Fonte: Biblioteca Villadicaniense.

Richieste di sussidi a Enti vari (Regione, Soprintendenza, Comune). Altro.

a) 12/02/1954. Regione Siciliana

[ms] Castiglione Sic. 12-2-1954
[dattiloscritto] Regione Siciliana
Palermo

Il sottoscritto Sac. Savoca Salvatore, Arciprete-Parroco di Castiglione di Sic., prov. di Catania fa presente quanto segue:

Esiste in Castiglione Sic. una Biblioteca, titolata “Villadicanense”, di proprietà della Chiesa Parrocchiale SS. Pietro e Paolo, sita in via S. Pietro.
Essa, fondata nel 1840, è ricca di ben 8000 volumi, di alcuni Incunaboli, di molte cinquecentine, di qualche manoscritto e di vari documenti del luogo.
Fin dalla fondazione destò l’interesse di persone colte, di professori, di studenti sia locali che dei paesi circonvicini.
Verso l’anno 1930 tutti i libri della Biblioteca vennero posti in un nuovo locale costruito appositamente. Nel trasloco non si curò la sistemazione ordinata dei libri, che vennero gettati alla rinfusa negli scaffali.
D’allora rimasero in tale stato sino a pochi anni fa, cioè sino a che un gruppetto di professori, di universitari non si dedicò con sacrificio a riordinare quei volumi pieni di polvere e lasciati in abbandono.
Dopo un lavoro assiduo si è riusciti a disporre negli scaffali esistenti la maggior parte dei libri. Ormai restano da sistemare quasi 2000 volumi, che per mancanza di palchetti giacciono ammonticchiati in un angolo con il pericolo di deteriorarsi irreparabilmente.
E’ doveroso aggiungere che in questi giorni è stato preso accordo tra l’Amministrazione della Chiesa S. Pietro e Paolo e l’Amministrazione Comunale, con cui la Chiesa impegna, pur restandone la proprietaria esclusiva, di mettere a disposizione del pubblico la Biblioteca e dall’altra parte il Comune ne assume la Direzione e l’Amministrazione ordinaria.
Prima che venga aperta al pubblico si rende necessario:
1° la sistemazione dei detti 2000 volumi, per i quali sono richiesti N. 4 palchetti del formato del progetto allegato e cioè palchetti porta libri da ambedue facciate nella misura di m. 2,80 di lunghezza, m. 0,60 di profondità, e m. 1,85 di altezza; costruiti in legno Abete e placcati di compensato di mm. 4 di faggio evaporato per la spesa di £. 200.000.
2° N° 2 tavoli di lettura in legno noce massiccio di m. 2,20 X 1, alti m. 0,80 per £. 60.000.
3° N° 10.000 schede con legature “Staderini” per schedare tutti i libri per [ms] £ 50.000.
Si prega codesto On. Assess. Pubblica Istruz. di venire incontro concedendo i fondi necessari complessive £ 310.000. Fiducioso in una solerte viva comprensione, attendo gentile riscontro.
Sac. Savoca Salvatore  Arc. Parroco.”
[Segue allegato con disegni]


b) Sovrintendenza di Catania: s.d.[c.s.]

“All’Illustr.mo Signor Andrea Cavadi
Sopritendente Bibliografico
Catania

Il sottoscritto Sac. Savoca Salvatore, Arciprete-Parroco di Castiglione Sic. fa presente quanto segue:
Esiste in castiglione di Sic. una Biblioteca, titolata “Villadicanense”, di proprietà della Chiesa Parrocchiale S.S. Pietro e Paolo, sita in via S. Pietro.
Essa, fondata nel 1840, è ricca di ben 8000 volumi, di alcuni Incunaboli, di molti cinquecentine, di qualche manoscritto, e di vari documenti storici del luogo.
Fin dalla fondazione destò l’interesse di persone colte di professori, di studenti sia locali che dei paesi circonvicini.
Verso l’anno 1930 tutti i libri della biblioteca vennero posti in un nuovo locale costruito appositamente. Nel trasloco non si curò la sistemazione ordinata dei libri, che vennero gettati alla rinfusa negli scaffali.
D’allora rimasero in tale stato sino a pochi anni fa, cioè sino a che un gruppetto di professori, di universitari e studenti non si dedicò con sacrificio a riordinare quei volumi pieni di polvere e lasciati in abbandono. Dopo un lavoro assiduo è quasi pronta per essere aperta al pubblico. Ma proprio ora si presentano gravi problemi, che per ben risolvere si chiede l’intervento e l’aiuto di codesta spett.le Soprintendenza Bibl.
I° La Biblioteca manca di sala di lettura. Si potrebbe adibire a sala di lettura la sala dei libri, ma prima bisognerebbe almeno rivestire di reticelle metalliche gli scaffali.
2° La Biblioteca manca di schedario.
3° La Biblioteca non è aggiornata di libri e di riviste.
4° Abbisogna di alcuni scaffali per sistemare più di 1000 volumi.
5° Molti libri devono essere riparati.
E’ necessario un sussidio mensile per il Bibliotecario.
Si aggiunge che la Biblioteca è priva di fondi.
Fiducioso che la S. V. voglia prendere in considerazione quanto sopra esposto, La prego voler comunicare chiarimenti in merito.

