti legali, infiniti atti legali. Forse l’arciprete credeva che la cessione di censi nei confronti di persone del posto gli avrebbe facilitato il compito. Bussare a Palermo o Roma era certo più laborioso. Lo è stato meno acquisire censi?]

[f. 271r]
L’Anno Mille ottocento trentaquattro il dì otto marzo
In Castiglione
Ad istanza del Reverendissimo Signor Arciprete D. Gia Battista Calì
col detto nome di questo Comune e qui domiciliato
Io Ignazio Abbate usciere presso la R:a Supllenzia di Castiglio ne ove son do.to
Ho notificato al Signor D.r D. Giuseppe Manuli Amministradore de’ beni
degli Eccellentissimi Signori Principe e Principessa di Castiglione Nobili Ro-
mani un’Atto di assegnazione di cenzi con cessione di crediti fatto
in favore dello Istante col detto nome dal Signor D. Niccolò di Marco
quale predecesso Amministradore pel Notaro D. Concetto Saglimbene
di questo Comune il dì diciannove Luglio 1829. registrata la Copia
in Linguaglossa li venti di detto mese ed anno al N:° 1168. unita-
mente ad un’Atto di Ratifica del predetto Atto di assegnazione
con cessione alligatovi fatto dal Signor D. Giacomo della Valle
qual Procuradore Speciale de’ sopradetti Eccellentissimi Signori
residente in Palermo pel Notaro D.r in Legge D. Girolamo Lionti
di Palermo nel dì primo Agosto 1829. registrata ivi la Copia nel
giorno tre detto mese ed anno al lib. 1.° vol. 283. fol. 58. casella
3.a ricevuto gr. 20. Lo Jacono. = E cio per averne il detto Signor
Manuli Legale conoscenza, e per gli effetti di legge.
E nel tempo stesso, atteso il patto nel detto Atto di assegnazione
di cenzi con cessione di crediti espresso, col quale L’Amminstradore
di Marco promise, e si obligò di consegnare allo Istante Arciprete
nel termine di un mese, dal dì della ratifica, le copie estratte
ed autentiche dei titoli de’ cenzi assegnatigli e delle partite di
credito cessegli, ed attesa la ratifica già fatta; ho protestato al detto
Signor D.r Manuli Amministradore come sopra, per tutti i danni
spese, ed interessi, che per l’inosservanza dell’enunciato patto
a malgrado delle amichevoli e reiterate premure dallo Istante
fatte sin dal mese di Ottobre 1829, e per la mancanza dei detti
titoli, ha il medesimo fin’ora sofferti, e potrà soffrire in appresso

[f. 271v]
non potendo senza di essi costringere i debitori morosi al pagamento. E ciò
senza pregiudizio di tutti altri dritti, ed azioni che si riserba in ampia
forma contro chi di ragione.
Copia del presente atto, non che dei sopraenunciati di assegnazione di
cenzi con cessione di crediti, e di ratifica da me Usciere collazionate
e firmate, ho lasciata nel domicilio di detto Signor D.r Manuli e
nelle mani di un suo servo ______
Specifica
Per mio atto e copia                                                            D = 19:
Per copia dell’enunciato atto d’assegnazione di cenzi
e cessioni di crediti                                                             D = 40:
Registro                                                                               D = 10:
Totale              D = 69:
Ignazio Abbate Usciere
n.° 434 / Reg.to a Ling.a lì dieci Marzo 1834
a Lib. 4°. Vol: XXV: Fol. 25. Cas. 2.a
Ricevuto gr. dieci
Stagnitti Ricev.e
[Timbro]”


17. d. 22, ff. 273r290r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Dieci lettere di Giacomo della Valle o dell’Abbate Coppi, amministratori del Principe Rospigliosi Colonna, all’arciprete Calì. Dal 1823 al 1833]

a) [Giacomo della Valle, 08/12/1823: Premure per le 24 onze annuali. L’arciprete Calì è da poco in carica, dal 16 giugno]

[f. 273r]
Rev/mo Sig:e B/ne Coll/mo
L’ultimo corriere mi ha ricato un di lei gentil
foglio segnato il dì 25. del mese decorso: in esso Ella mi fa
delle premure onde provocare da Sig.r P/npe le disposizioni
per la continuazione del pagaento delle sapute onze 24 annue.
In riscontro, le dico che io già ne avea scritto al prelodato Sig.r
P/npe, da cui mi attendo riscontro. Ella intanto viva sicura
dell’attenzione del mentovato Siig.e, e della mia ancora non
meno per lei, che per l’intiera sua famiglia.
La prego a gradire i sentimenti della più distinta considera=
zione.
D V: S: Ill/ma                                              Pal.o 8. Dicembre 1823
Sig.r D. Gio: Batt/a Calì
Arciprete di
| Castiglione |
Div.o Obbl. Serv.e
Giacomo della Valle”

b) [Giacomo della Valle, 29/03/1829: congrua. Progetto.]
[f.275r]
Rev/mo Sig: Ossv/mo
Acchiusa nella lettera del Sig.r Ispettore Vercelli de’ 9
andante ritrovai la sua de’ 8: aperta diretta al Sig.r Abbate Coppi,
che riscontro io attesa la di lui già seguita partenza per Roma.
Trovo regolare quanto dice per aumentare alle onze ventuna tt. dieci, e
15. di cenzi propostile in surrogato della congrua il compimento
delle onze ventiquattro quanto resulta l’annua congrua ragion per cui
le partecipo il seguente mio proggetto. Mancano per le onze 24. 2.19.5.
il cui capitale al 5. per 100: resulta onze 53. Cotesto Antonino Farfaglia
deve per resto di capitald di terre vendute onze 47.9.13.5, ed onze 6. D:
Francesco Sabato. Se ambedue si contentassero stabilire un cenzo
sul di loro dare invece di pagare il capitale non sarei lontano ad as-
segnarlo a lei per compimento delle onze 24: Qualora questi non volessero
devenire a ciò Ella potrebbe scegliere qualunque altro debitore di capi-
tale per detta causa che meglio le piace, unendo quelle partite che cre=
derà fino alla meta di sudette onze 53; e perché Ella conosca chi siano
i debitori, in pari data ho scritto al Sig.r di Marco di passare a lei
la nota de’ debitori in capitale. Riguardo a decorsi non incontro
difficioltà cederle tanti debitori per causa di prezzo di terre. Qualora

[f. 275v]
Ella Rev/mo Signore si contenta di ciò io son pronto stipolare l’
atti d’assignazione ricevuta l’approvazione dal Sig.r Proc. gen/le Abba-
te Coppi di questo mio proggetto, a cui in pari data nel rimettere la
sua farò presente.
Gradisca intanto i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 23. Marzo 1829.
Sig. D. Giovan Bat/ta Calì
Arciprete in  | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle”

c) [Giacomo della Valle, 05/04/1829. Congrua. Progetto approvato. Accordarsi col il Di Marco]
[f. 276r]
Rev/mo Sig.r Ossv/mo
La sua de’ 29. caduto mi porta l’accettazione del proggetto
fattole con mia de’ 23. Marzo per il supplimento delle annue onze ven-
tiquattro dell’Arcipretura. Ella potrà unirsi col Sig.r di Marco, a cui
in pari data rinnovo l’ordine datogli per farle conoscere quali siano
i cenzi d’assegnarsi, e la nota de’ debitori in causa di Capitale, e frutti
delle terre vendute.
Niuna cognizione ho dell’acquisto fatto da suo fratello. Con que=
sto corso scrivo egualmente a di Marco per darmi conoscenza di ciò.
Gradisca i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 6. Aprile 1829.

