don-giuseppe-coniglio

[f. 509r][55]
Die ultimo octobris quintae Indictionis Millesimo
sexcentesimo sessagesimo sesto 1666:
Cum extante U. I. D. D. Vincentio Cucuzza Judice
Curiae Capitanialis huius Civitatis Castrileonis in domo
solitae habitationis quondam Reverendi Sac. D. Joseph Coniglio.
In hac predicta Civitate Castrileonis; quod locum ad infra pera–
genda elegit, coram eo fuit espositum per Reverendum
Sacerdotem D: Antoninum Badolato Procuratorem Matricis
Ecclesiae sub titulo Sancti Petri istius predictae Civitatis qualiter dictus quondam
Reverendus D. Joseph Coniglio sub die 9: Novembris Tertiae Indictionis
1664: p.p. condidit suum sollemne et inscriptis
Testamentum clausum, et sigillatum, manu mea
Notarii inscriptum subscriptum, et per Illud instituit
universalem heredem super omnibus bonis suis, prout
in eo, et Illud postquam fuit clausum, et sigillatum
ab octo Testibus retroscriptis in eo in dorso cum
impressionibus siggillorum testatoris, traditum
mihi ab Illo ad effectum conservandi, et tertio
elapso a die eius obitus aperiendi solemni–
tatibus necessarijs precedentibus. Indeque sub die
24: presentis mensis Octobris Idem Reverendus Sacerdos D. Joseph
Coniglio certos codicillos similiter clausos, et siggil=
latos manu mea quoque condiderit à quinque testibus
retroscriptis cum impressionibus siggillorum eodem
modo et mandaverit illos aperiri, postquam fuerint
transacti dies quatuor a die eius mortis; et ideo
petitum a dicto Judice ut aperiretur, qui Iudex con…
sibi prius morte predicti quondam Reverendi de Coniglio ac venire
fecit ad se in dicto loco testes qui interfuerint clau–
surae Testamenti predicti et se in dorso illius subscripse–
runt seu retroscripserunt, et siggilla impri–
merunt, et sic coram dictis octo testibus et personis

[509v]
inscriptis qui quoque interfuerunt presenti aperitioni
ordinavit dictus Iudex ut sibi dictum Testamentum
clausum, et sigillatum in eius manibus traderem
prout tradidi || cum in manibus habuisset
circumspexit, et intactum invenisse ostendidit
Sacerdoti D. Joseph Petrocitto , predicto D. Antonino Badolato,
Don Joseph Rocco, Sacerdoti D. Vincentio Vinciguerra,
Sacerdoti D. Ignatio Vecchio, D. Antonino Bonherba, Bar–
tholomaeo Petrocitto, et Diacono D. Thomae de Naro
qui interfuerunt [illius] clausurae, et se subscripse–
runt in dorso Illius ut Illud recognoscerent si
Illud idem esset et subscripserunt, seu retroscipse–
runt et sigillaverunt de voluntate predicti Reverendi de
Coniglio testatoris qui Illud inspexerunt, et reco–
gnoverunt Idem esse et eorum retroscriptiones predictas
et inde mihi traditum a dicto testatore fuit ad effectum
conservandi et post quam fuerint transacti dies tres
a die eius mortis debitis sollemnitatibus aperiretur
declarandi in eo et in dorso Illius dictam institutionem
heredis universalis prout in eo recognoverunt eamdem
esse quae facta fuere coram eis tempore clausurae
predictae sub dicta die 9. Novembris Tertiae Indictionis 1664. et pariter
impressiones siggillorum per eos factas de voluntate
dicti testatoris prout unanimiter, et concordes coram
dicto Judice et inscriptis testibus testificaverunt
parique modo obstentis dictis codicillis eisdem testibus
qui fuerunt Admodum Magnificus d. Petrus Paulus De Turcis
terrae Mottae, et tunc hic Castroleone repertus; sac. Don
Joseph Guarino; diaconus D. Antheus Bonher–
ba; D. Joseph Rocco; et Antoninus Saija stante