Con osservanza
Arc.-Parr. Savoca Salvatore”


c) 15/02/1954: Al Sindaco di Castiglione

“Castiglione Sic. 15/2/1954
All’Ill.mo Signor Sindaco del Comune
di
Castiglione di Sic.

Il sottoscritto Sac. Savoca Salvatore, Arciprete-Parroco di Castiglione Sic., si permette di presentare all S. V. Ill.ma una proposta, che crede sia grandemente accetta e di pubblica utilità ai cittadini di questo Comune.
La Chiesa SS. Pietro e Paolo di Castiglione Sic. è proprietaria di una Biblioteca, titolata “Villadicanense”, sita in locali propri in via S. Pietro.
Essa, fondata nel 1840 dall’Arciprete Calì Sardo, è ricca di ben 8000 volumi, di alcuni Incunaboli, di molti Cinquecentini, di manoscritti, e di vari documenti storici del luogo.
Ma tanto patrimonio di scienza per varie cause è rimasto almeno negli ultimi anni poco o niente utilizzato. Ora dopo un periodo laborioso di sistemazione, la Biblioteca è in condizioni di essere aperta al pubblico.
Il sottoscritto anche per venire incontro alle molte richieste di persone colte, di professori, di studenti si propone quam primum di aprirla al pubblico in determinati giorni ed ore della settimana.
E’ a questo punto che si chiede l’intervento dell’Amministrazione Comunale secondo le varie disposizioni di leggi in proposito.
Si è fiduciosi, sia per [non] lasciare delusi i nostri sforzi sia per il bene intellettuale dei cittadini, che l’Ammin. prenda in considerazione quanto segue:
Perchè la suddetta Biblioteca venga regolarmente aperta al Pubblico si rende necessario che essa sia affidata ad un Bibliotecario, che naturalmente dovrebbe essere retribuito.
Ora si chiede che dall’Ammin. Comunale venga stabilita una quota mensile o annua per il Bibliotecario.
Con l’augurio che quanto sopra venga preso in seria considerazione, si resta in attesa di un affermativo riscontro.

Con osservavza
Arciprete-Parroco”

(Cfr. Biblioteca, Doc. 1/2… – scaffale 10a)


1956 (…Giugno): libri mandati per la rilegatura (cfr. le 3 note).


d) s. d. [febbraio 1957]. Sindaco alla Soprintendenza. Attività della ‘Villadicanense’.

“[minuta]Alla Soprintendenza Bibliografica per la Sicilia Or.
Catania

a precisazione della mia lettera del 2/2/1957 a codesta Soprintendenza in risposta alla V. Nota N. 8/90 del 31/1/1957, mi premuro comunicare che in questo centro esiste una Biblioteca di proprietà della Chiesa Parrocchiale SS. Apost. Pietro e Paolo, titolata “Villadicanense”.
Essa, in seguito ad accordo tra l’autorità Ecclesiastica e questa Amministrazione nel febbraio del 1954 e come di vostra conoscenza, per comunicazione allora datavi, pur restando di proprietà della Chiesa Parrocchiale veniva messa a disposizione del pubblico Castiglionese.
Tale accordo è ancora vigente.
Notifico che la “Villadicanense” è rimasta aperta al pubblico per pochi giorni della settimana e nelle ore antimeridiane a causa del lavoro di sistemazione e di schedatura dei libri.
Il Sindaco”


e) 15/02/1957. Comune. Contributo.

“[Carta intestata della Biblioteca] li 15/2/1957
Illustr.mo Signor Sindaco
Castiglione di Sicilia

a seguito delle lettere di codesta Amministrazione Comunale al Soprintendente Bibliografico di Catania riguardante questa Biblioteca, mi è stato chiesto dallo stesso telegraficamente se dal Comune nel bilancio preventivo 1957 sia stata previsto un assegno finanziario a favore di questa Biblioteca.
Nel caso affermativo si vuole sapere a quanto esso ammonti.
Dovendo comunicare telegraficamente tali notizie entro la giornata di oggi, La prego di rendermi subito edotto.
La ringrazio e La saluto distintamente.

[Firma autografa] Sac. Gaetano Cannavò”


f) 28/02/1957. Al Sindaco: attività biblioteca, sussidio

“28/2/1957
Illustr.mo Signor Sindaco

la presente per comunicarLe che la Biblioteca “Villadicanense” dal 18 c. m. è rimasta regolarmente aperta al pubblico dalle ore 10 alle ore 12 dei seguenti giorni della settimana: lunedì, giovedì, sabato e Domenica.
Le posso attestare con soddisfazione che essa è stata frequentata da un discreto numero di persone.
Mi premuro ancora di notificarLe che nella sede di questa Biblioteca funziona la Biblioteca circolante o Bibliobus, promosso e organizzato dall’Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione.
Il Bibliobus contiene libri di lettura amena, di divulgazione scientifica e tecnica, di storia, artigianato ecc. per l’elevazione culturale del popolo. Esso è aperto a tutti i cittadini, i quali possono chiedere in prestito gratuito i libri che desiderano leggere.
La prego gentilmente di darmi per iscritto comunicazione del sussidio finanziario, stabilito con delibera da codesta spett.le Amministrazione a favore di questa Biblioteca.
La ringrazio e Le porgo i miei distinti saluti.