Sac.te D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle

d) [Giacomo della Valle, 25/05/1829. Congrua. Atto di assegnazione. Affare concluso]
[f. 278r]
Rev/mo Signore
Mi è pervenuta la sua de’ 18. andante, e con essa il borro
dell’atto di assegnazione da stipolarsi. Il tardo arrivo del corriero di
Cotesta non mi ha permesso esaminarlo, locchè farò dopo la posta.
Stia però con intelligenza che nella sostanza resta l’affare conchiuso.
Gradisca intanto i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 25. Magg.° 1829

Sig.r Arciprete D. Giov. Bat/ta Calì
| Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle”

e) [Giacomo della Valle, 06/07/1829. Modalità pagamento arretrati]
[f. 280r]
Rev/mo Sig.r Ossv/mo
Mi è pervenuta la sua de’ 29 caduto, e con essa sento quanto
mi dice per il modo del pagamento de’ decorsi delle onze ventiquattro
di sua congrua, ed io in conformità de’ suoi sentimenti in ventura
manderò ill borro dell’atto, locchè avrei praticato anco in corrente,
se la posta non mi fosse pervenuta ieri sera.
Gradisca intanto i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 6. Luglio 1829.
Sac. D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle”

f) [Giacomo della Valle, 13/07/1829. Congrua. Arretrati. E’ stato mandato al governatore Di Marco l’atto di convenzione per concludere il tutto]
[f. 282r]
Rev/mo Sig. Ossv/mo
In pari data ho rimesso al Governatore di Marco il borro dell’atto
di convenzione per terminare la pendenza della congrua Arcipretale
e suo credito. Gli ho insieme unita una memoria per rettificare
le partite. Il tutto niente altera il convenuto come rileverà, pre-
venendola avere scritto al Governatore di subito unirsi con lei per
detto oggetto.
Gradisca intanto i sensi della mia considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 13. Luglio 1829.
Sac.te D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv:
Giacomo della Valle”

g) [Giacomo della Valle, 27/07/1829. Congrua. Atto di assegnazione per la ratifica]
[f. 284r]
Rev/mo Sig.r Ossev/mo
In riscontro alla sua de’ 20. andante le dico che dal Sig.r di
Marco mi è stato rimesso l’atto legale dell’assignazione a lei fatta,
quale ho già passato al Notaro per la ratifica. Se vaglio in servir-
la mi comandi.
Gradisca intanto i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Rev/ma
Palermo 27. Luglio 1829
Sac.te D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle”

h) [Abbate Coppi, 09/11/1829 “sul punto di partire per Roma”. Contrasti sul pagamento dei censi.]
[f. 286r]Ill/mo Signore Sig. B/ne Coll/mo
Sul punto di partire per Roma ricevo ls di lei lettera in data del
primo corrente, la quale tende a dimostrare che l’annualità di cenzi sca-
duti nello scorso Agosto spetta a lei, sebbene sia d’altronde stato soddisfatto dell’annualità 1829.
Non ho tempo d’occuparmi lungamento in questo affare. Mi sembra
però indubitato che la Sig:a Pn/pessa di Castiglione sarebbe sempre in disborzo
di una annualità che non deve pagare. Imperciocchè secondo il di lei princi-
pio i cenzi del 1829. servirebbero a lei di antecipazione per l’annualità del
1830; quindi ad Ag.° 1830. Ella esiggerà i cenzi dell’anno stesso di cui ebbe
di già il pagamento antecipato.
Mi sembra che la Sig:a Pn/pessa abbia adempito abbastantemente al
suo obbligo, o piuttosto al decoro della Casa col divenire a quanto si è
stabilito. Non credo poi ch’Ella soffrirà alcun danno esigendo ora postici-
patamente quello che secondo la convenzione del 1785. avrebbe dovuto esigge-
re antecipatamente.
Per quanto potrà occorrere ulteriormente in questo affare potrà inten-
derse col Sig.r della Valle.
Gradisca i sensi della mia considerazione.
Di V. S. Ill/ma
Palermo 9. Nov: 1829
Sac.te D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Coppi”

i) [Giacomo della Valle, 23/08/1830. Congrua. Censi …]
[f. 288r]
Ill/mo Sig, r Ossv/mo
Con la di lei de’ 16. andante mi accenna avermi un mese
addietro onorato d’altra sua riguardante la consegna far dovea
l’Amministrazione de’ cenzi assegnati. Io non ho ricevuto questa
sua, ma ciò non ostante ho premurato Buda su quest’oggetto,
ed egli difatti con l’ultima posta mi disse che dovea mandarmi
un notando all’assunto. Conoscerà da ciò di non aver io man-
cato, onde solleciti a Buda per il tutto ultimare.
Gradisca i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Ill/ma
Palermo 23 Ag.o 1830.
Sig. Arciprete Giov. Bat/ta Calì
| Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.
Giacomo della Valle”

j) [Giacomo della Valle, 04/11/1833. Congrua. Censi. Ha dato ordine di passargli le “carte tutte giustificanti i cenzi assegnati”.]
[f. 290r]
Ill/mo Sig.r B/ne Coll/mo
In Catania mi pervenne una sua de’ 21. caduto, ed
in riscontro le dico aver dati gli ordini convenienti al Patroci-
natore Buda per passarle le carte tutte giustificanti i cenzi
assegnati. Mi farà il piacere riscontrarmi, se siasi ciò adem-
pito.
Gradisca i sensi della mia particolare considerazione.
Di V. S. Ill/ma
Palermo 4. Nov.e 1833.
Sig. Sac.te D. Giov. Bat/ta Calì
Arciprete in | Castiglione |
Div/mo Obblg/mo Serv.e
Giacomo della Valle”


18. d. 23, ff. 292r295r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Carte dimostrative del censo dei Padri Agostiniani: 12 tarì su un noccioleto in contrada “della Vina“]

[f. 292r]
Die quarto Octrobris primae Ind.is
Mill.mo Septing.o sexag.o septimo 1767.
U. I. D.r D. Joseph Aloysius Sardo h/us Civ/is Castri-
leonis m. n. c. p. c. n. int.ns ad haec uti Secretus
et Adm.is Economicus Status h/us p.tae Civ/is
sp.e d.o n.e d.t, et confessus est se hab.e et
recep.e a Rev. P/re Fra Augustino Sangi-
nisi, uti Procurat.e Vn/lis Conventus St.ae
Ann.tae h/us p.tae Civ/is m. n. etiam cog.to p/nte
et stip/te tarenos duodecim p.g. in pec. n.ta, et
de q.ti ut d.t r/ens ||
Et sunt d.i = – 12. p. g. sup.s confessi pro censu
acquae anni 15 Ind p. p. 1766 et 1767 r/one
et ex causa illarum tt. 12 ann: jure cen-
sus deb.rum d.o Statui super quoddam Avella-
neto sito, et posito in hoc T/rrio Castri-
leonis, et in q.ta n.ta della Vina, secus Avel-
lanetum Ill/ris D. Joseph M.ae Reggio viam pp/cam
et alios vigore suorum pp/rum q/ctuum ad quos ||
Iur/t
Unde||
Testes D. Cajetanus, et D. Joseph Vecchio f/res
[Estratta dagli atti del fù N.r D. Rosario Vecchio di Castiglione
per me D. Concetto Saglimbene Notajo Conservadore
di detti atti. Oggi li 21 Luglio 1834 rilasciata.
n.o 1082 / Reg.to a Linguaglossa li vent’uno Luglio
1834 a lib. 1°. Vol. XXXIII. Fol. 33. Retro Cas. 5.
Rice.to gr. venti
Stagnitti Ricev.e”