[510r][56]
absentia predicti De Turcis recognita manus per Adomodum Magnificum D.
Joannem Baptistam Bonherba Illi quoque abestati(?) fuere (?)
bene cognoscere eorum retroscriptiones in eis factae
tempore illorum clausurae predictae et pariter dictam
aliam predicti De Turcis absentis prout et idem attesta–
verunt omnes testes predicti Testamenti cognoscere retro–
scriptionem predictam dicti absentis factam in dictis codicillis
asserentes omnes solum fuisse de voluntate dicti testa–
toris et codicillatoris respective ut supra in eorum pre-
sentia factum. Ac igitur de causa predictus Iudex
premissis peractis hereditate recognita ut supra
cordulas clausurae dicti Testamenti eius proprijs
manibus coram omnibus obtruncavit et coram eisdem
et inscriptis testibus dictum Testamentum dictosque codicillos
aperuit illosque sic apertos, et sic apertum mihi
restituit et reconsignavit ut palam legerem et pu–
blicarem tenorem et continentia illius vel eorum
ut omnibus patefiat et inde copia petentibus
ut moris est estrahere huius Testamenti et codicillorum
tenorem seu tenores est inscriptum ut sequitur. Videlicet:
J. M. J. Testamento del Reverendo Testatore D: Giuseppe Coni-
glio Vicario Foraneo di questa Città di Castiglione.
In primis esso Reverendo Testatore D. Gioseppe Coniglio ritrovandosi
per la di Dio gratia sano di mente, et intelletto,
infermo però di corpo jacendo nel letto; hà de=
terminato fare il presente suo sollenne testamento,
annullando per lo presente prima (?), e revocando tutti,
e qualsivoglia altri testamenti fatti, donazioni
causa mortis e qualsivoglia altra sua disposizione
fatta per il passato, quali voli che sij e s’intendano
cassi irriti, e nulli come mai fossero stati fatti;
volendo che resti in suo robore et firmitate
il presente suo Testamento, et così esso testatore

[510v]
raccomanda l’anima sua allo Onnipotente et Immortale
Idio alla sua SS.ma Matre Maria S. Micaele Arcan-
gelo Santi Pietro, e Paolo soi Protettori, et a tutta
la Corte Celeste, et vuole ordina, e comanda, che
il suo corpo quando a Dio piacerà di pigliarsi
l’anima sua nella sua Gloria del Santo Paradiso,
che si sepellisca nella sua Cappella di Santi Pietro
e Paolo novamente edificata da esso testatore
existente nella Matrice Ecclesia di questa Città di Castiglione
sub titulo Sancti Petri, et Pauli.

[1]
Et perchè il capo, et origine di qualsivoglia Testamento
è l’istituzione dell’herede per tanto esso testatore di Coni–
glio instituio, et instituisce, ordinao, et ordina,
fece, e fa sua herede universale la sopraddetta Cappella
sua di Santi Pietro, e Paolo existente in detta Matrice Ecclesia
con l’infrascritti legati, carrichi, e clausoli, cauteli,
patti, e conditioni et non altrimente, et per contemplazione
e decoro maggiore di detta Cappella lasciao, e lascia
l’infrascritti beneficij e pij legati all’infrascritti personi
con l’infrascritti carrichi.

[Beneficii d’onze 24 ciascuno]
[2]
In primis lasciao, e lascia due messe il giorno
celebrande in detta Cappella per l’anima
di esso testatore e discarico della sua conscienza
quale messe volle e vuole che li celebrino:
una il Reverendo D. Nicolao di Carlo suo cogino carnale,
al quale titulo beneficij legao, et lega in sodisfazione
la sua possessione consistente in nocilliti, casta–
gneto, et altri alberi con sua torre dentro, e chiesa
di S. Lorenzo, e fontana d’acque existente in questo territorio in qontrata
di S. Lorenzo, confinante con lo nocelleto di Antonio
Coniglio, nocelleto dell’heredi del quondam Erasmo Sardo,

[511r][57]
vij pubblici, et altri confini tutta, et integra franca
con agravio solamente di celebrare due onze di messe
l’anno per l’anima del quondam Anselmo Coniglio; quale
messe si contenta esso testatore, che li celebri esso
D: Nicolao beneficiale di quella messa il giorno
deve celebrare per esso testatore, e che li celebri nello
Altare di Santo Erasmo, olim; al presente del SS:mo Crucifisso
existente in detta Matrice Ecclesia; et l’altra messa il
giorno celebranda in detta sua Cappella vole
esso testatore, che la celebri, quando sarà sacer–
dote Don Honofrio Coffo, al presente Clerico, e vole,
che si havessi ad ordinare con l’infrascritto beneficio
quale ci lascia titulo patrimonij durante eius
vita però per sodisfazione di detta messa suo tempore
celebranda titulo legati, et beneficij ci lascia
la sua possessione consistente in vigni, et altri
alberi con sua casa dentro, e palmento di fori,
una con le chiuse consistente in terri, olivari,
et altri alberi existenti in questo territorio nella qontratata dello Guaito,
confinante dette vigne con li terri di Vincenzo Guarino,
vigni dell’heredi di Vincenzo la Monica, vij pubblici,
et altri confini, e le dette chiuse confinanti con le terre
di Leonardo Petrocitto; terre del Venerabile Convento
di Santa Maria del Carmine, fiume grande, et altri
confini; e durante il tempo che detto di Coffo non
si farà Sacerdote, vole che li soi fidecomissarij
eligendi come si dirrà, li essigano, e cumulino
li frutti di dette possessioni, quali habbiano da
spendere per il dottorando in Teologia di detto di Coffo,
al quale pure vuole che di detti frutti durante
detto tempo, che non si farrà sacerdote, ne si dottorirà,
si ni dijno al detto di Coffo onze quattro ogn’anno, e
quello avanzerà doppò che sarrà dottorato,
che si ni facino dire sante messe in detta sua
Cappella per Dio, e l’anima sua; di più vole esso

