1995 Gennaio

1. Domenica. Variabile. Vento. La messa delle 10,00 al Carmine viene celebrata da don Rinuccio. La messa delle 11,30 è presieduta da mons. Alibrandi, assistito dagli arcipreti Savoca e Cannavò. Delle autorità sono presenti solo il maresciallo Motta e l’appuntato Caliendo. Alle 17,00 celebra a Verzella don Rinuccio.

2. Lunedì. Variabile. Vento; tramontana. Battesimo, alle 18,00, di Luca Barbagallo, figlio di Alfio e di Marina Bosco.

3. Martedì. Variabile. Nella prima mattinata nevica sui monti sopra S. Domenica Vittoria. Alle 16,00 comincia a nevicare. Continua in modo discontinuo per tutta la serata. Tuoni molto cupi in lontananza. Alla messa delle 16,30 è presente solo la signorina Tecla Russotti. Celebra l’arciprete Savoca; l’arciprete Cannavò va via prima, per paura di non poter passare più tardi per la neve.

4. Mercoledì. Nevischio per tutta la nottata. Nevica a tratti durante la giornata. Vento forte di tramontana. Monti innevati fino a Malvagna, Moio Alcantara, Solicchiata, monte Colla: si è formata quella che viene chiamata la ‘conca’. Un gruppo di ragazzi questa mattina attendeva in piazza S. Martino per partire per Piano Provenzana. Pare il gruppo del circolo ‘Ossigeno’. L’arciprete, a causa della neve, rimane a Passopisciaro.

5. Giovedì. Bella giornata, ma molto fredda. Ghiaccio per le strade, soprattutto nella zona di monte Colla. Pare che questa notte i ladri abbiano forzato la serratura della porta di ferro dell’ingresso di S. Pietro dalla parte del campanile. Ci sono segni evidenti di manomissione, oltre alla difficoltà riscontrata nell’aprire la porta. Si viene a sapere che hanno tentato di forzare le serrature anche in altre abitazioni della zona: signor Paolino Camuglia, signor Lomonaco Vincenzo. Qualcuno dice che qualche giorno fa, in pieno giorno, hanno rubato circa un milione e mezzo nella casa del signor Laviano (‘fracasso’). Nella strada a fianco la scuola media arrivano in mattinata i carri del circo Apollo.  L’arciprete, aiutato dal gruppo della Legione di Maria, prepara i calendari da portare agli anziani e agli ammalati. I ragazzi che hanno fatto il cenone di fine anno nei locali della canonica non hanno ancora ridato la chiave del portone.

6. Venerdì. Bella giornata, molto fredda. La messa della 10,00, nella chiesa del Carmine, viene celebrata da don Rinuccio. Dopo la messa dovrebbe partire in macchina per Roma. Mons. Alibrandi presiede la messa delle 11,30. Non è presente la RTA. Pochi fedeli. Spettacoli del circo Apollo. Una piccola tenda nello slargo a fianco la scuola media. Sorteggio nella chiesa di Verzella. Continua ancora la ‘pesca’. Il prof. Manitta è proprio preso dall’entusiasmo. Tutto in funzione della festa in onore di S. Giovanni Bosco che si dovrebbe celebrare la prossima estate.

7. Sabato. Coperto. Minaccia neve. Nevica sui monti intorno. Nevischio nel pomeriggio. Alla messa delle 07,30 è presente don Rinuccio. Non è partito ieri, come previsto. Partirà questa mattina. Viaggia da solo. Nel venire da Roma gli hanno fatto compagnia due seminaristi rogazionisti. Viene a far visita don Enzo Di Mura. Questa mattina hanno di nuovo ricoverato il signor Vincenzo Treffiletti, via S. Giuseppe. Lo avrebbero portato questa volta all’ospedale di Taormina. Ha, come al solito, cominciato a lanciare oggetti e insulti all’indirizzo dei vicini di casa. Una storia infinita. Nel pomeriggio l’arciprete si reca da mons. Alibrandi. Presumibilmente dovrebbe discutere insieme ad altri la faccenda dello statuto dell’Orfanotrofio.