19. d. 24, ff. 300r515r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]

[Carte giustificative dei vari censi (25) assegnati per la congrua dell’arciprete nell’atto del 1829…]


20. d. 78, ff. 516r517r, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[Citazione del 17/08/1835. “…Arciprete D.n GianBattista Calì proprietario domiciliato nella Comune di Castiglione, quale assegnatario della Sig.ra D.a Margarita Gioeni Colonna in Rospigliosi Principessa di Castiglione …”. L’arcirete cerca in tutti i modi di recuperare i censi assegnati con l’atto del 17/07/1829. Per questo si qualifica come ‘assegnatario’? Cita Domenico Papa, “pecorajo”, davanti al Sindaco di Castiglione, “funzionante da Regio Giudice Supplente”, per farsi pagare onze cinque di arretrati di censo sul fondo “Fossa della questione”. Le terre sono state trasformate in vigne.]

[f. 516r]
L’anno mille ottocentotrrentacinque il dì diecisette
Agosto In Linguaglossa
Ad istanza del Reverendissimo Sig.r Arciprete D.n Gian-
Battista Calì proprietario domiciliato nella Comu-
ne di Castiglione, quale assegnatario della Sig.ra D.a
Margarita Gioeni Colonna in Rospigliosi Principessa
di Castiglione Io Concetto Vecchio Usciere
addetto a questo Regio Giudicato Circondariale
di Linguaglossa, qui domiciliato, ho citato Domenico Pa=
pa del fu Placido Pecorajo domiciliato in questo
Comune, per comparire innanti al Sig.r Sindaco
di Castiglione funzionante da Regio Giudice Supplente
pella legale sospicione del Titolare, e nel solito loca-
le delle di lui udienze per il giorno ventiquattro
del caminante Mese di Agosto, ed alle ore tredeci
d’Italia per sentirsi condannare al pagamen-
to di onze cinque, dovuti per arretrati di quell’an-
nuo censo enfiteuco in onze due, e tarì quindeci,
maturati detti arretrati a tutti li quindeci del-
l’andante Mese di Agosto, e dovutoo esse censo so-
pra terre site nel Territorio di Castiglione, e nella
contrada detta la fossa della quistione, confi-
nanti colla Trazzera del Territorio di Lingua-

[f. 516v]
glossa, col Territorio di Castiglione, strada di pietra
perciata, e col poggio della quistione, quali Terre ora
trovansi ridotte in vigne posesse da detto convenuto,
come resulta esso censo da un atto rogato in No-
tar D. Marco Antonio Averna di Palermo li
venticinque febraro 1818 Registrata la copia in
Linguaglossa li 29. luglio 1835. al n.° 1052; quale co-
pia trovasi depositata presso gli atti di Notar D.n Con-
cetto Saglimbene li 28. luglio ultimo registrata la
copia in questa Ricevitoria al n.° 1151; e sentirsi
anche condannare esso Convenuto a stipolare
in prò di esso Reverendissimo Istante col cennato
nome l’atto ricognitorio per il censo in parola.
Ho prevenito detto di Papa, che i documenti so-
no depositati nella Cancelleria Supplenziale di Ca-
stiglione per prenderne comunicazione, ove lo
voglia, e conchiude l’attore colle spese, e la ri-
serba di tutt’altri dritti, azioni, crediti, ed altro,
che gli appartengono contro etto convenuto
Copia conforme del presente atto da me collazionata, e firmata è
stata lasciata al domicilio di esso di Papa consegnato a
mani di sua moglie … Domenico Papa
|N.° 1927| Reg.to a Linguaglossa li diciassette
Agosto 1835. al lib. 4. vol. 28 Fol.

Cas. 3… Ric.to grana cinque
Stagnitti Ric.=e
La spesa costa
Per mio atto, e copia              D.ti — 20
Registro                                  D.ti —   5
Totale  D.ti – -25
Cocetto Vecchio Usciere”


21. Cfr. 101, f. 582r – 585v , in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[30/01/1835. Sentenza contro d. Luigi Calì e altri. L’arciprete si qualifica sempre come “assegnatario de’ Sig.ri Conjugi D. Giulio Cesare Rospigliosi, e D. a Margarita Gioeni Colonna Principe e Principessa di Castiglione”.]

[f. 582r]
Ferdinando secondo pella grazia di Dio Re del
Regno delle due Sicilie di Gerusalemme ec. Du-
ca di Parma Piacenza Castro ec. ec.
Gran Principe Ereditario di Toscana ec. ec. ec.
Udienza del dì Trenta Gennaro 18trentacinque
Tra il R/mo Sig.r D. Giambattista Calì proprietario
domiciliato in questa Comune di Castiglione colla
qualità di Arciprete di essa Comune, e quale
Assegnatario de’ Sig.ri Conjugi D. Giulio Cesrea Ro-
spigliosi, e D.a Margarita Gioeni Colonna Prin-
cipe e Principessa di Castiglione Attore compa-
rente per mezzo di D. Leonardo la Monaca di
lui Procuradore in virtù di procura privata del
dì 7. Novembre 1834. reg.ta in Linguag.a al
n.° 223., e detti Sig.ri Conjugi di Rospigliosi Gioeni
Colonna nobili Romani ivi domiciliati, i q.li
elessero per questa procedura il loro domicilio
in questa Comune, e nella Casa del Sig.r D. Gaetano
Buda Pagliaro Attori comparenti per mezzo
di esso Sig.r Buda di loro Procuradore in virtù
di Procura in Not.r D. Marco Antonio Averna
di Palermo lì 31. Dicembre 1824, ivi reg.ta
la copia al n.° 25769. lì 3. Sett.e 1825. lib. 1° Vol.
fol. 2. Cas. 1 ric.to gr. 20. = Il Ricevitore
Visconti

[f. 582v]
E li Signori D. Antonino Vecchio Schisano, D. Luigi
Calì, Carmelo Zumbo alias Tabarano, e Pasquale
Portale, i detti di Vecchio, e Calì possidenti, il pri-
mo domiciliato in Linguaglossa, ed il secondo in Aci
Reale, il cennato di Zumbo, bracciale, e detto di Por-
tale Pecorajo ambidue domiciliati in Castiglio-
ne, tutti, e quattro Rei convenuti in principa-
le, il detto Sig.r Vecchio comparente per mezzo
del Sig.r D. Gaetano Magrì di lui Procuradore
in virtù di procura privata del dì 9 Sett.e
ultimo reg.ta in Linguagrossa al n.° 162; i cen-
nati di Zumbo, e Portale comparenti in perso-
na, ed il surriferito di Calì contumace in questa
Udienza.
Ed il Sig.r D. Antonino Platania e Sardo figlio, ed
erede del fù D.r D. Giovanni, i Conjugi Antoni-
na lo Monaco, e Giuseppe Sentineri, Pietro
Sgroj qual erede del fù Giuseppe di lui Padre,
Marco, e Carmelo Tornadore Padre, e figlio, e
Giuseppe Ginardo, proprietario il primo, con-
tadino gli altri tutti domiciliati in questa
Comune Rei convenuti pella chiamata in garan-
zia fatta al cennato di Vecchio Schisano,
comparenti i soli comjugi di lo Monaco, e