[511v]
testatore che in caso, che li detti Don Nicolao di Carlo, etHonofrio Coffo ò quelli soi successori beneficiali,
che pro tempore sarranno in perpetuum et infinitum
eletti, et eligendi del modo si dirrà, non volessero
le sopra dette possessioni di S. Lorenzo, e del Guaito, e
quelli li volessero renuntiare nella heredità
all’infrascritti soi Fidecomissarij, e contentarsi di havere,
et esiggere ogn’anno sopra la sua heredità onze
venti quattro di denari per ogn’anno; che stij in loro
elettione semper, et omni futuro tempore, e che
detti Fidecomissarij sijno tenuti, et obligati pagarceli
subbito ogn’anno detti onze 24: ac cum exequtione, et pactu de
non opponendo etc. quali onze 24: ogn’anno per ogn’uno di essi
beneficiali presenti eletti e futuri, eletti, et eligendi,
l’habbiano da conseguire titulo beneficij con li
sopradetti carrichi, e non altrimente, e questo quante
volte li piacerà renuntiare e in qualsivoglia tempo
perche vole esso testatore che detti beneficij sijno
sempre duraturi in perpetuum et infinitum.

[3]
Item volse e vuole esso testatore che in caso di morte
di detto D. Nicolao di Carlo, ovvero del detto Honofrio Coffo
beneficiali come sopra, che a quello, premorirà succeda,
e debbia succedere in detto beneficio del morto un figlio del
Dottor Don Antonino Spuches quondam Marco della Città di Messina
suo nepote, qual si farrà parrino con haver da far
celebrare una messa il giorno in detta sua Cappella;
overo celebrarla esso quando sarrà sacerdote nel
loco, e Città dove si troverà per l’anima di esso testatore;
e doppo del figlio di detto di Spuches; succedendo caso di
morte di detti beneficiali, vole esso testatore che succeda
un figlio di don Melchiore Sardo, il quale facendosi
parrino, et essendo sacerdote habbij da celebrare
la messa in detta sua Cappella per l’anima di esso testatore
e così volse, e vuole, li nominao, e nomina

[512r][58]
eligìo et elige e non altrimente, nè di altro modocon li stessi patti, e clausoli, e cauteli, come di sopra del
modo lo tenino li detti di Carlo, e Coffo primi beneficiali e
della forma esso testatore l’ha disposto per ognuno di
essi, e non altrimente, nè di altro modo || et in caso di morte
delli detti quatro beneficiali nominati che il quinto, et altri
sequenti in perpetuum et infinitum l’habbiano di eligere
e nominare l’infrascritti soi Fidecomissarij del modo
e forma inscritta e non altrimente.

[Il presente testamento dovea essere colla marginale dichiarazione del Testatore di averlo dettato, letto, e quindi riconosciuto, perchè scritto di mano aliena, di pagina in pagina, quale mancanza unita alla revoca nella lista e codicillo … avrebbe fatto gran ragione a d. Spucces per la chiamata loro ad un de’ beneficij di onze 24 che indi nella … lista volle, e comandò che detto Legato fatto a favore delli figli di detti Spucches sia e s’intenda casso, irrito e nullo come se non fosse stato fatto, come del pari nel codicillo revocò il Legato della Schiava fatto in favore di detto Spucches. || Il controscritto Don Melchiorre Sardo cognato di detto Testatore ebbe a Don Giuseppe Sardo Seniore avo paterno del D.r in Legge Don Giuseppe Luigi Sardo e Palermo, il quale conseguì detta Cappellania con Bolle Pontificie, che renunciò per essersi qual figlio unico, casato, e al tempo della confezione di detto Testamento era d’anni sei.][Elezione di Fidecommissarj]
[4]
Item esso testatore nominao, e nomina in soi fidecomis=
sarij presenti, e futuri il Rev.do D. Cesare Gioeni
Archiprete di questa Città, D. Nicolao, e Vincenzo di
Carlo fratelli, cogini carnali di esso testatore, e
Don Giovanne Coniglio nepote di esso testatore quando
si troverà in questa Città; quali soi fidecomissarij
habbiano di amministrare fedelmente detta sua
heredità et haver cura di detta sua Cappella
di SS. Pietro e Paolo e di esseguire quanto esso testatore
li dirrà: In primis che doppo della morte delli tre
soi beneficiali eletti restando il quarto superstite
che in loco di quello manchirà in caso di morte
l’habbijno da nominare et eligere detto Rev.do Archiprete
di Gioeni, et in caso di morte, quod absit, il Rev.do Archiprete
che pro tempore sarrà in perpetuum et infinitum qual
vole tenghi la cascia del Deposito del modo si dirrà
e li detti di Carlo fratelli con il detto di Coniglio soi Fide–
comissarij, et in caso di morte delli detti di Carlo, li soi
heredi in perpetuum et infinitum et in caso di morte et
absenza di detto di Coniglio, Leonardo Coniglio suo
fratello; pure nepote di esso testatore e soi heredi in
perpetuum et infinitum; alli quali di Coniglio lascia
special cura di detta sua Cappella insieme con detti di
Carlo, e cessando l’heredi un parente più stretto
in grado di detto di Coniglio preferendo sempre