[firma autografa] Sac. Gaetano Cannavò”


g) 02/03/1957. Annuncio apertura al pubblico.

“[Carta intestata della Biblioteca]li 2/3/1957

Si è lieti di comunicare alla cittadinanza che la Biblioteca “Villadicanense” finalmente per la prima volta dalla sua fondazione è ufficialmente aperta al pubblico.
A seguito di un lungo lavoro di sistemazione di migliaia di libri, mercè l’incoraggiamento della Soprintendenza Bibliografica della Sicilia Orientale e nochè mercè la benevola comprensione della Amministrazione Comunale, si offre a tutti i cittadini la possibilità di attingere ad un patrimonio di cultura qual’è la “Villadicanense”.
Negli stessi locali funziona la Biblioteca circolante, organizzata e promossa dall’Assessorato della Pubblica Istruzione.
La Biblioteca circolante contiene libri di lettura amena, di divulgazione scientifica e tecnica, di storia, di artigianato ecc. per l’elevazione culturale del popolo.
La Biblioteca circolante è aperta a tutti i cittadini, i quali possono chiedere in prestito gratuito i libri che desiderano leggere.
La Biblioteca resta aperta dalle ore 10 alle ore 12 dei seguenti giorni della settimana:
LUNEDI’       –                    GIOVEDI’         –      SABATO      –     DOMENICA –

La Direzione [Timbro tondo della Biblioteca]”

[Altro annuncio con la data del 3/3/1957]


h) 15/03/1957. Contributo Comune.

“[Carta intestata del Comune]li 15/3/1957

Risposta a nota N. …. Div. …. del 28/2/1957

Al Sac. Gaetano Cannavò
Biblioteca Villadicanense
CASTIGLIONE DI SICILIA

Con riferimento al foglio inviatomi dalla S. V. prendo atto di quanto in esso comunicato, significando che il contributo stabilito in bilancio da questo Comune a favore della Biblioteca Villadicanense è di £. 24.000 annue.

IL SINDACO[sigla]”


i) 13/11/1957Contributi straordinari per rilegatura libri.

“13/XI/1957

Richiesta contributo straordinario per rilegatura libri.

Illustr.mo Signore

La Biblioteca “Villadicanense” sebbene di proprietà della Chiesa Parrocchiale di Castiglione di Sicilia, esercita la funzione di Biblioteca “Comunale”. Tale caratteristica è risultata dall’accordo stabilito tra la passata Amministrazione Comunale e l’Arc. D. Salvatore Savoca. Col quale la Parrocchia si impegnava a mettere a disposizione del pubblico Castiglionese la “Villadicanense”, mentre il Comune doveva elargire un assegno annuo a favore di essa e dei contributi saltuari per la rilegatura dei libri. Dall’Archivio Comunale dovrebbero risultare tali accordi. La Parrocchia ha mantenuto gli impegni tenendo aperta la Biblioteca quattro giorni la settimana.
Il Comune ha elargito solo un tenue assegno annuo di L. 24.000.
Con la presente volevo pregarLa di provvedere ad erogare un contributo per rilegatura di libri.
La “Villadicanense” possiede un vasto, pregevole e raro patrimonio librario che riguarda la storia, l’arte, la letteratura ecc. di Sicilia e della nostra cittadina (Es. “Memorie sulle origini storiche di Castiglione” di Lamonica).
Purtroppo esso non si mantiene in ottimo stato di conservazione. E’ necessario che la maggior parte dei libri vengano rilegati.
Mi permetto chiedere a codesta spett.le Amministrazione Comunale di provvedere ad un primo cospiquo contributo per provvedere a tale opera.
Nella fiducia che la S. V. sempre premuroso nel valorizzare quanto di bello vi è in Castiglione, voglia accogliere questa legittima richiesta, La saluto distintamente.

Il Direttore”

[La lettera manca di destinatario (il sindaco). Non è firmata. Dovrebbe essere del Direttore: Sac. Gaetano Cannavò.]


l) 29/08/1960. Cambio direttore della Biblioteca.

“29 agosto 1960
Illustrissimo Signor
Dottor Andrea Cavadi
Soprintendente Bibliografico per la
Sicilia Orientale
CATANIA

la presente per comunicarLe che in seguito alla mia nomina a parroco in S. Venera di Mascali ho lasciato la direzione della Biblioteca Villadicanense.
Le comunico altresì che detta è stata assunta dal Sac. Egidio Galati residente in Castiglione di Sicilia in Via IV Novembre.
Gradisca distinti ossequi.

Sac. Gaetano Cannavò”


m) 01/09/1960. Nuova Direttore.

