1997 DICEMBRE

1. Lunedì. Variabile; pioggia in serata. In mattinata sfoglio delle schede elettorali. Vince il candidato Bellia e la sua lista. Festeggiamenti in serata in piazza S. Martino. E’ presente la banda di Francavilla. Delusione per la lista dell’on. Floresta. Pare che il candidato Bellia abbia vinto con uno scarto di oltre 400 voti. La sua vittoria era comunque quasi scontata. L’umore della gente e la piazza era a suo favore. La presenza del pds nella coalizione gli ha garantito una riserva di voti più che abbondante. Il giovinetto Davide di fronte al gigante Golia, colpito con una pietra targata ‘pds’.

2. Martedì. Pioggia. Qualcuno suggerisce una possibile lista di lavori per la ‘nuova’ amministrazione: fontana in piazza Lauria, sistemazione del bivio Cerro, sistemazione piazza S. Pietro, sistemazione zona retro campanile S. Pietro, strada Francavilla-Galluzzo-Castiglione, bonifica vecchi impianti elettrici, erbe, piante in vecchi edifici e private abitazioni, sistemazione dosso via Piave. In prospettiva al duemila: allestimento di un presepe poliscenico permanente (chiesa S. Maria o Carmine?), parco S. Vincenzo (con abbattimento costruzione centro diurno), Belvedere S. Vincenzo …

3. Mercoledì. Pioggia in mattinata.

4. Giovedì.

5. Venerdì. Pioggia; levante; forte temporale nella serata (diluvio!). Alle 16,00 funerale del signor GIUSEPPE SANFILIPPO, di anni 67. Molta gente. Il corteo finisce appena in tempo prima dell’inizio del temporale. Manifesto della lista ‘Uniti per progredire’: “Grazie lo stesso”. Per oggi pomeriggio l’arciprete aveva previsto un ritiro per i membri dell’AC e degli altri gruppi parrocchiali. Naturalmente sospeso per il funerale.

6. Sabato. Variabile; tramontana; si abbassa la temperatura.

7. Domenica. Variabile; vento molto forte di tramontana. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi. Il prof. Manitta è a Roma per alcune cure al figlio Giuseppe al Policlinico Gemelli. Dopo la messa vespertina l’arciprete riunisce alcuni giovani per organizzare qualcosa.

8. Lunedì. Variabile; tramontana. La messa delle 11,30 viene celebrata dall’arciprete. Alla messa vespertina, presieduta da mons. Alibrandi, tesseramento dell’AC e mandato agli altri gruppi parrocchiali (Legio Mariae, Movimento della Speranza).

9. Martedì. Bella giornata. Qualcuno finisce di raccogliere le olive.

10. Mercoledì. Variabile; pioggia. Alle 17,00, in canonica, come già da qualche incontro, riunione del Movimento della speranza. Partecipa per la prima volta la signora Carmen Rinaudo. Inizio del triduo in onore di S. Lucia nella chiesa di S. Maria. Preparazione della famiglia Mannino (Macelleria) e di altre famiglie del quartiere.

11. Giovedì. Variabile.

12. Venerdì. Variabile; pioggia. Il prof. Angelo Giannetto, vice- preside della scuola media, riferisce a nome della signora Innocenza Laviano che in estate dovrebbero venire alcuni ragazzi della Bielorussia ospiti di alcune famiglie di Castiglione.