[f. 583r]
Sentineri, Pietro Sgroj, e Marco Tornadore, ed i
surriferiti D. Antonino Platania, Carmelo Tor-
nadore, e Giuseppe Ginardi contumaci
I detti di La Monaca, e buda ci han detto, che i
loro costituenti in esecuzione della nostra sen-
tenza del dì 28 Novembre 1834 reg.ta in Lin-
guagrossa lì 31 Dic.e di esso anno al n.° 233 /.
depositarono in questa Cancelleria Supplen-
ziale i documenti dei quali si chiese com-
municazione dai cennati D. Antonino Vec-
chio, e D. Luigi Calì, come per atto di Depo-
sito del dì 9 del corrente Genn.o reg.ta la Co-
pia in Linguagrossa al n.° 59, di avere av-
vertito essi di Vecchio, e Calì di un tale Deposi-
to di documenti, al primo con atto dell’Uscie-
re D. Gaetano Marino addetto al R.o Giudica-
to Circondariale di Linguagrossa del dì 14. del
camminante Gennaro reg.to in essa Comune
al n.° 124, ed al secondo con atto dell’Usciere
Innocenzo Musmeci addetto al Circonda-
rio di Aci Reale del dì 21. di esso mese, reg.to
ivi il dì sudetto al Lib. 4. vol. 39. fol. 24. n.°
cas. 7. ric.ti gr. 5. = Il Ric.e Pulvirenti, e che

[f. 583v]
con i medesimi atti di detti Uscieri furono av-
visati essi di Vecchio, e Calì a comparire in
questa Udienza per sentir decidere la causa
sul principale, e fare le di loro difese, ove ne
abbiano.
Il cennato Sig.r Magrì disse, che il di lui costituen-
te Sig.r Vecchio ha fatto citare in suoi garanti
i surriferiti di Platania, i Conjugi lo Monaco,
e Sentineri, Sgroj, i Tornadori Padre, e figlio, e
Ginardo con atto del nostro Usciere D. Rosario
Vecchio del giorno 28. dello spirante Gen-
naro reg.to in Linguagrossa al n.° 222. per
comparire in questa nostra Udienza, affin
di garantire, e sottrarre della molestia lo Istan-
te in garanzia Sig.r Vecchio per la domanda
di salme nove, e tumulo uo frumento della
misura abolita, ed in mancanza al prezzo del-
lo stesso genere contro di lui diretta dal R/mo S.r
Arciprete D. Giambattista Calì, quale Cessio-
nario de’ Sig.ri Principe, e P/npessa di Castiglio-
ne, ed anche da costoro col di loro nome pro-
prio per causa di cenzo di proprietà sopra i
vigneti, chiuse di Terre, e Nocelleto esisten-

[f. 584r]
te in questo Territorio, e Contrada Grottone, e Lenza
e Fondo di Cerro, porzione de’ quali si posseggono
d’alcuni dei sopradetti Rei convenuti, quali
subenfiteuti dei medesimi, oltre a delle obli-
gazioni particolari, e per altri titoli, che
possono riguardare tal’uni altri fra essi Rei
convenuti contro i quali conchiuse anche pel-
le spese. Salve l’eccezioni contro gli attori, e
chiese di pronunciarsi la contumacia contro
i non comparenti Sig.r Platania Carmelo
Tornadore, e Giuseppe Ginardi.
I detti Pasquale Portale, Carmelo Zumbo, i Conjugi
lo Monaco, e Sentineri, Pietro Sgroj, e Marco Torn-
nadore dissero di allegare le di loro ragioni al-
lorchè si riunirà la contumacia.
Il ridetto D. Luigi Calì con comparve in questa
Udienza, ne alcuno per lui, che lo rappresenti
I cennati di Platania, Carmelo Tornadore, e
Giuseppe Ginardo, non sonosi presentati, ne
alcuno per loro, che li rappresenti, non ostan-
te di essere stati citati nelle debite forme
Quistioni
Deve riunirsi la contumacia per la non com-
parsa di esso D. Luigi Calì
Per i cennati D. Antonino Platania, Carmelo

[f. 584v]
Tornadore, e Giuseppe Ginardi, deve aver luogo la
contumacia riunita?
Le spese?
Considerando che detto Sig.r D. Luigi Calì, ha comparso in
altre Udienze per questa medesima causa, e perciò
non vi è luogo per lui a contumacia riunita per
essere ligato al giudizio
Considerando, che per i cennati di Platania Tornadore,
e Ginardo deve aver luogo la contumacia riunita
Considerando, che le spese debbonsi al diffinitivo, così
Noi D. carlo Ciprioti Sindaco in questa Comune di Casti-
glione ff.te da R.o Giudice Supplente per la legale suspi-
cione del Titolare, dichiariamo la contumacia dei
convenuti D. Antonino Platania, Carmelo Tornadore,
e Giuseppe Ginardo, e riunendone l’effetto della stes-
sa ordiniamo, che a cura di detto D. Antonino
Vecchio venghino citati i ridetti di Platania, e Tor-
nadore, e Ginardi per presentarsi alla nostra Udi-
enza del dì Tredeci Marzo anno corrente alle ore
sedeci d’Italia per indi aggiudicarsi la causa con
una sola, e medesima sentenza fra tutte le parti.
La presente sarà notificata ai contumaci Platania,
Tornadore, e Ginardi dal nostro Usciere D. Rosario Vec-
chio = Le spese al diffinitvo —
Giudicato in Castiglione il dì mese ed anno di sopra
Carlo Ciprioti Sindaco ff.te da R.o Giud.e Supp.e ===
Antonino Pagliaro Cancelliere Sost.o === La presente
copia = Dritto, e Reg.o _ D. = 21 = Pagliaro Canc.e Sost.o
[abest] reg.ta in Linguagrossa lì [abest] Marzo 1835. al
Lib. [abest] vol. [abest] fol. [abest] cas. [abest] ric.ti gr. 20 = Il

[f. 585r]
Ricevitore = G. Stagnitti
Comandiamo, ed ordiniamo ad ogni Usciere di porre ad
esecuzione la presente Sentenza a’ nostri Procuradori
G.li,e Regj Procuradori di darvi mano a tutti i Conv.ti, ed
Uffiziali della pp/ca forza, di prestarvi braccio forte
allorchè saranno legalmente richiesti. In fede
dicchè la presente è stata firmata nel suo Originale
dal S.r Sindaco ff.te da R.o Giud.e Supp.e, e dal Cancell.e Sost.o
Rilasciata lì [abest] Marzo 18trentacinque
Per Spedizione
= d.  Antonino Pagliaro Cancelliere Sost.to
La presente costa = Ruoli, e Reg.o D = 49.
=Pagliaro Cancelliere Sost.o
N.° 470
Reg.ta in Linguaglossa lì dieci marzo 1835
al Lib. 3 vol. 24. Fol. 37 – Cas. 6a
[Timbro]                   Ricevuto gr. cinque
Stagnitti R:e