[512v]
il magiore, et il sacerdote di linea mascolina con dettoRev.do Archiprete che pro tempore sarrà, e cessando
tutti parenti dell’uno, e l’altro sesso; che detta elettione
l’habbij da fare il Rev.do Archiprete che pro tempore
sarrà con la magior parte delli Cappellani di detta
Matrice Ecclesia preferendo sempre in detti beneficij li
parenti più stretti in grado di esso testatore, e non ci
essendo più parenti l’altri sacerdoti oriundi di questa
Città; eccettuando però li figli del detto Dottor D. Antonio
Spuches suo nepote; et soi || qual vole sijno nel nu-
mero de’ parenti; e preferiti in detta elettione, e che il
giorno della festa di detti Santi Pietro e Paolo si celebra
alli 29. di giugno si retrovi in questa Città essendo
Sacerdote à celebrare la sua messa nell’altare di
detti Santi Pietro, e Paolo in detta sua Cappella e festegiare
ecetuati pero che fosse malato, o legitimamente
impedito detto beneficiale e non altrimente ne di altro modo.

[Per la sollecita elezione del nuovo Beneficiale in casi di mancanza]
[5]
Item vole esso testatore che detti soi parenti fidecomissarij
eletti come sopra e che pro tempore sarranno e detto
Rev.do Archiprete presente, e che pro tempore sarrà hab–
bijno di fare detta elettione di beneficiali in caso di morte
forse evenienda da subbito subbito et al piu presto si
potrà per non mancarsi il sacrificio delle messe a
suffragio dell’anima sua e non altrimente ne di altro
modo, e ci l’incario, et incarisce nella loro conscienza
del modo e forma di sopra scritti:

[Altri quattro Beneficij di onze 12 per ciascuno]
[6]
Item legao, e lega titulo patrimonij e beneficij ad
effetto di farsi parrini à D. Gioseppe e Francesco
Stagnitta fratelli figli di Egidio Stagnita suo creato,
à Giovanni Battista Frisina figlio di Filippo Frisina pure suo
creato, et ad Antonino Coniglio figli di Masi Coniglio
della Città di Tavormina onze dodici di denari per ogn’uno di
essi di Stagnitta, Frisina, e Coniglio ogn’anno titulo
patrimonij come sopra quali onze 12. l’anno per ogn’uno
di loro l’habbijno da conseguire sopra la sua heredità

[513r][59]
statim che sarranno sacerdoti con carrico di haver àcelebrare una messa per ogn’uno di essi ogni giorno pro
Deo et eius anima nella sua Cappella di SS: Pietro e Paolo
existente in questa Matrice Ecclesia di Castiglione, e che li detti soi
Fidecomissarij ci l’habbijno di assignare delli soi bulli, e
renditi effettivi, et in defectu in tanti beni stabili tutti
e securi quali habbijno da rendere detta somma
franca ogn’anno e ci l’habbijno di defendere semper
et omni futuro tempore a spesa di detta sua heredità
delli più pronti denari che haviranno cum pacto
de non opponendo et exequtione facienda || et in caso che li detti
di Stagnitta Frisina e Coniglio non si facessiro sacer-
doti vole esso testatore che detti bolli, e renditi
si assignino alli Cappellani di detta Matrice Ecclesia
così ancora in caso di morte di uno ossia di essi
di Stagnitta, Frisina, e Coniglio con il carrico
di detta Messa il giorno per ogn’uno di essi e che
ritrovandosi sacerdoti parenti parrini Cap-
pellani, ò non Cappellani che sijno eletti, e preferiti
detti parenti di esso testatore preferendo sempre
li più stretti in grado in perpetuum et infinitum e che detta
elettione in detto caso l’habbijno da fare li detti soi fide–
comissarij del modo suddetto e non altrimente e che pro tem-
pore sarranno in perpetuum et infinitum con il carrico suddetto
delle messe || e nel suddetto modo e forma e non altrimente
e deficienti li parenti parrini sacerdoti alli detti Cap-
pellani in communi di detta Matrice Ecclesia con detto carrico
et essendoci parenti di esso testatore quali si volessero
fare parrini et ascendere al grado sacerdotale
vole esso testatore che morti li detti sopra nominati
di Stagnitta, Frisina, e Coniglio li debbiano li detti soi
Fidecomissarij assignare alli detti parenti titulo patri–
monij et legati ad effetto di farsi parrini e che
li habbijno à conseguitare essendo sacerdoti

