1999 FEBBRAIO

castiglione-di-sicilia1. Lunedì. Neve. Tutto imbiancato fino a valle; circa quindici centimetri di neve. Nessun fedele alla messa delle 07,30 nella chiesa S. Pietro. Chiuse le scuole. La scuola comprensiva avrebbe dovuto cominciare la ‘settimana bianca’ sull’Etna. Naturalmente sospesa, per oggi. Difficile passare per monte Colla, se non con le catene. L’arciprete viene nel pomeriggio. Solo due fedeli (signorina Tecla Russotti e signorina Nina Laviano) alla messa vespertina. Non nevica in giornata. In tutto il centro nord neve e temperature polari. Nelle zone terremotate dell’Umbria, in alcune località la neve raggiunge i tre metri.

2. Martedì. Variabile; non nevica; continua a rimanere la neve in strada e sui tetti; lento disgelo. Neppure oggi i ragazzi della scuola comprensiva partono per la ‘settimana bianca’. Forse saranno anche venuti pochi insegnanti; gelo nella mattinata. Sarebbe il caso di farla in un momento più favorevole.

3. Mercoledì. Bella giornata, fredda ma assolata. I ragazzi della scuola comprensiva partono per la settimana bianca. Due pullman della ditta Ragusa di Linguaglossa. Alle 15,30 riunione in canonica di alcune persone per la ‘pregrinatio crucis’. Non sono presenti né i parroci di Solicchiata e Passopisciaro né don Enzo Di Mura. L’arciprete stabilisce per lunedì prossimo alle 15,30 prove di canto nella chiesa san Pietro per le persone adulte (signorina Lucia, Franca, Gabriella, signora Cardile …).

4. Giovedì. Variabile; tramontana; coperto nel pomeriggio. Settimana bianca. Nel pomeriggio ora di adorazione nella chiesa san Pietro. L’arciprete riferisce che la richiesta di poter ritrasmettere Telepace da parte della TVR di Randazzo è a buon punto. Aspettano a Roma la richiesta della Curia di Acireale.

5. Venerdì. Bella giornata; assolata; tramontana. Settimana bianca scuola comprensiva; partecipa anche il sac. Treffiletti. Preparativi per il Carnevale. Da qualche giorno sono stati affissi due manifesti. Organizzato dal circolo Arci Ossigeno.

6. Sabato. Variabile. Prima serata di Carnevale, in piazza XII Agosto. Nel pomeriggio, nella chiesa S. Pietro, battesimo della piccola Adele Tornatore.

7. Domenica. Variabile; pioggia nella prima mattinata. La messa delle 11,30 è presieduta da mons. Alibrandi; omelia dell’arciprete. L’arciprete ritrova nel suo ufficio delle bozze di trascrizione della vita del sac. Don Onofrio Di Marco, morto in odore di santità nel 1799. Le bozze, scritte a macchina e con varie correzioni, riportano anche diverse note manoscritte, di solito con un pennarello verde. Non sa, dice, chi possa aver fatto questo lavoro. Sarà stato, pensa, qualcuno in un lontano passato. Il sac. Treffiletti sorride. – Conosci questa scrittura? Come mai ci sono tutte queste correzioni? Saranno così nel manoscritto? Sarebbe bello poterlo pubblicare … magari non tutto … Tanto lavoro sprecato. Anni fa, oltre dieci anni fa, il sac. Treffiletti aveva trascritto e registrato sull’ETV 300 il manoscritto con la vita del sacerdote Di Marco. Era sua intenzione, allora, di poterlo stampare. Pensava ne valesse la pena. L’arciprete aveva lasciato cadere la proposta. Finalmente dopo oltre dieci anni ritrova, come in un romanzo, la trascrizione del manoscritto e non sa più neppure chi possa averla fatta. – Mi sembra di riconoscere quella scrittura … Qualche settimana fa il sac. Treffiletti aveva finito di trascrivere e correggere il manoscritto dei Capitoli di Castiglione esistente nell’archivio vecchio. Aveva pensato di riprendere e memorizzare proprio il manoscritto della vita del sacerdote Di Marco. Speriamo che si trovi ancora in Biblioteca! Dopo la venuta e i ‘lavori’ della signorina o signora Giuffrida non riesce più ad orientarsi. Su ‘Prospettive’ articolo del signor Franco Previte: Una petizione per i malati psichiatrici, come lettera alla redazione nella rubrica ‘Omnibus’.