L’Anno 18trentacinque il dì undeci Marzo in Castiglione
Ad istanza del Sig.r D.n Antonino Vecchio possidente dom.to in Lingua=
grossa Io Rosario Vecchio Usciere addetto alla R:a Supplenzia di
questa comune di Castiglione qui dom:to seriamente a tal atto desti=
nato ho notificato, e col presente dato copia della dietroscritta
Sentenza datata, e reg.ta come dietro al Sig.r D.n Antonino Pla-
tania Sardo proprietario, non che a Carmelo Tornatore, e Giusep-
pe Ginardo bracciali qui tutti dom:ti per averne legale scienza
e per tutti gli effetti di legge ——-
Nel tempo medesimo li [strappato] ho citato per comparire nel dì, ora
e luogo designato [strappato] in essa Sentenza, e per l’oggetto

[f. 585v]
in essa espresso ——-
Le copie del presente, e della sentenza da me collazionate, e firmate
l’ho lasciato nel rispettivo domicilio de’ sudetti Platania, Torna-
tore, e Ginardo consegnandole cioè; per d.o Sig.r Platania nelle
mani di una donna che dissemi di essere la sua serva, per detto
Ginardo nelle mani di sua moglie, e per detto Tornatore nelle
mani di suo fratello
Specifica
Per mio atto, e tre copie         D = 27:
Per tre copie della Sentenza   D = 60:
Registro                                  D =   5:
                                   Totale  D = 92:
Rosario Vecchio Usciere
N.° 532
Reg.ta in Linguaglossa lì dodci marzo 1835
al lib. 4. vol. 27. Fol. 55. cas. 3a
[Timbro]                   Ricevuto gr. cinque
Stagnitti Ricev.e”


22. Cfr. 101, f. 617r+v, in Arcipretura – Vol. II. [Ril.] [CLAE]
[31/0171835. Citazione dell’arciprete Calì davanti al Giudice Supplente di Castiglione. Opposizione alla sentenze contumaciale pronunziata contro d. Carmelo Stagnitti di Linguaglossa. Non è proprio stato un buon affare essere stato ‘cessionario’ delle rendite del Principe e della Principessa di Castiglione per ricostituire la congrua annuale. Cause … L’arciprete è sempre qualificato quale ‘Assegnatario dell’Eccellentis.a Sig:ra D:a Margarita Gioeni Colonna …’]

[f. 617r]
L’Anno 18trentacinque il dì trentuno Marzo in Castiglione
Ad istanza di D: Carmelo Stagnitti possidente domiciliato a Linguaglos=
sa io Don Rosario Vecchio – Usciere addetto al Giudicato di Supplenzia di Ca=
stiglione, ove sono domiciliato, ho dichiarato al Sig.r Arciprete D: Giambattista Calì, proprie=
tario, domiciliato a Castiglione nella qualità di Assegnatario dell’Ec=
cellentis.a Sig:ra D:a Margarita Gioeni Colonna in Rospigliosi Principes-
sa di Castiglione, che lo Istante Stagnitti si oppone a quella Sentenza
Contumaciale del dì 21: Febraro 18trentacinque, resa dal Sindaco di Ca=
stiglione ff.e da Giudice Supplente, reg:a la spedizione nell’Officina di Lin=
guaglossa l’ 12: Marzo 1835: al n° 485; e notificata allo Istante su-
detto il dì 30: detto Marzo per li seguenti mottivi.
Primo per l’incompetenza del Giudicato di Supplenzia di Castiglione, per=
chè non si tratta di scossione di censo enfiteutico; in nulla rilevando,
che tale l’abbia qualificato l’Attore, perocchè il supposto Contratto,
ricognitorio su cui l’Attore unicamente poggia la sua azione non ca=
ratterizza la qualità del censo di cui trattasi, ed è massima di legge, che
in simili casi di dubio non si possa il censo ritenere fondiario, ossia en=
fiteutico; ed è principio riconosciuto, che li Supplenti non sono compe=
tenti, ch pei soli censi Fondiarii, quando li Convenuti non sono domi=
ciliati nel Comune di loro residenza.
Secondo perché non si poteva far dritto alla dimanda dello Attore, ove si
fosse trovata ben giustificata, perocchè gli osta la prescrizione oltre
trent’anni.
Terzo, perché l’Opponente non possiede il Nocelleto di cui parla l’as=
serto Atto ricognitorio, e nemmeno rappresenta l’Autore di tale Atto.
Quarto, perché l’Atto che si suppone recognitorio non è in quella forma, che
il Codice Civile richiede, affinchè l’Attore sia dispensato dall’esibire il
titolo primordiale, giacchè è unico, e si riferisce ai titoli, e alle Scritture
del supposto Creditore del censo, nel quale caso è inattendibile sino a
che cotesti titoli, e Scritture non saranno esibiti.
Quinto, perché in ogni evento non potrebbe l’Opponente essere tenuto a tut=
ti li pretesi annui tarì quindeci, giacchè lo stesso Atto ricognitorio risguar=
da Fondi distinti, e separati, che appartenevano tanto all’Autore
della ricognizione, quant ad altre Persone, delle quali Costui si dichia=
rò Commessionato; non essendo l’Opponente Erede, o possessore de’

[f. 617v]
Fondi, né dell’autore della supposta ricognizione, né dell’altre
Persone de’ quali si dichiarò commessionato; ed è quindi evidente
che le dimande dell’Attore debbono essere riggettate sino a chè non
proverà qual’era il Fondo di chì fece l’Atto di ricognizione, quali
quelli degli altri, e che l’Opponente li possiede tutti, o alcun di essi;
nel qual caso non può Egli essere tenuto che per parte, e non mai per
tutto.
Sesto per altri mottivi d’allegarsi, ed addursi all’udienza.
Laonde io sudetto Usciere ho citato il predetto Sig.r Arciprete DS: Gian=
battista Calì domiciliato a Castiglione a comparire innanzi il Signor
Sindaco di Castiglione ff:e da Regio Giudice Supplente per la sospicione
del Titolare nel solito locale delle sue udienze pel giorno ventiquattro
entrante Aprile 1835: ed alle ore 15: d’Italia per sentir ammettere le
presenti opposizioni, e nel merito annullare, o almeno rivocare la
opposta Sentenza con condanna alle spese.
Del presente Atto da me firmato, e collazionato ho lasciato Copia
al domicilio di detto Signor Arciprete Calì, ed alle
mani di Suo Servo
Specifica
Per mio atto Copia                 D = 19.
Registro                                  D =   5.
Totale              D = 24.
Rosario Vecchio Usciere”


23. d. 18, in Arcipretura – Santo Stasi. [Fascicoli sciolti] [CLAE]
[Appunti per la difesa della piena proprietà della proprietà “S. Anastasio” contro pretesi diritti del Rospigliosi, Manganelli, “comunisti”. Data? “… Non può dirsi che il Barone abbia assegnato in dote detto fondo alla Parrocchia colla condizione di ritenere per sé la proprietà de’ Roveri; poiché non può Egli vantare alcun titolo di siffatta assegnazione; anzi avendosi Egli usurpato il dritto di Patronato, lo dovette abbandonare nel 1818; poiché non può esibirne il titolo. Altra prova questa de’ suoi usurpi a danno della Parrocchia, che più antica della feudalità, ebbe a soffrire la sciagura di vedere stendere su proprj beni l’onnipotente mano baronale.”. L’arciprete Calì è molto duro contro il ‘mostro’ della feudalità, come spesso lo chiama in diversi documenti di difesa dei beni dell’Arcipretura. “… Il Parroco intento ai doveri del suo Ministero. Il Parroco nominato dal Barone, debole per potergli resistere, e per altro semplice usufruttuario di quel fondo, non potè resistere all’ingiusta invasione.”. L’arc. Calì giustifica i diritti pretesi dal Rospigliosi sul fondo “S. Anastasio”, addebitandoli all’usurpazione di quest’ultimo: “L’erbaggeria, ed il compascolo anzidetti poterono pretendersi sul fondo dell’Arcipretura in occasione, che usurpatosi dal Barone la proprietà de’ Roveri, e con essa la chiusura de’ tre mesi nel tempo del ghiandaggio, rovinati in gran parte i muri di cinta, introdotti gli armenti al pascolo delle ghiande, cominciò il fondo a riguardarsi abusivamente annesso alle soggezioni di altre contrade del territorio.”. Prende atto della difficoltà del

