1995 NOVEMBRE

1. Mercoledì. Variabile. Da qualche settimana nuovo commissario regionale all’Orfanotrofio. In sostituzione del Dott. Amore, catanese, arriva un palermitano, il Dott. Zambito. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi. Pochi fedeli. Nel pomeriggio messa al cimitero. Si fa notare la presenza dell’on. Ilario Floresta con il suo seguito.

 

2. Giovedì. Variabile. Nevischio nel pomeriggio con tuoni in lontananza. Alle 11,15 ca. riapre l’autostrada nel tratto Acireale-Barriera di Catania. Ieri pomeriggio hanno demolito il viadotto. Nel pomeriggio messa al cimitero.

3. Venerdì. Variabile.

4. Sabato. Variabile. Freddo nel pomeriggio; tramontana. Si abbassa sensibilmente la temperatura.

5. Domenica. Nevischio per tutta la giornata. Neve sui monti intorno; molto bassa sull’Etna. Freddo intenso. Non viene celebrata la messa nella chiesa S. Vincenzo; solo tre fedeli. Impossibilitati ad accedere alla chiesa per la pioggia. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi. Vengono commemorati i caduti di tutte le guerre. Assenti le autorità civili e militari! Sembra che l’Associazione Combattenti e Reduci siano in lotta con il Comune perché quest’ultimo ha fatto pagare la somma di lire 900.000 per la sepoltura del signor Giuseppe Palumberi, ex combattente e invalido di guerra. La commemorazione si è svolta senza corone e senza corteo, con una scarsa partecipazione di fedeli. L’arciprete avvisa che mancherà fino a giorno 14 novembre. Dice di essere impegnato per il ritiro spirituale. Andrà in Terra santa con un gruppo di altri sacerdoti. Proprio ieri sera è stato assassinato il primo ministro Rabin.

6. Lunedì. Nevicata nella mattinata. Molto freddo. L’arciprete parte per la Palestina per un corso di esercizi spirituali. Tornerà martedì prossimo. In giro si dice che sia andato a Roma. E’ quello che ha detto a diverse persone. Non vuole che si diffonda la notizia della sua assenza, preoccupato dai continui furti che quasi ogni notte si susseguono.

7. Martedì. Variabile. S. Marta, intervento (cataratta) dalle 12,00 alle 14,05. Tutto ok. Molto bravo il medico spagnolo che ha eseguito l’intervento.

8. Mercoledì. Variabile. La messa vespertina viene celebrata dall’arciprete Savoca.

9. Giovedì. Variabile.

10. Venerdì. Variabile.

11. Sabato. Variabile. Alle 15,30 prove di canto in preparazione al Natale.

12. Domenica. Variabile. Per l’assenza dell’arciprete vengono sospese le messe a S. Vincenzo e a Verzella. A Gravà celebra don Enzo Di Mura. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi.

13. Lunedì. Variabile. Inizia corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola media.

14. Martedì. Variabile. Dimissioni Ospedale S. Marta. Alle 15,30 funerali del signor Giuseppe Tizzone di anni 87. L’arciprete Cannavò è di ritorno dalla Terra Santa proprio alla fine del funerale.

15. Mercoledì. Variabile.

16. Giovedì. Variabile.

17. Venerdì. Variabile. Corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola media. Conferenza del preside Carmelo Castro su ‘Scuola e Orientamento’. Riunione nel salone S. Giuseppe, con la partecipazione dell’arciprete e della superiora, per il presepe vivente.

18. Sabato. Variabile. Vento molto forte da ieri sera. Tramontana. Alle 15,00 prove di canto nella chiesa S. Pietro. Sempre pochi fedeli alla messa vespertina.

19. Domenica. Variabile. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi.

PALERMO 23-11-1995
CONVEGNO ECCLESIALE
IL DISCORSO DI PAPA GIOVANNI PAOLO II

20. Lunedì. Variabile. Molto freddo. Sciopero dei medici ospedalieri. Alle 15,00 funerali della signora Antonina Crifò, di anni 82. Inizio del convegno ecclesiale di Palermo.

21. Martedì. Variabile. Molto freddo. Nel pomeriggio, a Randazzo, funerali di padre Michelangelo Ragusa.

22. Mercoledì. Variabile. Nel pomeriggio, dalle 16,00 alle 19,15 consigli di classe all’istituto Magistrale: II, III e IV. La superiora della Figlie di S. Anna parte per Palermo. San Leoluca*** fugge dall’aeroporto di Punta Raisi alla vista dell’efferato Cassisa. Uno sgarbo non dovuto al Papa! Non può discriminare un vescovo davanti ad un altro vescovo, per quanto Giuda o Caino. Chi avesse ostentato disprezzo per Giuda non avrebbe certo mostrato rispetto per il suo Maestro, che non per questo era da considerare il suo protettore o, peggio, il suo ispiratore. Uno strana repubblica, poi, quella di san Leoluca, dove non solo è legge che il sospetto sia l’anticamera della verità, ma dove si pratica anche la giustizia prima ancora che si indaghi e si sia giudicati. Gran cavaliere senza macchia, novello cataro, non ha fuggito solo un uomo ma ha schiaffeggiato un papa che ritiene meno sensibile e più capace di lui a sopportare la vista e l’abbraccio di un vescovo ‘mafioso’. Se nella sua attività politica ha sopportato altre puzze, un minimo di umiltà e di fede avrebbe dovuto suggerirgli di avere a che fare non con l’incriminato di mafia ma con un uomo di chiesa che vuole essere severamente giudicato per i sospetti di cui può essere vittima ma anche rispettato fino a quando qualcuno ritiene opportuno che rimanga ancora nella sua funzione.