[513v]
con il carrico della Messa  per ogn’uno di essi del modo sonstati dati alli detti di Stagnita, Frisina, e Coniglio,e per
il tempo mancante, che non sarranno sacerdoti li
possino conseguire detti Cappellani in communi con
il carrico di dette messe come sopra e non d’altro modo
ne d’altra forma ||

[Non possa ingerirsi la Corte Arcivescovile o altro Superiore ecclesiastico in detti Beneficij, e Legati altrimenti s’intendano nulli, e debba distribuirsi il denaro in maritaggi d’orfani secondo la mente del Testatore]
[7]
Item volse e vole esso testatore che in detti soi beneficij
legati pij et altri di sopra nom.ti e nom.di disposti, et dispo–
nendi ullo unquam futuro tempore, et in nessun
modo et forma e per nessuna causa si possi, ne
habbij, ne debbij ingerire Monsignor Ill.mo ne
suo Vicario Generale, ne altro Superiore
Spirituale di questa diocesi ne di altra presenti
e futuri, ne ci habbijno d’ havere nessuna
mano ne iurisdittione sopra detti beneficij et
elettioni, per nessun modo causa, e forma perche
così volse e vuole esso testatore e così ci ha piaciuto
di fare e volendosi ingerire detto Monsignor Ill.mo
Arcivescovo di Messina o suo Vicario Generale ò altro
prelato presenti e futuri in perpetuum che detti beneficij s’in–
tendano cassi irriti,e nulli come se mai fossero
stati fatti conforme esso testatore l’annullao, et annulla
cassao, et cassa, e vole che in detto caso li renditi, et
effetti di detti beneficij sopra lasciati s’inpieghino in
maritaggi d’orfane ad onze dodici per ogn’una
ogn’anno le più povere, belle, e pericolose, ò
che havessero il padre miserabile, e povero, eli–
gende dette orfane per li sudetti soi Fidecomissarij no–
minati del modo suddetto e non altrimente ne di altro modo. ||

[Legato di un nocelleto a Vincenzo di Carlo]
[8]
Item esso testatore titulo institutionis heredis particularij
lasciao e lascia à Vincenzo di Carlo suo cogino
carnale un suo nocelleto existente in questo territorio in
qontrata di Ferrà confinante con il nocelleto di Bartholomeo

[514r][60]
Petrocitto, nocillito del D.r Thomasi Scarlata et altriconfini con carrico di far celebrare nell’altare
Maggiore di detta Matrice Ecclesia cento Messe l’anno la–
sciate dalla quondam Maria Coniglio Matre di esso
Testatore per Dio, e l’anima di detta quondam Maria Co–
niglio e non facendoli celebrare, overo celebran–
dosi e non si pagando per anno uno che la presente
institutione di detto nocillito tantum sij cassa, ir–
rito, e nulla, e casca nella sua heredità con
l’istesso carrico di dette cento Messe come sopra ||

[Dichiarazione in favore di Vincenzo di Carlo]
[9]
Item esso testatore ci conferma a detto Vincenzo di Carlo
l’atto fatto del loco consistenti in vigni, terri,
cannito, et altri existenti in questo territorio et in qontrata dello
Muttoxhio giusta li soi confini della forma
e modo lo tiene e declara(?) esser stato pagato
a complimento come affittatore di questa Città, e
suo territorio di quelli onze 1. 6 si pagano ogn’anno
sopra detto loco giusta li soi qontratti. Etc.

[Legato di onze 240 in favore di Vincenzo; Nicolao; e di Antonino Di Carlo, e quindi nel codicillo rivocata la rata legata a detto Antonino da cui descendono Don Simeone, Donna Isabella, moglie di Don Giovanni Camarda, e Donna Maria moglie di Don Giuseppe Tuccari]
[10]
Item lasciao e lascia a detto Vincenzo, et à Don
Nicolao di Carlo fratelli, et ad Antonino di Carlo
figlio minore del quondam Giovanni Battista di Carlo loro fra–
tello onze duecentoquaranta di denari ad effetto
che detto Reverendo Archiprete li essiga del prezzo della
nocilla venduta à Gioseppe Finochio, e li depositi
una con li decorsi per la reluitione di quella
bolla di onze 12. l’anno che detti di Carlo pagano
sopra la sua robba à D. Thomasi di Jesi in virtù di
soi qontratti et scritturi e non si possino espendere
in altro effetto, e che detto deposito e reluitione facienda
si faccia da detto Reverendo Archiprete a nome delli detti di Carlo con la loro
assistenza e presenza, con l’assistenza del D.r D. Vincenzo
Cucuzza parrastro di detto Antonino Di Carlo minore con ogni
cautela e securtà di detti di Carlo e non altrimente ne di
altro modo. Etc.