8. Domenica. Coperto. Pioviggina per tutta la giornata. Levante. Tre fedeli alla messa nella chiesa S. Vincenzo. Quando piove è difficile, soprattutto per le persone anziane, raggiungere la chiesa. La messa delle 11,30 viene presieduta da mons. Alibrandi. E’ trasmessa dalla RTA. Pochi fedeli. L’arciprete, alla fine della messa, sollecita a invitare i ragazzi della scuola media a frequentare il catechismo. Nel pomeriggio tombola per i bambini del catechismo al Carmine.

9. Lunedì. Variabile. Freddo. Prima richiesta di matrimonio LO GIUDICE SALVATORE – PORTALE NUNZIA. Il signor Antonio Frisina (fratello di Turiddu) fa una cospicua offerta (due milioni di lire) alla Parrocchia per lavori per la chiesa di Lourdes o altre necessità. Risiede a Roma. E’ accompagnato dal signor Carmelo Damico (suo cugino). In assenza dell’arciprete viene consegnata ad altro sacerdote momentaneamente presente. Riprendono le lezioni all’istituto ‘Mater Ecclesiae’ di Calcarone.

10. Martedì. Variabile. Nel pomeriggio riunione del Movimento della Speranza presso le suore Figlie di S. Anna.

11. Mercoledì. Variabile. Bella giornata fino al primo pomeriggio. Coperto; comincia a nevicare sui monti. Nevischio nella serata. Molto freddo.

12. Giovedì. Nuvoloso. A tratti piove. Freddo. Nella mattinata arriva la notizia della morte del Preside dell’Istituto Magistrale, prof. Antonino Leotta. I funerali saranno domani, ad Acireale, nella chiesa S. Sebastiano alle ore 10,00. Una notizia improvvisa e imprevista che crea sconforto nei professori e negli alunni della sezione staccata. Era una figura molto amabile, ricca di umanità, piena di humour. La sua presenza e la sua voce ‘riempivano’ i locali della scuola. Molto ben voluto e stimato dal corpo docente. Fratello di mons. Francesco Leotta, Canonico Teologo alla Cattedrale di Acireale. Nel pomeriggio ora di adorazione nella chiesa S. Pietro.

13. Venerdì. Paesaggio imbiancato al risveglio. Comincia a nevicare verso le sei del mattino. Continua per la prima mattinata. Coperto per il resto della giornata. Molto freddo. Chiusa la scuola media. Pochi i ragazzi del Magistrale. Ufficialmente avrebbero dovuto fare assemblea d’istituto. Alcuni partecipano ai funerali del Preside prof. Antonino Leotta nella Basilica S. Sebastiano di Acireale. Sono presenti tutti gli alunni della centrale. Presiede il vicepreside p. Vincenzo Lanzafame. Cerimonia molto raccolta e commossa. Oltre alle preghiere dei fedeli suggerite dagli alunni del Magistrale, alla fine della messa, hanno tenuto un breve discorso il prof. Guarrera e un’altra professoressa.

14. Sabato. Coperto. Nevischio. Molto freddo. Gli alunni della scuola media non entrano a scuola, tranne alcuni della prima A. Avrebbero avuto notizia che l’impianto di riscaldamento non funziona. Viene acceso in ritardo. Nel pomeriggio riunione dell’AC adulti nella canonica di S. Pietro per l’elezione del nuovo presidente. Eletto il capitano Gaetano Vinciguerra. Il prof. Vittorio Cannavò, ormai residente ad Acireale e già presidente da diversi anni, non può seguire da lontano l’associazione.

15. Domenica. Coperto. Nevischio. Molto freddo. La messa delle 08,00, nella chiesa S. Pietro viene celebrata dal sac. Treffiletti. L’arciprete celebra la messa delle 10,00 alla chiesa del Carmine. Alla messa delle 11,30, presieduta da mons. Alibrandi e concelebrata dall’arciprete Savoca, è assente la RTA. Viene amministrata la cresima a Laura Laviano. Pochi fedeli.