13. Sabato. Variabile. Tre sante messe nella chiesa S. Maria: ore 8,00 (sac. Treffiletti), ore 11,15 (arc. Cannavò), 0re 17,00 (arc. Cannavò). Alle 15,30 prove di canto nella chiesa S. Pietro. Poche ragazze, sotto la guida di Maria Barbagallo: Marialuisa Marchese, Elisa Di Pietro, Mariagrazia Camuglia, Severina Verduci, Alessandra Puglisi. Pare che le/gli altre/i non vogliano venire. Aria di smobilitazione. La signorina Maria Barbagallo legge una lettera dell’ex superiora suor Anna di Gesù. Alle 15,00 riunione della Legio Mariae in Canonica. Alle 16,30, al Carmine, conferenza sui ritrovamenti archeologici della Valle dell’Alcantara, organizzata da SiciliAntica. L’invito è mandato a nome del ‘dott. Angelo Manitta’, che introduce gli ospiti (Privitera …). Interruzione dell’energia elettrica e intervento di qualcuno che possa accendere l’interruttore generale dalla sacrestia. Testo dell’invito: “Associazione Culturale – SiciliAntica – Sede Castiglione di Sicilia. In occasione dell’inaugurazione della sede locale di SiciliAntica la S. V. e famiglia è invitata a partecipare, il giorno 13/12/1997 alle ore 16,30, alla manifestazione culturale che si terrà a Castiglione di Sicilia presso i locali del Carmine di Via Rosario Cimino sul tema: “Preistoria e Protostoria a Castiglione di Sicilia e nella Valle dell’Alcantara”. Interverranno: il dott. Francesco Privitera della Soprintendenza ai Beni Culturali di Catania, l’architetto Giuseppe Loporto Presidente dell’Associazione Regionale SiciliAntica. Castiglione di Sicilia, 18/11/1997. Il Presidente dott. Angelo Manitta”. Alle 18,00 apertura di una mostra del Ricamo nei locali dell’ex Chiesa S. Giuseppe.

14. Domenica. Variabile; tramontana; molto freddo. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi.

15. Lunedì. Tramontana; nevischio; neve sui monti sopra S. Domenica Vittoria.

16. Martedì. Variabile; levante, pioggia nel pomeriggio; temperatura molto bassa. Inizia la novena di Natale: alle 16,15 nella chiesa S. Pietro (sac. Treffiletti), alle 17,30 nella chiesa del Carmine (arc. Cannavò). Come ogni anno al Carmine, prima della messa, viene diffusa musica natalizia. E’ stato preparato un presepe nella chiesa del Carmine nella cappella dell’Ecce homo.

17. Mercoledì. Variabile; coperto; levante. Alle 10,30 cerimonia natalizia al Magistrale. Vengono invitate gli orfanelli dell’Istituto di Giardini, trasportati dal pulmino del Comune e accompagnati da quattro suore Figlie del Divino Zelo (FDZ). Presiede la celebrazione della messa mons. Gaetano Alibrandi, assistito dall’arc. Cannavò che tiene l’omelia. E’ presente il Preside, prof. Barletta, con la moglie e la segreteria della scuola. Mostra dei presepi realizzati dagli alunni all’ultimo piano. Il sindaco, assente per motivi di lavoro (è a Palermo) viene rappresentato dalla neo assessore prof.ssa Nina Romeo.

18. Giovedì. Variabile; coperto; levante. Dalle 15,00 alle 18,00 ricevimento dei genitori al Magistrale. Qualcuno, non richiesto, inosservato, pensa di abbandonare il campo.

19. Venerdì. Variabile; coperto; levante. Preparativi natalizi. Pare che la Pro-Loco abbia distribuito dei volantini dove s’indice una sorta di concorso per premiare i migliori allestimenti natalizi ai balconi… Presepi in pietra pomice in vari posti del paese. Illuminata tutto il prospetto sottostante l’edificio del Monastero.

20. Sabato. Variabile. Alle 15,00 prove di canto nella chiesa S. Pietro. Alle 16,45 arriva all’aeroporto di Catania volo diretto Ginevra-Catania.

21. Domenica. Bella giornata. La messa delle 11,30 viene celebrata da mons. Alibrandi. Durante la celebrazione battesimo del piccolo Dario Lomonaco.

22. Lunedì. Variabile; coperto. In serata l’arciprete e alcune ragazze preparano il presepe nella chiesa S. Pietro.

23. Martedì. Variabile. Alle 19,00 prove di canto nella chiesa S. Pietro. Poche ragazze [ML|]. La mancanza di Salvo Sanfilippo e di Federica si sente.