[514v]
[11]
Item legao,e lega a detto Vincenzo di Carlo suo herede particolare
la sua casa solarata consistente in diversi stanzi, et
officini dove al presente habita esso di Carlo existente in questa
Città in lo quarteri di SS. Petro, e Paolo confinante con l’altra casa di esso
testatore vij pubblici et altri confini quali instituzione e legati
esso testatore l’ha fatto, e fa lasciato e lascia alli detti di
Carlo fratelli, e nepote pro omni, et quocumque iure
che forse ci competisse, ò potesse competere e per qualsivoglia
pretenzione e causa che havessiro ò potessiro havere
sopra detta sua heredità e non contentandosi di detti legati
come sopra fatti e pretendendo cosa in contrario sopra detta
heredità, che statim, et incontinenti s’intendano e sijno
cassati di detta heredità e non possino conseguire detti
legati e contentandosi, che ni habbiano di fare atto
pubblico in forma fra mese uni e laudare et appro-
bare detto suo Testamento e che detto Reverendo Archiprete non habbij da far
deposito per la reluitione della bolla delli onze 12.
l’anno pagano à D. Thomasi di Jesi se prima non
farranno detto atto di contentamento e che detto mese
corra dal giorno della pubblicatione del presente testamento
e non altrimente ne di altro modo. ||
[Fu fatta la rattifica ordinata dal Testatore dal Sac. D: Nicolao e da Vincenzo di Carlo in Notar Paolo Sebastiano Guerino di Castiglione a 21: novembre 5ª 1666 e non da Antonino di Carlo tanto per essere minore come per essergli stato rivocato il legato suddetto e quello del lotto di Bajetta nel codicillo di detto Coniglio]

[12]
Item esso testatore instituio, et instituisce pure soi heredi
particolari à D. Giovanni, Paolo, e Leonardo Coniglio
fratelli soi nepoti et iure institutionis supradette ci lasciao
e lascia tutto quello e quanto deve ricevere da sua Ma–
tre, e da essi per la restituzione e relasciatione del nocillito
si fece per l’atti di Notar Marcantoni Leone à 3 di Luglio
1662.[13]
Item ci lasciao, e lascia un nocillito in questo territorio in qontrata di Scorcia-
gatto confinante con detto nocillito di sopra relasciato, et altri con-
fini e ci li lascia a detti di Coniglio in communi. Etc.

[515r][61]
[14]
Item ci lascia a detto Leonardo Coniglio onze cinque di
denari per pagarsi la giumenta comprao dal
Reverendo Sac. D. Gioseppe Riganati. Etc.

[15]
Item ci lascia a detto D. Giovanne Coniglio l’affitto del
presente anno di questa Città, e suo territorio quale ha pagato
esso testatore anticipato una con tutti lueri, frutti,
emolumenti et altri a detto affitto appartinenti non
astati ecetuati però li ghiandi e pascoli venduti
per quest’anno,e le gabelle di baglio, dohana,
misuratura, Giardinelli, molino, gabella della
Cirrita,e gabelle di picarie, quale vole che restino
nella heredità universale e l’altre restano a detto D. Giovanne
con il Dominio, e volendo seguitare detto affitto del
modo lo tiene detto di Coniglio, che l’habbia di pagare
anticipato conforme lo tiene esso testatore
giusta la forma del suo qontratto altrimente non pagan-
do che sij fora di detto affitto venturo (?) e che detto affitto
corra per l’heredità per l’altro anno di fermo, stante
che per l’altri anni di rispetto (?) esso testatore vole che
non si sequiti in nessun modo per l’heredità ma
vole che si notifichi il procuratore generale Deputato
dello Stato dell’Illustre Signor Prencipe di questa Città che non
intinde sequirla ma che s’ingabelli ad altro a conto
di detto Illustre Signor Prencipe e così volse e vole e non altri-
mente e che detta notifica si faci inanzi che passi
il mese di Maggio p.v. etc.