16. Lunedì. Variabile; miglioramento. Non è presente alla messa delle 07,30 la superiora delle figlie di S. Anna. Sarà partita per i soliti suoi convegni a Palermo o a Roma.

17. Martedì. Bella giornata, nella prima mattinata; nel pomeriggio coperto. Freddo. Messe nella chiesa S. Antonio. Nonostante i lavori di restauro in corso la chiesa è stata ripulita per permettere le messe in onore di S. Antonio Abate. La messa delle 11,00 viene celebrata da mons. Alibrandi. Nel pomeriggio un gruppo con il capitano Vinciguerra si reca a Randazzo per partecipare ad un incontro per animatori pastorali.

18. Mercoledì. Bella giornata. Freddo. L’arciprete va in aereo a Roma per partecipare ai funerali di un suo cugino morto ieri. Ritorna in serata. L’arciprete Savoca celebra la messa vespertina da solo.

19. Giovedì. Variabile. Vento forte; tramontana. Alle 10,30 matrimonio DE LUCA CARMELO- STRAZZERI ISABELLA in Basilica. Manovre militari nella zona. Alle 14,30 ca. passano a quota molto bassa, facendo tremare i vetri delle case, due caccia. Intorno alle 16,10 si sente un forte boato, come di una grande esplosione. Adorazione nella chiesa S. Pietro. Cresima di un giovane nella cappella di mons. Alibrandi. L’arciprete annuncia che domani dovrebbero venire alcuni incaricati della Sovrintendenza di Catania per la chiesa di S. Nicola e per la Biblioteca. In Biblioteca dovrebbero progettare il rifacimento del tetto.

20. Venerdì. Bella giornata. Assolata, luminosa. Verso le 14,00 riportano dall’ospedale il signor Vincenzo Treffiletti, via S. Giuseppe. Pare che abbia scambiato le chiavi di casa. Non può entrare. Viene chiamato un falegname per sostituire la serratura. Nel pomeriggio riunione della Legio Mariae nei locali della canonica. Preparano ancora calendari del nuovo anno da distribuire ad ammalati ed anziani. Qualcuno riferisce che questa notte dei ladri sarebbero penetrati nei locali sotto la casa del signor Pippo Marchese, in via S. Pietro. Avrebbero forzato la sua macchina parcheggiata sotto il campanile S. Pietro ed inoltre sarebbe stato rubato un crocifisso dalla chiesa dell’ospedale. Strani incontri, strani personaggi. Sono le 17,45. La signorina Melina Carciopolo a passo veloce, a testa bassa passa per via Carmine con un fascio di legna portato alla meglio in uno scialle, con il solito suo strano abbigliamento da beghina d’altri tempi. Dopo di lei la moglie del signor Lorenzo Giannetto porta a spasso il suo cane giustificandosi che questi non vuole stare con nessuno, vuole venire per forza con lei. Nel frattempo scende dalla strada di fronte i locali del Carmine la signora ‘tricapri’, in abbigliamento quasi estivo, con una borsa piena, come al solito, di verdura. Poco prima era passato il signor Conti con il suo asino. Franco Monforte intanto dirige il traffico in piazza S. Martino, con un lungo impermeabile che rende ancora più convincente il suo lavoro. Davanti alla scuola Elementare è ferma appoggiata al muro la signora Taramaschino, con un secchio rosso davanti e lo sguardo perso nel vuoto. Il secchio è vuoto. In mano tiene la sua immancabile borsa e un bastone.