24. Mercoledì. Pioggia; levante. Alle 11,30 volo Roma Catania proveniente da Ginevra. La messa delle 21,00 a Verzella viene celebrata da don Antonio Imbiscuso. Piena la chiesa S. Pietro per la messa di mezzanotte, presieduta da mons. Alibrandi e concelebrata dall’arciprete. Cantano bene le ragazze del coro, anche se poche. Dopo la messa sfilata con la banda e ‘babbi natale’ fino a piazza S. Martino. Come al solito grande falò in piazza Lauria. Falò anche in piazza XI Febbraio. Muore ad Acireale P. Cesare Abbate, d. O.

25. Giovedì. Variabile, con ampi sprazzi di sole. Ritrovamento del signor Vincenzo Treffiletti, di anni 65, nella sua casa di abitazione in via S. Giuseppe. I Vigili Urbani (Il com. Alfio Bosco e Giuseppe Pantano) entrano dalla finestra del balcone. Lo ritrovano riverso sul letto ormai senza vita. La morte dovrebbe risalire a qualche giorno. I vicini di casa non vedendolo da alcuni giorni hanno pensato di avvertire prima il sac. Treffiletti (cugino) e poi i VV. UU. Presenti anche i Carabinieri. In serata viene portato, dopo la constatazione della morte da parte del dott. Tornatore e il verbale del maresciallo dei carabinieri, nella chiesa S. Antonio. Viene avvertita la sorella in Svizzera. Altre due sorelle e un fratello sono in Australia. Non si può morire in queste condizioni! La casa è in condizioni estremamente pietose, con condizioni igieniche indescrivibili. Foto da parte del fotografo Mavilia, richieste dall’autorità giudiziaria. Non è stato un buon Natale.

26. Venerdì. Variabile. In mattinata ancora disbrigo documenti per il signor Vincenzo Treffiletti. Disaccordo tra medico, agenzia pompe funebri e carabinieri. Viene il medico legale dell’USL di Giarre. Finalmente si chiarisce la situazione. I funerali sono fissati per domani alle 11,00. In serata arriva la sorella e il cognato dalla Svizzera. La salma viene trasportata nella chiesa S. Pietro. L’arciprete Cannavò partecipa ad Acireale ai funerali di padre Cesare Abbate. Non è stata affisso nessun avviso funebre a Castiglione. Molti turisti oggi non hanno potuto visitare la chiesa S. Antonio. Era anche venuto un giovane con la fidanzata e le rispettive famiglie perché aveva espresso il desiderio di sposarsi in questa chiesa per la bellezza. Sarebbe stato di cattivo gusto visitarla con la presenza di un defunto. E’ arrivato in mattinata don Rinuccio Di Marco da Roma.

27. Sabato. Coperto; levante. Alle 11,00 funerale del signor Vincenzo Treffiletti nella chiesa S. Pietro. Presiede l’arciprete; il sac. Treffiletti suona l’organo. Visita di don Egidio Galati. Mancava da Castiglione, dove era stato vice-parroco, da 34 anni. Sono in visita e s’intrattengono nei locali del Carmine nel pomeriggio un gruppo di Riesi.

28. Domenica. Variabile; levante; pioggia. La messa delle 11,30 viene celebrata dall’arciprete. In serata, alle 20,30, concerto nella chiesa S. Antonio. Poche persone?

29. Lunedì. Variabile.

30. Martedì. Variabile.

31. Mercoledì. Variabile. Muore alla casa di riposo di Randazzo il signor Michele Gioeni, sacrista emerito. I funerali saranno il due gennaio.


Lettera fotocopiata, in due pagine, a stampatello, recapitata ad alcune famiglie, dopo le elezioni del sindaco Bellia:

[a] “Lavoratori – Castiglionesi onesti – Persone per bene – Per non farci chiamare sempre popolo bue come diceva Riolo Svegliatevi. Questi sono gli Elettori del sindaco Bellia. […]  [b] Questi signori ora comandano al comune e un semplice elettricista […] Ora tenetevi i fiori le lampadine di Natale e il paese muore completamente. Auguri e pagatevi luce e acqua.”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.