[16]
Item esso testatore legao e lega alla Venerabile Ecclesia di
Santo Antonio di questa Città cinque manganelli con soi cinque
cottoni e stigli insieme con li lochi di detti manga–
nelli concessi ad esso testatore dalla Città in questo
territorio nella qontrata del Carmine, nec non ci lascia
onze quaranta deve ricevere in conto di maggior
somma da Filippo Tirruni et quelli debiti non estati (?)
fatti ad esso testatore da alcuni fratelli di detta Ecclesia

[515v]
di Santo Antoni per la fabrica del Cappellone equaliter per qualsivogliapretenzione che havesse detta Venerabile Ecclesia con esso testatore
tanto come procuratore quanto nomine proprio e non altrimente. ||

[17]
Item lega alla Venerabile Ecclesia di Santa Maria di questa Città
onze dieci di denari per una volta tantum da pagarsi
dall’heredità con li debiti essigendi pro Deo, et Anima sua. ||

[18]
Item lega alla Venerabile Ecclesia di S. Giacomo di questa Città
onze dieci di denari per una volta tantum essigendi come
sopra dalli debiti di esso testatore per scarrico della sua
conscienza. ||

[19]
Item lega alla Venerabile Ecclesia di S. Marco di questa
Città onze cinque di denari essigendi dalli debiti
di esso testatore pro Deo, et eius Anima. ||

[20]
Item lega alla Venerabile Ecclesia di S. Gioseppe di questa Città
altri onze cinque di denari essigendi delli debiti
di esso testatore pro Deo et eius Anima. ||

[21]
Item vole esso testatore che uno delli beneficiali sacer-
dote di onze dodici l’anno lasciati come sopra di
quella messa una il giorno devono celebrare nella
sua Cappella di SS. Pietro e Paolo che nelli festi di pre–
cetto vadi uno di essi a chi ordinerà il detto Reverendo Archiprete
presente e che pro tempore sarrà a celebrarla per l’ani–
ma di esso testatore nella Venerabile Ecclesia di Santa Catherina
di questa Città, e non altrimente. ||

[22]
Item lega alla Venerabile Ecclesia della Santissima Anuntiata
di questa Città un Calice di argento di valore di onze dieci
e vole esso testatore che li detti soi Fidecomissarij recuperino
un calice quale esso testatore lasciao in potere di Mario
d’Angelo Arginteri di Messina con la coppa di argento, e
pedi di ramo, e quello impieghino nella compra di detto
Calice di onze 10. e non recuperandolo che ci l’habbijno
da fare novo fra termine di anno uno a die mortis
di esso testatore pro Deo et eius Anima. ||

[516r][62]
[23]Item lega alla Venerabile Ecclesia del Carmine onze dieci
di denari per una volta tantum con li debiti essigendi
come sopra pro Deo et eius anima. Etc.

[24]
Item volse e vole legao, e lega esso testatore onze
ventiquattro di denari per ogn’una dell’infrascritte
sue parenti ad effetto di maritarsi, pagandi fatta
disponsatione in facie Ecclesiae al sposo sarrà per
una volta tantum ad ogn’una di esse cioè ad
Isabella Bonherba figlia del Dr. Giovanni Battista
Bonherba onze ventiquattro come sopra, a Dorotea
Rametta figlia del quondam Jacinto altri onze ventiquattro,
à Lucretia Calatagirone figlia di Jacinto altri
onze 24., ad Angelina Bonherba figlia del
quondam Notaro Paolo altri onze ventiquattro, à Gio–
vanna Piccione figlia di Francesco altre onze venti–
quattro, et à Catherina Pedivillano figlia
di Francesco altre onze ventiquattro pro Deo, et
eius Anima. Etc.

[25]
Item lega al Dr. Don Antonino Spuches quondam Marco suo
nepote la sua schiava nera nomine Maria
Coniglio pro se et suis || et un Visito di baijeta
di fiandra. ||
[revocato nel Codicillo]

[26]
Item lascia a Francischella Correnti la muta olim sua
garzona onze dieci di denari per una volta pagandi
statim sequuta morte ipsius testatoris. ||

[27]
Item lascia a Silvestrina Frisina un nocillito quale
esso testatore comprao da Filippo Tirruni del quondam
Simone in questo territorio in qontrata di Balsamà giusta li soi
confini ad effetto di maritarsi, e quella morta schetta
overo senza figli legittimi e naturali ò con figli
e quelli morti senza figli et ab intestato che su–
ceda detto Filippo Frisina suo padre essendo vivo
e ni possi di quello disponere et essendo morto venghi

[516v]
nell’heredità di esso testatore. ||

[28]
Item vole esso testatore che caso che Giovanni Battista Frisina
figlio di Filippo non si facessi parrino ma si volesse
fare monaco di alcuna Religione esso testatore ci lascia
due toniche della forma si vestirà e non altrimente. ||