8. Lunedì. Variabile; pioggia nella prima mattinata; tramontana. Settimana bianca; recupero. Sono ospiti della Parrocchia i seminaristi di Acireale, accompagnato dal rettore Don Sebastiano Raciti e da un altro giovane sacerdote. Arrivano verso le undici. Pranzano a sacco nei locali del Carmine. Li accompagna l’arciprete. Vengono accolti da alcuni membri dei vari gruppi: la signorina Angela Crò, la signorina Franca Valastro, la signora Rosina Scalzo. Dalle 15,00 alle 19,00 scrutini del magistrale a Giarre, nella sede del liceo ‘Amari’.

9. Martedì. Bella giornata; tramontana. Settimana bianca; ultimo giorno. Dalle 16,30 alle 19,30 scrutini alla scuola media, sezione B.

10. Mercoledì.

11. Giovedì. Alle 08,00 messa nella chiesetta di Lourdes. L’arciprete nelle varie messe, a partire da domenica scorsa, aveva avvisato che la prima messa sarebbe stata alle 08,30. Il sac. Treffiletti alle 08,20 doveva trovarsi a scuola (prima ora nella classe seconda del Magistrale). Nella mattinata festa da ballo nel salone della scuola media. Nel pomeriggio scrutini alla scuola media, sezione A (le tre ‘streghe’: Siracusano, Strano, Laporta: foto con il direttore). Alle 16,30 messa nella chiesa di Lourdes.

12. Venerdì. Pochi alunni nella scuola media. Il direttore, passando per le classi, avvisa che fino a mercoledì gli alunni possono entrare alle 09,30, ma devono venire a scuola.

13. Sabato.

14. Domenica. Bella giornata; freddo. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi. Sfilata in maschera nel pomeriggio dalla piazza Lauria e piazza XII Agosto dove è allestito il palco per le serate di Carnevale.

15. Lunedì. Pochi alunni nelle varie scuole, elementare, media e magistrale. Nel pomeriggio ora di adorazione nella chiesa S. Pietro.

16. Martedì. Variabile; nel pomeriggio nuvoloso, ma non piove. Sfilata in maschera.

17. Mercoledì. Bella giornata, molto fredda. Vacanza ufficiale al magistrale; nessun alunno alle scuole elementari e medie (sarebbero dovuti entrare alle 09,30). Funzione delle ‘ceneri’ nella chiesa S. Pietro presieduta da mons. Alibrandi. Dopo la messa progetti per la ‘peregrinatio crucis’.

18. Giovedì. Variabile; freddo. Nel pomeriggio non si fa l’ora di adorazione per permettere una riunione più lunga in preparazione alla ‘peregrinatio crucis’.

19. Venerdì. Variabile. Alle 11,00 nella chiesa S. Pietro funerale della signora Francesca Papa vedova Tornatore di anni 77. Nel pomeriggio via crucis e messa nella chiesa del Carmine. L’arciprete nel primo pomeriggio è alla scuola media per preparare i ragazzi per la ‘peregrinatio crucis’. Tenta di fare prove di canto. Ragazzi molto irrequieti; va via.

20. Sabato. Bella giornata; fredda. Preparativi per l’arrivo della ‘peregrinatio crucis’. Il Dott. Previte continua la sua campagna a favore della riforma psichiatrica. Già martedì scorso, ed oggi in forma più massiccia, ha mandato diverse e-mail (oltre venti) ad associazioni, giornali, istituzioni. Lodevole nella sua opera.