“I settembre 1960
Illustrissimo Signor
Prof. ANDREA CAVADI
Soprintendente Bibliografico per la
Sicilia orientale
CATANIA

sento il dovere di comunicarle che in seguito alla nomina a parroco del Sac. Gaetano Cannavò ed alla sua partenza da Castiglione ho assunto la direzione della Biblioteca Villadicanense.
Mentre l’assicuro della mia modesta collaborazione La prego gradire cordiali saluti.”


n) 21/10/1960. Sollecito ritiro libri rilegati. Sono 32 volumi.
LIBRI RITIRATI  ALLA SOPRINTENDENZA DA P. GALATI nel 1960 (25 novembre). 32
Volumi. Elenco di libri da non rilegare.

a) Lettera Sovrintendente:

[Carta intestata Soprintendenza] Catania 21 Ottobre 1960
AL DIRETTORE DELLA BIBLIOTECA
VILLADICANENSE
CASTIGLIONE DI SICILIA

Oggetto: ritiro libri

La S. V. è pregata di provvedere a ritirare i volumi già rilegati, appartenenti a codesta Biblioteca.

IL SOPRINTENDENTE BIBLIOGRAFICO
(Dott. Andrea Cavadi) [Firma autografa]”

b) Lettera p. Galati:

“3/11/1960

Ritiro Libri

Illustrissimo Professore
ANDREA CAVADI
Soprintendente Bibliografico
Catania

In esito alla lettera inviatami dalla S. V. Ill.ma in data 21 ottobre 1960 Prot. II/604 oggetto: Ritiro libri la prego volermi significare se mi è possibile ritirarli di pomeriggio; ed in caso affermativo fissarmi il giorno. Pertanto resterei in attesa di un gradito riscontro da parte della S. V.

Il Direttore”

c) Risposta Soprintendente.

“[Carta intestata]Catania, 5 Novembre 1960
AL DIRETTORE DELLA BIBLIOTECA
VILLADICANENSE
CASTIGLIONE DI SICILIA
Via S. Pietro

Oggetto: ritiro libri.

In riferimento alla Sua del 3 c. m. Le comunico che può ritirare i libri giacenti presso questa Soprintendenza, ogni giorno dalle ore 9 alle ore 13 o il mercoledì dalle ore 16,30 alle ore 18,30.

IL SOPRINTENDENTE BIBLIOGRAFICO
(Dott. Andrea Cavadi) [Sigla]”

d) Elenco libri da non rilegare.

“BIBLIOTECA VILLADICANENSE
Via S. Pietro-Castiglioni Sicilia

Elenco di libri da non rilegare

1) Lopes Lodovico – Dell’Istruttorio della Coscienza. Venezia 1590.
2) Paulus Aemilius Gallus – Tractatus de exceptionibus. Coloniae 1619.
3) Therentius Afrus – COMMEDIAE- VENETIIS 1576
4) Campana Cesare- Historiae del Mondo, venetia 1597
5) Boenus Ioannis-Mores, Leges et Ritus omnium gentium. Lugduni 1541.
6) Iustinianus-Institutiones iuris Civilis. Venetiis 1625.
7) Lancellotti-L’HOGGIDI overo il mondo non peggiore Vol. 2 Venetia 1636-1680
8) Plinius-Historia mundi. Lugduni 1562.
9) Aristotelis Stagirita-Politica ab Iacobo Lodovico Strebeo à Graeco conversa. Pariis apud Ioannem Roignj
1549.
[Ms]10) Trattato della natura dei cibi e del bere
25-11-1960 [ms]”

“BIBLIOTECA VILLADICANENSE
Via S. Pietro-Castiglione Sicilia
____________________________
ELENCO DI LIBRI DA RILEGARE

1) M. Val. Martialis-EPIGRAMMA-Venetiis, apud Hieronimum Scotum 1549.
2) [cancellato ‘Aristotelis…Politica… / Ms:] Sacra Bibbia 156 – LUGDUNI
3) ORATIO-Opere commentate da Giovanni Fabrini in lingua volgare Toscana.
in Venetia 1669.
4) Boccalini Traiano- Ragguagli di Parnaso. Venetia 1669.
5) Franciscus Priscianensis-Dictionarium Ciceronianum. Venetiis 1598.
6) Claudinus Nicolus- Institutiones absolutissimae in Graecam Linguam Lugduni 1553.
8) Cartari Vincenzo-Le immagini de i Dei degli antichi.
9) Guicciardini-Francesco-Dell’Historia.
10) M. T. Cicero-Orationum Venetiis 1597.
11) Paparella Sebast.-De catarrho-Papiae 1562.
12) Seneca-Tragoediae -Venetiis 1574.
13) Brachelius Adolphus Historiae nostri temporis. Amstelodami 1655.
14) Marcus P. Leo- De auctoritate et usu Palli Pontificis. Romae 1649.
15) Augustinus Aurelius. OPERA- vol.      Venetiis 1584.
17) POSTILLAE MAJORES totius anni. Venetiis in officina divi Bernardi 1536.