21. Sabato. Variabile. Tentativo di scasso all’archivio storico (scalinata esterna dirimpetto al Campanile S. Pietro). Viene divelto il ‘tamburo’ della serratura. Non sono riusciti ad entrare, oppure, dopo aver visto di cosa si trattava, avranno desistito. L’arciprete fa visita agli alunni della scuola media. Consegna una lettera ad ognuno per i genitori. Invito a partecipare ad un incontro domani al salone del Carmine per sollecitare i propri figli a frequentare il catechismo per la preparazione della cresima. Quest’anno si terrà il 29 giugno e sarà amministrata dal vescovo diocesano mons. Malandrino. Alle 10,30 matrimonio FRENI GIUSEPPE LEONARDO – LAVIANO LAURA LUCIA. Riunione di alcuni membri dell’Azione Cattolica nei locali della canonica. Questa sera, nel salone del Carmine, il circolo Ossigeno dovrebbe dare inizio al cineforum. Da qualche settimana in tutti i locali pubblici è esposto locandina a stampa.

22. Domenica. Bella giornata. La messa delle 8,00, nella chiesa S. Pietro, non viene celebrata dall’arciprete. Celebra alle 10,00 al Carmine. La messa delle 11,30 è presieduta da mons. Alibrandi. Viene trasmessa dalla RTA.

23. Lunedì. Variabile. Nel pomeriggio funerali del signor Guardalà Giuseppe, anni 85, via Piave.

24. Martedì. Variabile. Molto vento, soprattutto nel pomeriggio e nella serata. Funerali, alle 15,30, del signor Pennisi Salvatore, anni 65, via Piave. Dalle 14,30 alle 17,30 consigli di classe, sezione A, alla scuola Media.

25. Mercoledì. Bella giornata. Conversione di S. Paolo. Pochi fedeli alla messa vespertina. Gli altri anni si festeggiava in modo più solenne. Qualcosa da un po’ di tempo a questa parte sta cambiando. Si sente come la mancanza di qualcosa. Forse stanchezza. Sempre meno fedeli. In giro c’è il deserto, un’atmosfera di abbandono. Questo paese sta proprio scomparendo. Anno dopo anno si tocca con mano il venir meno della vita gioiosa d’altri tempi. Deserto.

26. Giovedì. Bella giornata; primaverile. Nel pomeriggio adorazione eucaristica nella chiesa S. Pietro. Mons. Alibrandi, la superiora delle Figlie di S. Anna, sr. A. Ermelinda, il capitano Vinciguerra e consorte si recano ad Acireale per partecipare al 15° di ordinazione episcopale di mons. Malandrino e alla chiusura dei festeggiamenti per il 150° anniversario dell’erezione della diocesi di Acireale.

27. Venerdì. Bella giornata. [Catania / Clinica ‘Morgagni’: h. 13,45].

28. Sabato. Bella giornata. In mattinata, nella chiesa di Lourdes, matrimonio GIUFRE’ GIUSEPPE – CANNIZZARO MARIA e battesimo di uno dei due figli. Nel pomeriggio, alle 16,30, nella Basilica, matrimonio LO GIUDICE SALVATORE – PORTALE MARIA. Pochi invitati; senza fiori, senza musica. A prima vista, un matrimonio in ‘castigo’.

29. Domenica. Variabile. Si abbassa la temperatura. Alla messa nella chiesa S. Vincenzo sono presenti due sorelle Calì (fotografi) ed un figlio. Offrono a S. Vincenzo una tovaglia mandata dalla cognata residente in Australia. Foto. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi; è trasmessa dalla RTA. Dopo qualche mese, ritorna alla messa delle 11,30 il signor Salvatore Purello. E’ stato operato a Milano. Alle 15,30 funerale nella chiesa S. Pietro della signora Angela Zullo, di anni 91, abitante in via S. Marco. I ragazzi del catechismo restano chiusi nei locali del Carmine. Uno dei genitori, in attesa che venga trovata la chiave, riesce ad aprire, forse forzando la porta.

30. Lunedì. Variabile. Iniziano lavori per il restauro del ‘Cannizzu’. Costruzione impalcatura. Nel pomeriggio funerali della signora Lucia Florio, di anni 69. E’ morta ad Augusta.

31. Martedì. Variabile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...