1999 DICEMBRE

1. Mercoledì. Pioggia ancora nella mattinata e nel primo pomeriggio. Dalle 15,00 alle 19,00 consigli di classe al magistrale.

2. Giovedì. Variabile; non piove; ritorna il sole, dopo cinque giorni! Grandi pulizie nella chiesa S. Pietro. Dalle 14,00 alle 18,30 consigli di classe alla scuola media; dalle 15,00 alle 19,00 consigli di classe (III A, IV A e B) al Magistrale. Alle 15,30 funerale nella chiesa del Carmine del signor Rosario Frisina, di anni 49 (cancro ai polmoni). Novena dell’Immacolata in Basilica.

3. Venerdì. Variabile; coperto nel pomeriggio; non piove. In mattinata l’arciprete Cannavò visite le scuole per portare gli inviti per domenica prossima. Nel pomeriggio, ma si pensa anche nella mattinata, pulizie e preparativi nella chiesa S. Pietro. Incontro del ‘comitato’. Sono stati affissi manifesti murali per la funzione di domenica. Pare che il sac. Treffiletti sia completamente latitante! Strano… Tutto già pronto nella chiesa S. Pietro: sedie in prima fila per gli ‘invitati’, con l’invito per i parrocchiani di non occuparle. Oltre mons. Gristina, ci sarà anche mons. Ignazio Cannavò, arcivescovo emerito di Messina. Viene chiesto dall’arciprete Cannavò al sac. Treffiletti di suonare con l’organo almeno all’inizio della messa, mentre si entra processionalmente in chiesa (‘Rallegrati Gerusalemme’). – L’organo è stonato … Bisognerebbe provarlo … La messa vespertina è celebrata all’altare del Sacro Cuore nella chiesa S. Pietro, mentre le altre sere è stata in Basilica. Al termine l’arciprete avvisa che domani mattina non ci sarà messa ( – Hai sentito, padre Salvatore?); alle 15,00 ci sarà un funerale al Carmine (il signor Lomonaco Giuseppe); la messa vespertina, in Basilica, sarà celebrata dal sac. Treffiletti perché lui deve andare a Gravà per la festa di s. Barbara (e per la sua festa).

4. Sabato. Variabile; tramontana. Alle 11,30, nella chiesa del Carmine, funerale della signorina Rosaria Bonarrigo, di anni 79 (arciprete Cannavò). Alle 15,00, sempre al Carmine, funerale del signor Giuseppe Lomonaco, di anni 77 (sac. Treffiletti). In mattinata e in serata l’arciprete si reca a Gravà per la festa di S. Barbara; celebra la messa vespertina. Preparativi nella chiesa S. Pietro per la cerimonia di domani. – , insieme alla moglie e alla figlioletta, sistemano sull’altare e all’ambone le icone. Molto belle, vivaci, fatte con gusto. Danno vivacità all’altare, altrimenti molto statico. I due blocchi di marmo bianco acquistano vita. – C, è come se avessi messo gli occhi all’altare. Questa volta ha fatto veramente un buon lavoro. E’ più sereno, trattabile. Ha molto migliorato la sua tecnica. Si crede sia con quest’opera una buona base di lancio per altri lavori. Aver conosciuto la ditta Alberghina che lavora proprio in questo settore potrebbe essere per lui un buon inserimento in questo mondo. Lo si spera. Lo merita, dopo tanto ‘peregrinare’ e tante sofferenze. La presenza della moglie e ora della figlia contribuisce al suo equilibrio e alla sua creatività.

5. Domenica. Variabile; coperto; non piove. Alle 11,00, nella chiesa S. Pietro funzione della dedicazione del nuovo altare di marmo nella ricorrenza del cinquantesimo di ordinazione sacerdotale dell’arciprete Cannavò. Sono presenti: il vescovo diocesano mons. Salvatore Gristina, mons. Gaetano Alibrandi, mons. Ignazio Cannavò, arcivescovo emerito di Messina, mons. Mancini, vicario foraneo, il segretario del vescovo don Guglielmo Giombanco, don Enzo di Mura (in confessionale), la ditta Alberghina di Caltagirone (il titolare, l’architetto, altri componenti), i parenti dell’arciprete, il sindaco Concetto Bellia, il vice sindaco Carmelo Damico, l’assessore Pippo Raiti …, diversi invitati, disposti sulle sedie preparate davanti ai banchi della chiesa. Animano la liturgia un gruppo di giovani di Adrano (?). All’inizio, mentre i vescovi fanno il loro ingresso in chiesa dalla porta grande per andare verso la sacrestia a vestirsi, si canta ‘Rallegrati Gerusalemme’, suonata all’organo classico dal sac. Treffiletti e guidata dalla signora Clori Valastro. La stessa signora, prima della comunione, si sente male. Interviene il dott. Di Pasqua. La funzione termina alle 13,10. Pranzo al ‘Belvedere’ per i parenti dell’arciprete, i vescovi, i sacerdoti (padre Raciti di Linguaglossa, padre Di Mauro, don Alfio Grasso, don Enzo di Mura, don Guglielmo Giombanco, don Salvatore Treffiletti), alcuni invitati (il signor Benedetto Zumbo, la famiglia Ferrara, Carlos D’Agostino e famiglia, la ditta Alberghina). Non ci sono altre messe nella giornata, tranne e Gravà, Mitogio, Verzella (pomeriggio).