1. Contro Parroco a gestire beni che con il tempo sempre più perdono il loro valore e, a volte, anche la piena proprietà. D’altra parte il ministero e l’essere “nominato dal Barone” impediscono al Parroco di esercitare pienamente i suoi diritti. L’arc. Calì si sente libero nei confronti del Principe, avendo attenuto l’arcipretura non per sua designazione (era stato designato dal Principe il fratello Antonino! cfr. doc.) ma per concorso (cfr. doc.). E’ animato da grande entusiasmo per rivendicare contro tutti e senza mai stancarsi i diritti della parrocchia. Non si arrende. Senza mezzi termini parla di ‘usurpazione’ dello “jus patronatus”. Tanto è vero che il Principe, per non poterlo giustificare, “lo dovette abbandonare nel 1818”. Sembra finalmente contento e oltremodo soddisfatto di essersi liberata la Parrocchia di questo peso, di questa “sciagura”. Reclama piena libertà; rigetta ogni ingerenza, ogni preteso diritto di promiscuità sui beni dell’arcipretura.]

[18 a]
Ristretto della memoria pell’Arciprete di Castiglione
Il Sig. Arciprete possiede un fondo spettante alla piccola dote del-
la sua parrocchia nella contrada S. Anastasio territorio di Castiglione
I Conjugi Principe e Principessa Rospigliosi vi pretendono la proprietà
degli alberi di rovere, e la chiusura di tre mesi nel tempo del ghiandaggio
Gli Eredi di Manganelli rappresentando gli anzidetti ex Baroni aspirano
alla erbaggeria, la quale si pretende parimente dai Rospigliosi, perché
credono di aver altronde compensato la medesima ai sudetti Eredi
La Comune di Castiglione vi reclama il compascolo per nove mesi

L’Arciprete risponde

1. Contro Rospigliosi
Che la proprietà degli alberi, e per conseguenza i tre mesi del ghiandag-
gio pretesi da loro riconoscono nascimento dalla prepotenza Baronale
che ne commise l’usurpo
Castiglione, e la sua Chiesa anteriori alla feudalità, fanno conchiudere
senza tema di errare, che la di costei dote non potea essere deturpata
da mostruosa mescolanza di dritti, che portan l’impronta di feudalismo,
e di abuso.
La proprietà della terra spettante all’Arciprete, il quale la dà a
gabella per un terratico annuale, gli alberi di ulivo più nobili, e
più fruttiferi de’ roveri, e tutt’altri alberi, che appartengono all’Arci-
pretura, fanno conoscere, che la delibazione de’ soli roveri dalla piena
proprietàndel Parroco non è stata che un effetto di violenta usurpazione
baronale
Se veramente era leggitima la chiusura in tempo di ghiandaggio, e
proprj del Barone erano i roveri, costui avrebbe assolutamente esclu-
so il seminerio, poiché questo essendo contemporaneo alle ghiande, se-
minandosi in Ottobre, e Novembre è dell’intutto incompatibile col drit-
to di ghiandaggio. Or se il Barone ha sofferto la seminazione in
quelle terre, che sono sparse de’ suoi roveri, ed ha dovuto esercita-
re penando la sua pretesa proprietà sulle ghiande è da dirsi
che questa fù strappata per violenza all’Arcipretura, cui fù la-
sciata intanto la proprietà della terra, e con essa il dritto di
seminare nel periodo stesso del ghiandaggio.

[18 b]
Il fondo è circuito di muri sebbene in parte rovinati, ciò fa conosce-
re, che fuvvi un tempo, e forse non assai lontano, in cui era libero da
ogni sogezzione; e che in seguito profittando il Barone della sua forza
e della debolezza del Parroco, ruppe ogni riparo impatronendosi de’ ro-
veri, onde unire il fruttato di questi a quello del suo prossimo bosco
e fare piena vendita delle ghiande a commodo, e  sicurezza de’ compra-
tori.
Che esistano detti muri risulta chiaramente dalla relazione dei tre
Periti La Piana, Nicosia, e Gallone chiusa il 18. Marzo 1835, nella
descrizione del fondo S. Anastasio notato di numero 21. ____
Non può dirsi che il Barone abbia assegnato in dote deto fondo alla
Parrocchia colla condizione di ritenere per se la proprietà de’ rove-
ri; poiché non può Egli vantare alcun titolo di siffatta assegnazio-
ne; anzi avendosi Egli usurpato il dritto di Patronato, lo dovette ab-
bandonare nel 1818; poiché non potè esibirne il titolo. Altra pro-
va questa de’ suoi usurpi a danno della Parrocchia, che più anti-
ca della feudalità, ebbe a soffrire la sciagura di vedere stendere
su proprj beni l’onnipotente mano baronale.____
Gli antichi Arcipreti s’immettevano nel possesso di detto fondo sen-
za l’eccezione de’ roveri, come si evince dagli atti alligati nella memoria.
Detto fondo non può dirsi pertinenza del Mitogio feudo del Barone
altrimenti i comunisti [sic!: gli abitanti del Comune] avrebbero anche preteso, come sul Mitogio il
dritto di seminare con pagare la decima. Essi hanno solamente
chiesto il compascolo per nove mesi dell’anno, ben sapendo di
non aver dritto a seminazione; ma che la proprietà della terra spet-
tando all’Arciprete, tocca a costui il dare a terratico le sue terre
a chi gli apre, e piace.
2. Per l’erbaggeria.
Questo preteso dritto resta, resta provato da non poche ordinanze emes-
se dal Sig Intendente di essere un vettigale colpito anch’esso coll’
abolizione della feudalità. E se è bisognato cercargli questo nome
nella sua origine per tutt’altre contrade, per quelle però di Casti-
glione si annuncia nell’atto stesso di acquisto fattone da un Romeo
da potere del Barone, il quale gli vende gabellam sic dictam l’Er-
baggeria di Linguaglossa, et Francavilla; La quale consistea nel ritrar-
re un tributo dai naturali di quelle Comuni passando coi loro anima-
li per territorio di Castiglione; e che poi la prepotenza feudale estese
alla fida a pascolo degli stessi animali.