[mss] 32 Voll           25-11-1960

e) Ricevuta libri rilegati.

“25 XI / 1960

Libri Rilegati

Il sottoscritto Sac. Egidio Galati, dichiara di aver ricevuto debitamente rilegati a cura della Soprintendenza bibliografica per la Sicilia Orientale con sede a Catania N. 32 Volumi appartenenti alla Biblioteca Villadicanense di Castiglione di Sicilia, specificati nell’elenco dallo stesso firmato in data 25 / XI / 1960.”


o) 25/11/1960. Ritiro libri.

“25 XI / 1960

Libri Rilegati
Il sottoscritto Sac. Egidio Galati, dichiara di aver ricevuto debitamente rilegati a cura della Soprintendenza bibliografica per la Sicilia Orientale con sede a Catania N. 32 Volumi appartenenti alla Biblioteca Villadicanense di Castiglione di Sicilia, specificati nell’elenco dallo stesso firmato in data 25 / XI / 1960.”

 


p) 14/09/1963. Bibliobus. Lettera della Soprintendenza di Catania.

“Catania 14.9.1963
Al Signor
Biblioteca Villadicanense
CASTIGLIONE DI SICILIA

Prot. N. 813
OGGETTO: Servizio biblioteca
circolante (Bibliobus)

Si avverte la S. V. che in data … dal 30 al 31 ottobre 1963 … il Bibliobus passerà da codesta sede per cambiare la cassetta dei libri della biblioteca circolante.
Si prega pertanto di volere provvedere al ritiro dei libri, dati in prestito, consegnandoli all’addetto al Bibliobus, per la data sopra indicata.
Distinti ossequi.

p IL SOPRINTENDENTE BIBLIOGRAFICO
(dott. Andrea Cavadi)[Firma autografa: Vittorio Pennocchi (?)]

  • Regolamento Bibliobus. [Volantino]

“ASSESSORATO REGIONALE DELLA P.I.
______________
SOPRINTENDENZA BIBLIOGRAFICA PER LA SICILIA ORIENTALE
CATANIA
BIBLIOTECA CIRCOLANTE
______________
REGOLAMENTO
per il prestito dei libri a domicilio

Art. 1. – E’ ammesso al prestito dei libri del «bibliobus», per non più di due Opere alla volta, qualsiasi cittadino ne faccia richiesta.
Art. 2. – Il prestito è completamente gratuito, la durata di esso è stabilita dall’addetto al Bibliobus.
Art. 3. – Chi riceve un libro in prestito è impegnato a non danneggiarlo e restituirlo nel tempo debito indicato.
Art. 4. – Chiunque danneggi, guasti o comunque deteriori il libro avuto in prestito, è tenuto a sostituirlo con altro esemplare integro della stessa edizione o a pagarne il corrispondente valore.
Art. 5. – Chi non restituisce il libro avuto in prestito nel tempo debito indicato, verrà escluso dal prestito e invitato a versare alla Soprintendenza Bibliografica competente una somma corrispondente al doppio del valore venale del libro. Chi non ottempera a detto invito verrà citato dalla Soprintendenza Bibliografica dinanzi all’Autorità Giudiziaria per il risarcimento dei danni.

IL SOPRINTENDENTE BIBLIOGRAFICO
per La Sicilia Orientale

LA CELERE DI CATANIA”



q) 14/07/1964. Dati per l’Annuario delle Biblioteche Italiane.
“Biblitoteca Villadicanense
via S. Pietro – Castiglione di Sicilia

14/ 7 / 1964
Spett.le Direzione Generale delle Accademie
e Biblioteche e per la diffusione d. Cultura
ROMA

In riferimento alla nota N° 4177 / W Div. Vª ./. di Prot. di Codesta Direzione si restituisce l’unita “voce” così rettificata:
Castiglione di Sicilia (Catania)
Biblioteca Villadicanense (Via S. Pietro)
(8000 voll. ed opusc. sciolti, 6 incun. alcuni voll. mss.)
Fu fondata nel 1840 dall’Arciprete Antonino Calì Sardo per il Clero e le persone colte della città, ed ha carattere di cultura generale. Restò chiusa per molto tempo al pubblico e senza incremento. Tuttavia dal 1 febbraio 1954, sotto la direzione del Sac. Salvatore Savoca Arciprete Parroco aiutato dal Sac. Gaetano Cannavò, ha ripreso il pubblico servizio ed è aperta il martedì, il giovedì ed il venerdì dalle ore 8 alle 12 per gratuita concessione delle autorità ecclesiastiche, d’accordo con il Comune. In questi ultimi anni il patrimonio bibliografico è stato accresciuto con opere di cultura generale di recente edizione.
Le edizioni del cinquecento sono 40. I pochi mss. riguardano la storia locale.
Direttore: Sac. Salvatore Savoca.”

[Come fondatore viene erroneamente messo ‘Arciprete Antonino Calì Sardo’ invece che ‘Gian Battista’. Così verrà poi pubblicato, senza ulteriore rettifica.]


r) 03/08/1965. Comune. Richiesta contributi.