6. Lunedì. Variabile; tramontana. Novena dell’Immacolata in Basilica.

7. Martedì. Bella giornata; tramontana. Nel pomeriggio riunione dell’Azione Cattolica nella sacrestia della Basilica. La riunione del Movimento della speranza non si fa. E’ assente anche il sac. Treffiletti.

8. Mercoledì. Bella giornata; tramontana. La messa delle 11,30, in Basilica, è celebrata dall’arciprete; mons. Alibrandi non sta tanto bene. Notizie sulla tentata rapina all’ufficio postale di Bronte. Pare siano stati arrestati due giovani di Castiglione … Grande stupore su quest’ultimo. Possibile? Era ritenuto un bravo ragazzo, anche se in questi ultimi tempi qualcosa era cambiato. Ne avrebbe parlato il giornale di oggi. Da Internet. Notizie dell’agenzia Ansa: “Assalto alle poste, 4 arresti; Fallito tentativo nel Catanese. Catania – I carabinieri della compagnia di Randazzo hanno arrestato i quattro banditi che ieri mattina, armati di mitraglietta e pistole, hanno tentato di rapinare l’ufficio postale di Bronte a 35 Km da Catania. I banditi hanno sparato contro i vetri blindati, che hanno poi colpito con una mazza di ferro, senza però riuscire a sfondarli. Durante la sparatoria, ferito in maniera non grave al volto, da una scheggia di vetro, il direttore dell’ufficio. (ANSA)”. La notizia è battuta alle 09:29 del 07/12/1999. Dunque la rapina sarebbe stata il lunedì sei dicembre. Solo ieri sera si era sparsa la voce a Castiglione di una partecipazione di due ragazzi castiglionesi.

9. Giovedì. Variabile; tramontana. Nel pomeriggio l’arciprete accompagna i ministri straordinari a Giarre; ritorna per la messa vespertina; li prenderà per il ritorno don Enzo Di Mura. Assente il sac. Treffiletti; dice di essere impegnato a scuola, al magistrale, per l’incontro con i genitori dalle 16,30 alle 18,30.

10. Venerdì. Variabile; levante; pioggia nel pomeriggio. Sarebbe dovuto cominciare il triduo in onore di S. Lucia nella chiesa S. Maria. Pare che i signori Mannino che ogni anno si sono interessati per l’organizzazione, quest’anno non se la sentano dopo la morte del fratello. Messa vespertina nella chiesa S. Pietro.

11. Sabato. Variabile; tramontana; pioggia nella tarda serata. Qualcuno (era ora!) finisce di raccogliere le olive.

12. Domenica. Variabile; tramontana. La messa delle 11,30 è celebrata da mons. Alibrandi. Non sembra molto soddisfatto l’arciprete nei confronti del sac. Treffiletti. Lamenta la sua assenza, il suo starsene lontano come se non lo riguardasse quello che succede in Parrocchia. Lo invita a interessarsi dei canti per la notte di Natale che stanno preparando i giovani del Cenacolo. – Se non si canta, io non dico messa … – Alle 18,30 nel salone del Carmine prove di canto per Natale. Sono presenti i giovani del ‘Cenacolo’, la signora Clori. Vani i tentativi di usare il nuovo strumento che ha comprato per la parrocchia la famiglia Schilirò-Nicotra. Il sac. Treffiletti non ci capisce nulla!

13. Lunedì. Variabile; tramontana. Messe nella chiesa S. Maria per la festa di S. Lucia: 08,00 (sac. Treffiletti); 11,00 (mons. Alibrandi?); 16,45 (arciprete). Nel pomeriggio collegio dei docenti al liceo ‘Amari’ di Giarre.