[18 c]
Questo preteso dritto è incompatibile, o almeno inesercibile sul fondo
anzidetto dell’Arcipretura, poiché l’Arciprete gabella le terre senza
tener riguardo ai pretesi dritti sul pascolo, dandole ad’ annuo terra-
tico in frumento, e perciò ad’ annuale seminazione; e se mai il
fittajolo per proprio utile vuole farne due sezioni per seminarne
una parte, e l’altra lasciarla in riposo, non perciò puo contarsi
sul pascolo, poiché quest’ultima viene occupata dalla novalizzazione
distrugitrice dell’erba, o dalla semina delle fave, o altri legumi.
3. Pel compascolo
preteso dai comunisti
Questo preteso dritto calcolato dai sudetti tre Periti nella precita-
ta relazione per onze 1.8 annuali è incompatibile, o almeno inesercibile
per le ragioni di sopra addotte contro l’erbaggeria. Si aggiunga an-
che per entrambi, che essendo una volta circuito il fondo di muri
e beneficato con un boschetto di ulivi, e di peri, sino a ritrarre
dai primi cafisii ventisei olio con pubblico atto di gabella è
giusto conchiudersi, che non potea esercitarsi sul medesimo alcun
dritto di pascolo, altrimenti non muri, non ulivi, non peri sareb-
bero in esso esistiti, ma tutto sarebbe stato in ogni tempo aper-
to, e selvaggio.

L’erbaggeria, ed il compascolo anzidetti poterono pretendersi sul
fondo dell’Arcipretura in occasione, che usurpatosi dal Barone la
proprietà de’ roveri, e con essa la chiusura de’ tre mesi nel tempo
del ghiandaggio, rovinati in gran parte i muri di cinta, introdotti
gli armneti al pascolo delle ghiande, cominciò il fondo a riguar-
darsi abusivamente onnossio (?) alle soggezioni di altre contrade
del territorio. Il Parroco intento ai doveri del suo ministe-
Il Parroco nominato dal Barone, debole per potergli re-
sistere, e per latro semplice usufruttuario di quel fondo, non po-

tè resistere all’ingiusta invasione.

N. B.
Si previene che se mai si farà dritto alla dimanda del Rospigliosi

diretta ad ottenere l’importo del compascolo domandato dal Comune

[18 d]
sulla ragione allegata da Rospigliosi di averlo altronde compensato
col suo, in questo caso, e qualora sarà per aggiudicarsi detto
compascolo, non può aver luogo la scala de’ compensi a favore
di Lui, ma deve cedere solamente a di lui favore l’onze 1.8 annuali
per quanto detto compascolo fù apprezzato dai Periti. Su quale
base compensò il Rospigliosi la Comune
Si raccomanda la lettura della memoria corredata di docu-
menti”
[Sul dorso: “Ristretto di memorie per L’Arciprete di Castiglione”]


24. d. 26, in Arcipretura – Santo Stasi. [Fascicoli sciolti] [CLAE]
[Lettera 19/11/1858 dell’arciprete Calì al suo avvocato Patanè Contarini di Catania sulla causa con la Grimaldi. Tono familiare, sfoghi, stanchezza. Principe, fondo S. Anastasio, diritti… Cfr. il merito della causa.]

[26]
[Indirizzo: “Ornatissimo Sig. D. Salvadore Patanè Contarini – Catania”]
Riscontro la Sua del 13. caminante
Dagli esordj della causa, che si ha per le mani ho provato l’umiliazione, che quanto
io suggeriva in difesa è stato sempre qualificato per sgrammaticatura, per non dire insul-
sagine, e tanto ch’io mi era determinato lasciar correre all’evento una causa che
compromette il mio onore non solo. ma anche l’interesse; temendone con ragione la
totale perdita. Vinto ciò non ostante da rimorso, insisto, dicendo, perché non pro-
curarsi pruova testimoniale sull’estensione delle terre che sonosi sempre seminate?
Testimonianze ove avrei fatto figurare due Amministratori del Principe, e qualche
Campiere, lo che avrebbe fissato la prescrizione, risalendosi ad’ epoca anteriore alla
concessione fatta a Camarda. Che perciò replico testimonj, testimonj, e sempre testimonj.
Mi persuado, e l’ho replicato tante volte, che s’appartiene al Principe e suoi giu-
stificare il positivo, cioè, che seminandosi tutto il seminabile, e ciò non facendosi dall’
Arcip.e si dovea fare da Lui, ed il Principe in questo secondo esigger dovea la deci-
ma come nel resto del feudo Mitoscio.
Più, nelle cause di promiscuità tra Comune, Principe, e particolari, il Principe sopra
S. Stasi non altro vantò che ghiandaggio, e compascolo coi comunisti; quale compasco-
lo fù valutato, come da un brano di relazione che Le acchiudo, mandandole a primo
commodo la relazione intiera legale, e che servì di base alla divisione de promi-
scui, predicandosi sempre la proprietà all’Arcipretura in onze 175.2.10. in capitale, e
non vi fù reclamo da parte del Principe. La legga con attenzione.
Inoltre i verbali di rinsaldamento furono notificati al Principe, e questi non contra-
disse, non reclamò. Fece bensì a mia imitazione reclamo per riesame di molte te-
nute nel feudo Mitoscio. E di tutto questo Le mandai le giustificazioni.
Si insiste sempre sul rivelo di Sardo, che per massima non deve essere accolto per-
chè fraudolento a minorar quanto più potersi la fondiaria.
Soggiungo ora altra riflessione, che temo soffrir la marca al solito di scimunitagine.
Nella relazione sopradetta la proprietà si dà all’Arcip.e come dissi, e si valuta il
dritto di compascolo onze 175.2.10. in capitale. Non potrebbe farsi offerta reale di
detta somma, sciogliersi perciò la promiscuità, e finirsi la causa?
Mi dia benigno compatimento; suol dirsi, l’interesse fa parlare i muti.
L’abb. caramente, e mi dico
Ornatissimo                                                                    Castiglione 19. Novembre 1858
Sig. D. Salvadore Patanè Contarini
Catania                                                           Aff.mo Servo ed’ Amico
Gian Battista Calì.

[Foglio accluso: 26 a]
N.° 18:
Nella relazione data dai Periti D. Gaetano la Piana, D.
Gaetano Nicosia, e D. Pasquale Gallone per la soluzione di
promiscuità tra la Comune di Castiglione, e particolari
chiusa a 18. Marzo 1835. tra gli altri capitoli trovansi i
seguenti.
Articolo 1.° = Descrittiva dei fondi
21. Le terre in contrada S. Anastasio proprie di
Niccolò Camardi Sardo di Castiglione, e di D.
Salvadore Spadaro, oggi però possedute dall’Ar-
ciprete D. Gian Battista Calì di Castiglione, con-
finano da ogni lato con le terre del Mitoscio
perché nello stesso ex feudo sono inviscerate;
la qualità del suolo è vulcanica mista d’argilla.
In quanto a cultura sono state solamente a se-
minerio, a pascolo. Le mura alzate per circon-
darlo sono per lo più rovesciate. Esistono nella
estensione totale delli roveri annosi. Sono della
estensione in tutto di salme (?) 15. bis. 1, e tum. 3. _
Seminative, e seminabili sono         salme   12. –
Le produttive di pascolo                  salme     3. –
Le nude pietre                                  salme     – 1.3.
salme   15.1.3

Articolo secondo
Valutazione dei dritti de’ singoli sopra i fondi nella su-
periore descrittiva enunciate, e dei dritti spettanti al Prin-
cipe Manganelli
Sezione prima
Il valore del compascolo | per la Comune | sul
sul fondo di n. 21. fissato in ozne 25.9 aumentato
di un terzo dà                                   onze 1. 8. =.3.  Capitale
onze 25.10.10.