21. Domenica. Variabile. Alle 10,30 alcuni giovani di Giarre dell’oratorio dei Bocconisti portano la croce in piazza S. Martino. Verso le 11,00 arrivano anche mons. Armando Magro e don Vittorio Rocca. Un discreto numero di fedeli, anche se pochi ragazzi e giovani. Alle 11,05 si avvia la processione fino alla chiesa S. Pietro. Presiede mons. Alibrandi; concelebrano mons. Magro, don Vittorio, l’arciprete. La chiesa è quasi piena. Molti bambini. In canonica sono rimasti dalla mattinata a preparare il pranzo le signorine Franca Valastro e la signorina Angela Crò. Quest’ultima è febbricitante; alla fine del pranzo sta proprio male. Dopo la messa pranzo in canonica: arciprete, mons. Magro, don Vittorio, don Antonino Imbiscuso, don Enzo Di Mura, don Salvatore Treffiletti. Don Enzo arriva in ritardo a causa dei suoi molti impegni. Un ottimo pranzo, semplice, abbondante. La signorina Valastro non è presente al pranzo; aiuta la signora Nunzia Montalto. Alle 16,00 la croce viene portata a Gravà. Messa alle 18,00 nella chiesa del Carmine, con la presenza di don Enzo (celebra?) e di molti fedeli di Gravà.

mons-gaetano-cannavò22. Lunedì. Variabile; vento forte. Messa alle 08,30 nella chiesa del Carmine. Pochi fedeli. Alle 09,30 l’arciprete e don Enzo Di Mura portano la croce nelle scuole elementari. Alle 15,30 funerale nella chiesa S. Pietro della signorina Franca Alessi, di anni 56. Era ospite di una sorella a Giarre; molto ammalata. Alle 16,30 via crucis per le vie S. Vincenzo e Piave. Un discreto numero di fedeli e bambini. Segue la messa nella chiesa del Carmine. Al termine l’arciprete presenta la nuova cappella dell’Ecce Homo, rifatta dal signor Luigi Di Marco. Nessun accenno alla ‘benefattrice’ o al modo con cui è stato possibile realizzarla. La signora Luppino ascolta e guarda visibilmente contrariata. Sono noti i suoi buoni rapporti con l’arciprete. La causa in corso con la confraternita della Madonna certamente non facilita il dialogo e la stima. In serata il Dott. Previte comunica al sac. Treffiletti che oggi ha parlato per telefono con mons. Elvio Damoli, direttore della Caritas Italiana ed ha anche ricevuto un suo fax.

23. Martedì. Variabile; vento molto forte; tramontana; nel pomeriggio nevischio; temperatura molto bassa. Nella mattinata si porta la ‘croce’ nel salone della scuola media. Dalle 09,30 alle 11,00 incontro con gli alunni delle scuole medie. La prof.ssa Strano ha preparato, su indicazione dell’arciprete, alcuni canti. Don Enzo Di Mura cerca di proiettare una ‘via crucis’. Un po’ rumorosi e stanchi i ragazzi. Interviene l’arciprete a commentare le immagini … Dalle 11,15 alle 12,15 incontro con gli alunni del Magistrale sempre nel salone. Dopo l’introduzione dell’arciprete, don Enzo proietta una ‘via crucis’ del sacro monte di Varallo, commentata da canti. Hanno altro per la testa i giovani. Alle 11,50 l’arciprete va via perché deve celebrare la messa a mezzogiorno nella chiesa del Carmine. Alle 15,30 la croce viene portata a Verzella, con al seguito diverse macchine (il cap. Vinciguerra, il signor Barbagallo, il sac. Treffiletti). Il vento molto forte impedisce che si faccia, come programmato, la via crucis all’esterno. Il sac. Treffiletti celebra la messa. Alle 17,00 la croce, sempre accompagnata da alcune macchine, viene portata a Passopisciaro e consegnato al parroco don Antonino Imbiscuso. Sia ieri che oggi la croce è stata portata sul portabagagli della macchina di don Enzo Di Mura.

24. Mercoledì. Variabile; vento.

25. Giovedì. Variabile. Nel pomeriggio ora di adorazione nella chiesa S. Pietro. Alle 16,45 collegio dei docenti della scuola comprensiva. Qualche persona è senza luce elettrica (signor Salvatore Scuderi…).

26. Venerdì. Variabile; levante; nebbia nel pomeriggio. In mattinata, dalle 10,00 alle 12,00 ora di adorazione nella chiesa S. Pietro. Dalle 10,45 alle 12,30 l’arciprete e don Antonio Imbiscuso incontrano due classi della scuola media (III B e I A). Proiettano diapositive sulla vita di Gesù. Utilizzano l’ora di religione.

27. Sabato. Variabile. Prove di canto nel pomeriggio? Pare si sia fatta vedere la signora Clori.

28. Domenica. Variabile. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.