“[Carta intestata della Biblioteca] li 3.8.1965
ALL’ILL.mo Signor Sindaco
COMUNE DI CASTIGLIONE DI SICILIA
__________________________________

Si informa la S. V. Ill.ma che la biblioteca Villadicanense rimane aperta al pubblico nei giorni di giovedì e domenica dalle ore 10 alle ore 12.
Necessitando urgenti lavori di restauro per il regolare funzionamento di questa Biblioteca, si prega la S. V. Ill.ma di voler concedere il contributo che codesta spettabile Amministrazione suole dare.

Distinti ossequi
IL DIRETTORE”


s) 01/03/2002. All’Assessorato regionale dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione – Gruppo X/B.C. Richiesta contributo.

“OGGETTO: Richiesta contributo per la Biblioteca “Villadicanense” di Castiglione di Sicilia a carico dei capitoli 38053 e 38061; esercizio finanziario a. 2002

All’Assessorato regionale dei beni culturali ed ambientali e della pubblica istruzione – Gruppo X/B.C.
per il tramite
della Sezione beni bibliografici della Soprintendenza dei beni culturali ed ambientali di Via L. Sturzo n. 62 – 95100 CATANIA

Il sottoscritto Cannavò Sac. Gaetano – Parroco, nella qualità di legale rappresentante della Parrocchia “Santi Pietro e Paolo” con sede in Castiglione di Sicilia, Via IV Novembre n. 12,  c.a.p. 95012, codice fiscale e partita IVA 83000170874, chiede, ai sensi della circolare n. 12 dell’08/11/1999 la concessione di contributo per la dipendente biblioteca, a carico dei capitoli sopra citati del bilancio della Regione siciliana per l’esercizio finanziario 2002 da impiegare secondo il progetto allegato alla presente istanza.
A tal fine,

dichiara

che la biblioteca “Villadicanense” con sede in Castiglione di Sicilia, via S. Pietro n. 13, c.a.p. 95012, tel./fax 0942-984058 è in possesso dei requisiti di ammissibilità previsti dalla circolare sopra citata, ovvero:
– la biblioteca svolge servizio al pubblico, come da statuto-regolamento adottato in data … , per n. 20 ore settimanali di cui n. 4 pomeridiane;
– il personale di biblioteca è composto da n. 2 unità;
– il responsabile del servizio è il sig. Sac. Treffiletti Salvatore, qualifica di Bibliotecario, nominato con provvedimento adottato dalla Parrocchia in data 21/09/1988;
– la biblioteca possiede un patrimonio complessivo la cui consistenza alla data del 31 dicembre è di n. 14.200 documenti, di cui: inventariati n. 14.000; catalogati n. 0 ;
– dispone di locali per complessivi mq. 170 adibiti a servizio pubblico;
– ha rendicontato i contributi concessi a carico dei capitoli 38053 e 38061 fino all’esercizio finanziario 2000 compreso come da documentazione già inoltrata con note n.

Dichiara altresì

– di essere a piena conoscenza delle disposizioni contenute nella circolare assessoriale n. 12 del 08/11/1999 cui la presente istanza si riferisce; di impegnarsi a svolgere la spesa secondo le modalità prescritte nella medesima, ed in conformità a successiva comunicazione assessoriale di avvenuta concessione;
– di avere speso complessivamente nell’anno finanziario precedente L. 3.200.000 di cui:
a) per l’accrescimento, la conservazione del patrimonio bibliografico e la gestione del servizio lettura L. 3.200.000;
b) per spese di funzionamento (canone locativo, spese per il personale) L. 0;
– che la presente costituisce l’unica istanza presentata all’Amministrazione regionale, o ad altri enti pubblici per l’attuazione del progetto di cui in premessa;
– che l’ente proprietario della Biblioteca non persegue fini di lucro.
Alla data del 31 dicembre 2001 la Biblioteca ha:
– registrato n. 350 utenti;
– dato in prestito n. 0 pubblicazioni;
– ha incrementato il proprio patrimonio di n. 520 unità.
Importo che l’ente proprietario intende assumere a proprio carico:
– per l’accrescimento, la conservazione del patrimonio bibliografico e la gestione del servizio di pubblica lettura L. 2.800.000.
Forma di pagamento prescelta:
– conto corrente postale n. 10446953 intestato a Chiesa Parr.le “Santi Pietro e Paolo”.
Si allega pertanto la documentazione di cui al punto 4 della circolare n. 12 dell’08/11/1999.
La documentazione relativa alle lettere d; e, del suddetto punto 4 trovasi già agli atti di codesta Amministrazione.
Per quanto sopra, consapevole della responsabilità cui può andare incontro in caso di dichiarazione mendace.
Castiglione di Sicilia, 01/03/2002

Il legale rappresentante
(Mons. Gaetano Cannavò, Arciprete Parroco)


t) 09/01/2003. Beni Bibliografici e Archivistici. Catania. Dati della Biblioteca.