14. Martedì. Variabile; tramontana. Riunione di clero al Seminario. Si festeggiano i giubilei sacerdotali: 60, 50, 25 anno di sacerdozio. Festeggiamenti ancora per l’arciprete Cannavò. Viaggia insieme al sac. Treffiletti. Alle 16,00, accompagnati dal sac. Treffiletti, i ministri straordinari dell’Eucarestia (Barbagallo Giuseppe, Franca Valastro, Angela Crò, Lina Ginardi di Gravà) si recano a Giarre, chiesa S. Isidoro, per la cerimonia di consegna delle tessere. Presiede il vescovo.

15. Mercoledì. Variabile; tramontana; vento; si abbassa la temperatura.

16. Giovedì. Variabile; tramontana. Nella mattinata tombola nel salone della scuola media. Inizia la novena di Natale: messa alle 16,30 nella chiesa S. Pietro (sac. Treffiletti) e alle 18,00 nella chiesa del Carmine (Arciprete). Poco entusiasmo; pochi fedeli. Su ‘La Sicilia’ esce notizia e foto della cerimonia di domenica 5 dicembre nella chiesa S. Pietro. La signora Conti aveva inviato un articolo completo; hanno pubblicato solo la notizia.

17. Venerdì. Più fedeli alla novena al Carmine; pochi a S. Pietro.

18. Sabato. Variabile; levante. Alle 19,00 prove di canto per Natale nella chiesa del Carmine con i ragazzi del ‘‘cenacolo’’. XXV di sacerdozio di padre Orazio Triolo. Alle 18,00 messa a Solicchiata presieduta da mons. Salvatore Gristina.

19. Domenica. Variabile; levante; pioggia a tratti violenta nella serata. La messa delle 11,30 nella chiesa S. Pietro è celebrata da mons. Alibrandi. – Eccellenza, la preghiera dei fedeli …Si gira, si volta, non comprende. – Eccellenza, la vada a prendere … Mons. Alibrandi fa per scendere dall’altare e andare verso qualche posto, non sa bene dove. – Eccellenza, in fondo al messale … Pochi fedeli, i soliti. La messa vespertina è nella Chiesa del Carmine alle 18,00, orario della novena. Alle 19,00, nella chiesa S. Pietro, prove di canto dei ragazzi del Cenacolo. Cerca di suonare il sac. Treffiletti. Mancano Francesca Schilirò, Rosamaria Patanè … E’ presente la signora Clori. Prima delle prove i giovani avevano ultimato il presepe e immaginato delle varianti rispetto a quello già preparato dall’arciprete.

20. Lunedì. Variabile; tramontana. Novena di Natale a S. Pietro e al Carmine.

21. Martedì. Variabile; tramontana: nevischio dal primo pomeriggio e per tutta la serata; si abbassa sensibilmente la temperatura. Pochi fedeli alla novena sia a S. Pietro che al Carmine. Dalle 19,00 alle 21,00 prove di canto per Natale nella chiesa S. Pietro; pochi ragazzi (del cenacolo).

don-diego-scaccia22. Mercoledì. Variabile; tramontana. Ultimo giorno di scuola; si ritornerà l’otto gennaio, sabato. Domani sera i ragazzi del magistrale insieme al liceo scientifico di Linguaglossa hanno organizzato la festa al Taitù di Giardini Naxos. Alle 17,00 matrimonio nella Basilica. Gli sposi provengono da Linguaglossa: MERCIA ROBERTO – RAITI PINUCCIA; presiede padre Diego Scaccia, parroco della parrocchia “Santi Antonio e Vito”. Lo sposo è originario di Castiglione. Dalle 17,00 alle 24,00 la luna sarà più luminosa del 30% ca. e più grande del 14 %. Il cielo a Castiglione è coperto! Dalle 19,00 alle 21,15 prove di canto nella chiesa S. Pietro; pochi ragazzi.

23. Giovedì. Variabile; tramontana; ancora freddo. Ultimo giorno della ‘novena’. Dalle 19,00 alle 22,15 prove di canto nella chiesa S. Pietro; pochi ragazzi.