23. Giovedì. Bella giornata; fredda. Alle 15,00 funerali della signora Maria Catena D’Amico, di anni 72. L’arciprete è a Montecompatri (Roma), per partecipare ai funerali di una sua parente.

24. Venerdì. Variabile. Pioggia nel pomeriggio. Alle 15,30 funerali di Felice Zullo, di anni 30. Continuano i lavori nella stanza sopra la sacrestia S. Pietro. Corso di aggiornamento per gli insegnanti della scuola media. Conferenza della prof.ssa Brischetto di Giarre (?). Pochi insegnanti, sia a motivo del cattivo tempo che per sciopero.

25. Sabato. Giornata di pioggia, continua, abbondante. Nubifragio per tutto il pomeriggio. Senza energia elettrica fino a tutta la notte.

26. Domenica. Coperto per tutta la giornata; non piove. La messa delle 11,30 viene celebrata dall’arciprete; assente mons. Alibrandi. Alle 15,00 prove di canto in Basilica. Inizio del catechismo nei locali del Carmine. Proiezione da parte del signor Currenti.

27. Lunedì. Pioggia continua e abbondante fino al primo pomeriggio, soprattutto da mezzogiorno alle 14 ca. Alle 15,30 funerali a Verzella della signorina Giuseppa Mobilia, di anni 64.

28. Martedì. Variabile; non piove. Dalle 15,00 alle 17,30 corso di aggiornamento per i professori della scuola media. Conferenza dell’ispettore Michele Grasso di Acireale. Viene ascoltato con qualche insofferenza; l’interruzione alle 17,30 è dovuta all’interruzione dell’energia elettrica solo all’interno dell’edificio scolastico. ‘Un guasto che non saprei come riparare …’. Eppure si tratta di una persona molto preparata e dalle idee molto chiare. La stanchezza dei professori non è l’ideale per poter accogliere utili insegnamenti.

29. Mercoledì. Bella giornata, fredda ma assolata. Finalmente! Dalle 16,00 alle 18,30 consigli di classe, I A e I B, al Magistrale. Già pronto il manifesto per la festa del Magistrale del primo dicembre. E’ stato preparato dai maturandi (Ml, V…). Provocatorio l’invito: “Spogliatevi dei vostri peccati …”. La serata prevede uno striptease maschile e femminile (sic!!!). Inoltre: distribuzione di volantini e di una spilla contro l’AIDS!!! Possibile? Proprio così! Come trovata per vendere biglietti non c’è che dire. E per il resto? Una trovata molto strana. E i genitori? Si vedrà.

30. Giovedì. Coperto per tutta la giornata; pioggia.


***

C’E’ IL VESCOVO INQUISITO E ORLANDO SE NE VA | la Repubblica.it

PALERMO – Un clamoroso incidente diplomatico ha aperto la giornata palermitana di Giovanni Paolo II. A rovinare la festa al papa è stato il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Pur di non stare accanto a monsignor Salvatore Cassisa, il sindaco di Palermo ha preferito rinunciare a dare il benvenuto a Giovanni Paolo II al suo arrivo a Punta Raisi. Quando, inaspettatamente, tra le autorità che attendevano il pontefice in aeroporto, ha visto anche il plurinquisito arcivescovo di Monreale, per il quale la procura di Palermo ha già chiesto il rinvio a giudizio per corruzione nell’ ambito di un’ inchiesta per tangenti relative ai lavori di restauro del Duomo, Orlando è risalito in macchina ed ha fatto ritorno a Palermo. Il papa, comunque, non si è accorto di nulla. Tutto, infatti, è avvenuto in pochi minuti, ancora prima che l’ aereo atterrasse sulla pista di Punta Raisi. Quando è sceso dalla scaletta dell’ aereo, insieme all’ arcivescovo di Palermo Pappalardo e al presidente della Cei Ruini, il papa ha trovato anche monsignor Cassisa, nella sua veste di arcivescovo della diocesi nel cui territorio ricade l’ aeroporto di Punta Raisi. Per tutta la giornata il sindaco si è limitato a dire che il suo gesto “parla da sé”. Orlando ha affidato ad un messaggio scritto il “saluto di devozione e di benvenuto al papa”. Per dimostrare al pontefice tutta la sua gratitudine, il sindaco lo ha accompagnato in aeroporto al termine della celebrazione della messa allo stadio della Favorita, quando il cerimoniale non prevedeva più la presenza di Cassisa. Orlando terrà una conferenza stampa oggi alle 11. Il suo gesto ha subito suscitato reazioni, soprattutto dei rappresentanti del Vaticano. Il vicedirettore della sala stampa vaticana, Ciro Benedettini ha spiegato il perché della presenza di Cassisa in aeroporto. “E’ prassi normale che l’ ordinario del luogo dove si trova il territorio dell’ aeroporto venga a ricevere il Santo Padre insieme alle altre autorità. Siccome Punta Raisi si trova nel territorio della diocesi di monsignor Cassisa, era normale la sua presenza”. Ma alla vigilia della visita del papa, erano in molti a Palermo a ritenere che, in questo caso, la solita prassi sarebbe stata “inopportuna”.

a z – 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.