Sezione seconda
Valutazione del dritto d’erbaggeria del Principe Manganelli
è calcolata                                        onze 7.14.12     Cap.
onze 149.22″


25. Cfr. d. 109, ff. 501r+v, in Arcipretura – Volume I°
[Presa di possesso dell’arciprete don Pietro Riganati: 27/02/1643. Era stato designato ad Arcirpete dal Principe don Marco Antonio Colonna il dieci settembre 1642 ed immesso nel possesso canonico  dall’arcivescovo di Messina il 25 febbraio 1643]

Cfr. “[f. 501r]
Die vigesimo septimo Februarii XI. Ind.ae
Millesimo sexcentesimo quatragesimo tertio
Quia ob mortem Rev. D. Antonini Sardo Archipresby-
teri hujus terrae Castrileonis vacavit beneficium ipsius
Archipresbyteratus, et quia praesentatio, electio, et nomi-
natio ipsius beneficii spectavit, et spectat ad Ill/mum
D/num Principem hujus praed.ae terrae, fuit per Ill/mum Do-
minum D. Marcum Antonium Columna Principem d.ae terrae
praes.s, et electus, et nominatus in d.o beneficio Archip.s
coram Ill/mo, et R/mo D. Blasio Proto Archiepiscopo
Messanae nostrae Dioecesis Rev. U. J. D. D. Petrus Riganato
sub die X.° Septembris 1642. p. p., quapropter fuit
d.s de Riganato canonice institus Archip.r hujus
praed.ae terrae per d.m Ill/mum Archiep.m vigore literarum
patentium datarum in Civitate Milatii die 25.
Instantis Mensis praesen.m, et exeq.m per ipsum de
Riganato Archip.m, et per Rev. D. Franciscum Petrocitto
Vic. for. d.ae terrae hodie paulo ante ad quas ||;l


26. Cfr. d. 92, in Arcipretura – Volume I°, [Clae]

[D. Giulio Cesare Rospigliosi, Principe di Castiglione, come marito di “Donna Margarita Gioeni Colonna Rospigliosi Principessa di Castiglione, e Duchessa di Zagarola (sic!)”, di passaggio a Messina, in data 30/04/1822, davanti al Notaio Giuseppe de Cola, nella “Locanda di Leon d’oro” dove è alloggiato, “nomina il Sacerdote Don Antonino Calì domiciliato nella Città di Castiglione assente per Arciprete; o sia Paroco Curato della Città di Castiglione, e ciò d’oggi in poi, e fintantocchè viverà detto Reverendo di Calì, e questo con tutti quelli lucri, emolumenti, onori, ed oneri a detta carica di dritto anticamente spettanti”. Naturalmente il “presente atto avrà luogo tostocchè sarà firmato da Monsignor Arcivescovo. Sappiamo che fine farà questa designazione del Principe. Quali i motivi? Altra copia della stessa elezione si trova nel d. 113, ibidem, trascritta probabilmente dall’arciprete Calì con grafia molto chiara. Cfr. per i passi incerti …]

[f. 434r]
Numero di Repertorio Centoventinove
Regno delle Due Sicilie
Copia            A dì trenta Aprile MilleOttocento Ventidue. 1822.
Ferdinando Primo, per la grazia di Dio, Re del Regno
delle Due Sicilie, di Gerusalemme, Infante di Spa=
gna, Duca di Parma, Piacenza, Castro, Gran Prin=
cipe Ereditario di Toscana. Ec. Ec. Ec. _____________
Innante Noi Giuseppe de Cola del fù Don An=
tonino Notajo di questa Città di Messina collo
studio nella Piazza del Duomo numero quaran=
tacinque, e dei testimonj qui sotto segnati si è
personalmente costituito l’Illustre Don Giulio
Cesare Rospigliosi Principe di Castiglione fi=
glio magiore ammogliato dell’Eccellentissimo
Principe Don Giuseppe Rospigliosi Nobile pro=
rietario Romano, domiciliato nella Città di
Roma Piazza del Quirinale numero sessan=
taquattro, ed in questa Città di Messina ri=
trovatosi di passagio alloggiato nella Locanda
di Leon d’Oro posta in questa sudetta Città
strada Ferdinanda numero trecentosette a
Noi Notaro noto, qual Marito dell’Illustre
Donna Margarita Gioeni Colonna Rospi=
gliosi Principessa di Castiglione, e Duchessa
di Zagarola, e con tal veste eligge, e nomi=
na il Sacerdote Don Antonino Calì do=
miciliato nella Città di Castiglione assente
per Arciprete; o sia Paroco Curato della
Città di Castiglione, e ciò d’oggi in poi, e fin=
tantocchè viverà detto Reverendo di Calì, e que=
sto con tutti quelli lucri, emolumenti, onori,
ed oneri a detta carica di dritto antica=

[f. 434v]
mente spettanti ___________________
Il presente atto avrà luogo tostocchè sarà con=
firmato da Monsignor Arcivescovo __________
Di tutto ciò si è data lettura ad alta, ed in=
telligibile voce al detto Illustre Principe Don
Giulio Cesare Rospigliosi, e testimonj cogniti
a Noi Notaro ___________________________
Fatto in Messina Capo Vallo sotto lo stesso
nome nell’indicata Locanda in presenza
di detto Illustre Principe Don Giulio Cesare
Rospigliosi, non chè di Don Agostino Pelle=
rone del fù Vincenzo possidente domiciliato
in questa sudetta Città nel Borgo di San
Leone, abitazione senza numero, e di Don
Giuseppe Fichera Viola figlio maritato di
Don Carmine scribente domiciliato in
questa sudetta Città nel Borgo di Porta
Bozzetta abitazione senza numero testi=
monj cogniti a Noi Notaro, aventi li
requisiti voluti dalla legge, i quali hanno
dichiarato conoscere il detto Illustre Prin=
cipe Don Giulio Cesare Rospigliosi, e che
vengono a soscriversi col detto Illustre
Principe Rospigliosi, e Noi Notaro ________
Giulio Cesare Rospigliosi Principe di Castiglione
Agostino Pellerone testimonio
Giuseppe Fichera Viola testimonio
Notar Giuseppe de Cola del fù Notaro

[f. 435r]
Don Antonino residente in Messina ___
Specifica
Registro grana ottanta
Ruoli grana trenta
Repertorio grana dieci
Archivio grana dieci
Accesso grana venti
Competenze Ducato uno ____
Totale Ducati due, e grana cinquanta _____
Notar de Cola
Registrata in Messina li trenta Aprile Mil=
le Ottocento Ventidue, Libro primo, Volume
cinquant’otto, foglio ventidue, Casella quar=
ta, numero Seimila quattrocento tredici, ri=
cevuto grana ottanta == 80. == Curlando
Ricevitore _______________________________

[Altra grafia] Esemplata la presente copia dal suo originale da me ro=
gato In fede di che ho apposto alla presente scritta di
alieno carattere il mio solito sgno
Messina primo Maggio Mille ottocento Ventidue 1822
Notar Giuseppe de Cola del fù Notaro don Antonino residen=
te in Messina
Specifica
Registro grana venti
Ruoli grana venti
Competenze ducato uno
Totale ducato uno, e grana quaranta
Notar de Cola
[Altra grafia]Reg.to in Messina il dì primo Mag.o
1822; Lib. I / Vol. 58 fol. 26 …
[Timbro ovale]              311° …6465: ric.to grana 20…
Curlando
Rice…                      Vista in questa Cancelleria”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.