24. Venerdì. Variabile; tramontana; sereno e stellato nella serata e in nottata. Messa vespertina nella chiesa S. Pietro. Alle 21,00 messa di Natale a Verzella. Al Gloria spari di mortaretti (sig. Laviano, alias ‘Fracasso’). Alle 23,30 inizio della veglia nella chiesa S. Pietro; presiede mons. Alibrandi, assistito dall’arciprete Cannavò. Chiesa piena. Non si assiste all’apertura della ‘Porta Santa’; si pensava in un primo tempo di mettere uno schermo in chiesa; non si fa in tempo. Cantano i ragazzi del ‘Cenacolo’ (con qualche presenza in più). Bravi. L’arciprete è contento. Sono presenti il sindaco Bellia, la moglie, il vice sindaco Damico, l’assessore Mimmo Raiti, altre autorità. La funzione termina alle 01,00 ca. Intorno alle 23,00 ancora girava la ‘banda’ per ‘cantare la novena’ davanti ai vari presepi montati dal Comune in diverse zone del paese. ‘Zuccate’ tradizionali nelle varie piazze e nelle frazioni.

25. Sabato. Natale; bella giornata; tramontana. Messe: ore 08,30 nella chiesa S. Pietro (arciprete); 09,15 a S. Vincenzo (sac. Treffiletti); ore 10,00 a Mitogio (arciprete); ore 10,00 al Carmine (sac. Treffiletti); ore 11,30 a S. Pietro (mons. Alibrandi); ore 17,00 a S. Pietro (arciprete); ore 17,00 a Verzella (sac. Treffiletti). Dicono che padre Rinuccio verrà lunedì. Quattro ragazzine della scuola media (Valentina Arcidiacono, Doriana Vecchio, le gemelle Miriam e … Scarpo) vestite da ‘babbo natale’ distribuiscono torroncini all’uscita della chiesa, in piazza. Nessuna manifestazione particolare. E’ aperta da qualche giorno, dal 19, una esposizione di biancheria nel salone S. Giuseppe (CAM, signora Valastro).

26. Domenica. Variabile. Alle 10,00, al Carmine, funerale della signorina Elisa Camuglia, di anni 72. Qualche tempo fa si era rotta il femore; era in ospedale a Messina. Al servizio della signora Nina Purello, vedova Di Carlo, e prima della signorina Concettina Purello. L’arciprete, all’omelia, ricorda la signorina Concettina Purello. La messa delle 11,30 è celebrata dall’arciprete; assente mons. Alibrandi. Pochi fedeli. L’arciprete decide di non dire più la prima messa delle 08,30. Questa mattina c’erano solo sette fedeli.

27.Lunedì. Variabile; tramontana, vento molto forte. Maltempo in Francia, Svizzera, Germania. Molti danni in Francia; vento fortissimo. Oggi dovrebbe essere arrivato padre Rinuccio. Non è presente alla messa vespertina.

28. Martedì. Variabile; tramontana; freddo. In mattinata l’arciprete incontra don Rinuccio; lo incarica di presiedere la messa vespertina nella chiesa S. Pietro perché lui celebrerà a Passopisciaro un cinquantesimo di matrimonio (la sorella di padre Nino Imbiscuso). La messa vespertina al Carmine è celebrata da don Rinuccio; ha sentito suonare la campana e gli sembrava naturale celebrare al Carmine; non c’è messa a S. Pietro: l’arciprete dovrebbe binare e così anche il sac. Treffiletti che ha già celebrato questa mattina (presente solo la signorina Nina Laviano). Don Rinuccio prende accordi telefonici con l’arciprete per il battesimo del figlio della nipote Raffaella; giorno cinque dovrebbe anche celebrare il matrimonio della figlia del signor Carmelo Lomonaco (Cristina). Sembrano profilarsi problemi, come al solito. Pare che l’arciprete non veda di buon occhio che ogni volta che don Rinuccio viene in vacanza debba amministrare sacramenti ad amici e parenti … Sembra che dopo la messa del Carmine ci sia stato uno scontro tra la signora Luppino e la signora Grazia, la sacrestana. La Luppino rimprovera alla signora Grazia di aver preso il calice e preparato per la messa. La signora si difende dicendo che è stato padre Rinuccio a dirglielo … L’arciprete decide di chiudere per qualche tempo dall’interno, in modo che nessuno possa entrare.

29. Mercoledì. Variabile; tramontana; freddo.

30. Giovedì. Variabile; tramontana; nevischio; si abbassa la temperatura.

31. Venerdì. Variabile; tramontana. Nel pomeriggio si parte dalla chiesa del Carmine alle ore 16,15 per andare in processione fino alla chiesa S. Pietro. Si dà così inizio ufficiale al Giubileo del 2000. Messa di ringraziamento; concelebra don Rinuccio. Al passaggio della mezzanotte brindisi in piazza S. Martino; fuochi d’artificio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.