All’Illustrissimo Signore
DIRIGENTE DEL SERVIZIO PER I BENI
BIBLIOGRAFICI E ARCHIVISTICI
CATANIA

Facendo seguito alla vostra nota del 18/11/2002 prot. N. 2174 con oggetto: POR Sicilia 2000-2006 Asse 2 Misura 2.1.1 Azione D. Progetto catalografico SBR-SBP (banca dati bibliografici provinciali). – Richiesta notizie.
Il sottoscritto, nella qualità di responsabile della Biblioteca “Villadicaniense” di Castiglione di Sicilia, comunica l’attuale situazione della Biblioteca “Villadicaniense”:
1. In ordine alle condizione di sicurezza è la seguente:
– antifurto: assente;
– antincendio: assente;
– impianto elettrico: è a norma da cinque anni;
– certificato antincendio: assente;
– statica edificio: non rilasciato dal Comune.
Le apparecchiature di cui sopra, installate, non corrono rischi alla loro perfetta custodia.
2. Esistono spazi idonei per la loro installazione.
3. E’ presente e disponibile presso la detta Biblioteca personale addestrato.
4. Quantità annuale di documenti che si prevede di catalogare: circa 1200.
5. Attuale informatizzazione: esiste, dal 1997, un catalogo informatizzato disposto in ordine cronologico.
6. Consistenza del patrimonio posseduto:
a) moderno: 3. 400
b) antico: 7. 110
7. Inventariazione: presente; collocazione, schedatura: in via di definizione.
8. Ore di apertura settimanale al pubblico: martedì, mercoledì, giovedì, venerdì, dalle ore 15,30 alle 18,30.
9. Quantità annuale di utenza: ca. 400.
10. Responsabili del servizio: 1.

Castiglione di Sicilia, 09/01/2003

Il Direttore della Biblioteca
Mons. Gaetano Cannavò
Arciprete Parroco


u) s. d. (fine anni 50 / inizio 60). Articolo (?) sulla Biblioteca a firma di Luigi Tripodi.

Sconosciuta, ma importante la Biblioteca “Villadicanense”
di Castiglione di Sicilia.

Castiglione di Sicilia è una cittadina piena di bellezze e di sole, che posta a cavaliere della valle d’Alcantara, domina incontrastata il panorama dalle falde dell’Etna alle assolate rive di Giardini. Questa città ricca di storia e di leggende, per quanto a molti non sia ancora noto, possiede una delle importanti Biblioteche della Sicilia Orientale.
La “Villadicanense” di cui ha la proprietà la Chiesa Parrocchiale dei SS. Apost. Pietro e Paolo, fu fondata nel 1850 dall’Arciprete Calì ed intitolata al Cardinale Francesco de Paola Villadicani, Arcivescovo di Messina.
Il fondatore avviando tale centro di cultura si prefisse lo scopo, come si legge nella lettera di dedica e intitolazione della pubblica utilità e di agio agli ecclesiastici: “utilitati publicae commodoque perpetuo ecclesiasticorum consulens…”. E perché questa utilità fosse assicurata per un lungo tempo affidò la Biblioteca al dominio e alla custodia della Chiesa Parrocchiale “perennitati suae provvidere anhelans eam dominio tutelaeque Matris Ecclesiae tradendam censueris”.
La sede primitiva di questa Biblioteca fu nei locali dell’attuale canonica dove allora i volumi furono molto ben conservati e diligentemente curati in appositi scaffali. Questa fu la sede della “Villadicanense” fino al 1931. Infatti in quell’anno dovendosi costruire la Canonica, furono scelti i locali della Biblioteca perché più vicini alla matrice Chiesa, e le spese per la costruzione della Canonica furono devolute per una nuova sede della “Villadicanense”.
Essa fu costruita nei locali attuali le cui spese furono fatte dalla S. Sede. Nel 1850 la “Villadicanense” iniziò la sua vita e fino al 1874 i suoi volumi, grazie alla diligente ed oculata cura del suo fondatore crescevano di numero e di importanza destando subito l’attenzione e l’interesse di persone… [manca un rigo]….. di coloro che si succedettero nella custodia di essa ben presto fecero cadere nell’abbandono e nell’oblio sì vasto e prezioso materiale librario.
Oggi la “Villadicanense” aggiornata e ricca di ben oltre 10.000 volumi è veramente una fonte di importantissime notizie e documenti storici, letterari, filosofici, medici, ecc.
Essa dopo la definitiva sistemazione nei locali di via S. Pietro ha cominciato la sua rinascita, e proprio in questi ultimissimi tempi è stata ufficialmente aperta al pubblico dato che finora era stata riservata a pochi.
I volumi che tanta fama hanno dato a questa Biblioteca nel passato, abbracciano tutta la chioma dello scibile. Rarissimi per antichità e per importanza essi vanno dagli antichissimi manoscritti della storia patria agli incunaboli e alle recentissime edizioni. Fra i quali si fanno luce libri di storia e letteratura Siciliana.
Il lavoro di riassestamento e di aggiornamento di questa Biblioteca, veramente poderoso e diligente ha richiesto fatiche e sacrifici, ma finalemente ha ridato alla “Villadicanense” il posto degno di lei.
E’ quindi un dovere per noi ringraziare quanti hanno appoggiato quest’opera e l’Arciprete Savoca che col suo contributo morale e finanziario ha dimostrato il suo mecenatismo per il sapere, mentre ci rincresce non poter dire altrettanto della Regione Siciliana che elargisce un contributo veramente irrisorio per l’aggiornamento della “Villadicanense”.

Luigi Tripodi”


Dati

  • ENTE NAZIONALE PER LE BIBLIOTECHE POPOLARI E SCOLASTICHEGuida delle Biblioteche Italiane, ROMA 1969, p. 112:
    “CASTIGLIONE (95012) – Biblioteca Villadicanense, v. S. Pietro, tel. 81.209 – Parrocchia dei SS. Apostoli Pietro e Paolo – Gen.; voll. 8054; mss; doc. – Pubbl.; ap., saltuaria; L – Cat. aut. – BLB   – Istituita nel 1840 – Dir.: sac. Salvatore Savoca.  4484)”

  • MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, (Pubblicazione a cura dell’Ufficio Studi), Annuario delle Biblioteche Italiane, p. I, (A – M), ROMA, DIREZIONE GENERALE ACCADEMIE E BIBLIOTECHE, 1956 (2 ed.), p. 144:
    “CASTIGLIONE DI SICILIA (Catania)
    BIBLIOTECA VILLADICANENSE (Via S. Pietro)
    (8.000 voll. ed opusc. sciolti, 6 incun., alcuni voll. mss.)
    Fu fondata nel 1840 dall’arciprete Antonino Calì Sardo per il clero e le persone colte della città, ed ha carattere di cultura generale.
    Restò per molto tempo chiusa al pubblico e senza incremento. Tuttavia dal 1° febbraio 1954 ha   ripreso    il pubblico servizio ed è aperta il martedì, il giovedì e il venerdì di ogni settimana dalle 8 alle 12 per gratuita concessione delle autorità ecclesiastiche, d’accordo con il Comune.
    Le edizioni del cinquecento sono 40. I pochi mss. riguardano la storia locale.
    Direttore: sac. Salvatore Savoca.”

Catalogo di fondazione (1840)
GIAN-BATTISTA CALI’Catalogo della Biblioteca Villadicanense nella Chiesa Madre di Castiglione, ACI-REALE, GIUSEPPE DONZUSO,
1852, pp. 110 (controllare!).

Numero di volumi:
A (pp. 5-10):  Tot. 183
B (pp. 11-20): Tot. 366
C (pp. 21-31): Tot. 304
D (pp. 32-35): Tot. 132
E (pp. 36-37):  Tot. 51
F (pp. 38-41):  Tot. 93
G (pp. 42-47): Tot. 252
H (pp. 48-50): Tot. 59
I (pp. 51-53):  Tot. 32
K (p. 54): Tot. 3
L (pp. 55-58): Tot. 118
M (pp. 59-66): Tot. 240
N (pp. 67-68):  Tot. 31
O (pp. 69-70): Tot. 34
P (pp. 71-78): Tot. 242
Q (p. 79): Tot. 3
R (pp. 80-84): Tot. 82
S (pp. 85-94): Tot. 309
T (pp. 95-100): Tot. 167
V (pp- 101-107): Tot. 122
X (p. 108): Tot. 3
Y (p. 109): Tot. 3
Z (p. 110): Tot. 7

Totale: 2.836 volumi

Alcuni di questi volumi attualmente (1994) sono sicuramente mancanti. In particolare:
a) p. 49:
a1) HOMODEIS ANTONIO FILOTEO, Sicilia ristorata ed illustrata, ms – in fo. (voll. 4);
a2) HOMODEIS GIULIO FILOTEO, Storia di D. Angelina Lauria, (in 8) (vol. 1);
b) p. 64:
b1) LAMONACA EMMANUELE, Città antiche di Sicilia, Catania, Pietro Giuntini, 1846
b2) IDEM, Memoria sulla origine di Castiglione e Francavilla, preceduta da un confronto relativo delle due epoche Bizantina e Saracenica, Acireale, Giuseppe Donzuso, 1849.
Cfr. anche alcuni incunaboli


Schema inventario

I
Manoscritti
a) datati …
b) s. d.

II
Libri
a) 1400
b) 1500
c) 1600
d) 1700
e) 1800
f) 1900
g) s.d. [indicazioni bibliografiche assenti (in parte reperibili da elementi interni), incomplete, comunque senza data]
h) Miscellanee

III
Riviste – Pubblicazioni periodiche

IV
Cataloghi

Scheda
AUTORE
TITOLO (completo)
LUOGO DI EDIZIONE O DI STAMPA
EDITORE O TIPOGRAFO
ANNO DI PUBBLICAZIONE (in apice numero di edizione o di ristampa)
PAGINE (comprese tavole f.t., cartine…)
PREZZO
COLLANA
CLASSIFICAZIONE DECIMALE
COLLOCAZIONE

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.