[29]
Item vole esso testatore e lascia ad Anna Coniglio sua
schiavetta di età di anni sei franca, e libera e che
si nutrisca doppo la morte di esso testatore nella casa
di Vincenzo di Carlo suo cogino a cui lascia particular
cura e per alimentarla ci lascia onze otto di denari
ogn’anno da pagarsi dalli sudetti soi Fidecomissarij
per insino all’anni quindici nel qual tempo vole
ò inanzi che si mariti, o per maritarsi ci lascia l’infrascritti
beni mobili e stabili cioè li vigni con suo palmento
dentro quali comprao da Petro Caracoci in questo territorio
in qontrata dello Piano delli Daijni territorio di questa Città giusta
li soi confini tutti et integri, franchi etc. necnon li
vigni quali comprao da Gioseppe Carmeni in questo
territorio in qontrata di Crassà giusta li soi confini, tutti et integri
franchi etc. necnon una casa solerata consistenti in
diversi stanzi et officini in questa Città nello quarteri di S. Pietro
confinante con la casa di esso testatore quali lasciao a Vincenzo
di Carlo via pubblica et altri confini franca etc. quali
vigni e casa vole esso testatore che li consequisca statim
sequuta eius morte, e che l’administri detto Vincenzo di Carlo
con l’intervento del detto Reverendo Archiprete presente e che pro tempore
sarrà e che delli frutti ni habbia à dar conto e cumular-
li e consignarli alla detta Anna quando si mariterà
ò al suo sposo alias etc. cum exequtione e patto de non opponendo e passati
detti anni quindici a detta Anna non maritandosi
che li sopradetti frutti li possa consequire essa Anna

[517r][63]
per alimentarsi, e li detti soi Fidecomissarij sijno
tenuti a pagarci piu li onze otto l’anno al detto di
Carlo ma che si alimenti essa così con li frutti
maturati, come maturandi di detti beni sopra lasciati
necnon ci lascia un letto di prezzo e valore di
onze venti onza per onza, et caso che detta Anna
morisse senza figli legittimi e naturali ò quelli
morti o li figli di figli morti in maiori, ò in minori
etate in perpetuum vole che detti beni cessando detta Anna
e soi heredi et heredi d’heredi in perpetuum e quelli
morti suceda la detta sua Cappella di S. Pietro
e Paolo solo detta Anna e soi per come sopra possino
disponere di onze dieci per una volta tantum
pro Deo et eius Anima et a chi piacerà
e non altrimente ne d’altro modo. ||

[30]
Item lascia a Minico Conti il debito li deve necnon
le case e vigna l’havia agiudicato esso testatore pro
Deo et eius anima. ||

[31]
Item lascia à Giovanni Benedetto Guainai suo secretario
onze venti di denari per una volta tantum statim sequuta
morte ipsius testatoris per alcuni servitij ricevuti. ||

[32]
Item lascia ad Egidio Stagnita suo creato un nocillito
in questo territorio in qontrata di Ferrà quale comprao da Geroni–
mo di Carlo per l’atti di Marcantoni Liuni di questa giusta
li soi confini franco etc. pro se et suis etc.

[33]
Item lascia à Giovanna Martoglio sua Garzona
la vigna à Crassà quale cambiò esso testatore
con il padre di detta Giovanna ad effetto di maritarsi
e caso di discordia con detto suo padre che ognuno stij
in iure suo. ||

[34]
Item lascia ad Andria di Carlo la metà del debito li deve
e dell’altra metà ci dona dilatione di anni cinque. ||

[35]
Item lascia a Francesco di Carlo quondam Vincenzo la metà
della casa di esso testatore quali ha tenuto

[517v]
e tiene in gabella detto di Carlo agiudicata per esso testatore
e dell’altra metà vuole che pagando onze dieci
fra anni due alli soj Fidecomissarij , che sij
tutta di detto di Carlo e ci la lascia tale quale
si l’agiudicao e questo pro Deo et eius anima. ||

[36]
Item lascia a Masi Coniglio della Città di Tavor-
mina una mula della retina di esso testatore
benvista soi Fidecomissarij pro Deo et eius Anima. ||

[Per l’impiego del denaro depositando in Cassa con due chiavi una da tenersi dall’Arciprete, e l’altra dagl’altri Fidemissarij]
[37]
Item esso testatore ordina, e comanda che quelli onze
tremilia cento settantacinque e tarì ventiquattro
dico onze 3175.24. di denari contanti lasciati [stijno]
per esso testatore stijno in potere di detto Reverendo T. D. Cesare Gioeni
Archiprete di questa Città necnon tutti li denari delli
debiti essigendi delli formenti, germani, orzi, favi,
nocilli, vino mustale, e vecchio existente nelli soi magazeni
necnon li denari et quali denari vole, et ordina
e comanda esso Reverendo delli porci, pecori, capri,
boi, muli, et altri animali necnon li denari entrandi
di tutto il suo mobile argento, et oro existente in le
sue case, e lochi ubicumque si ritroverano che
stijno in potere di detto Reverendo Archiprete et eo mortuo di
quello che pro tempore sarrà, in una cascia loco
Depositi quale cascia si habbij da tenere in casa
di detto Reverendo Archiprete e che pro tempore sarrà con due
chiavi l’una detto Reverendo Archiprete e l’altra li Fidecomissarij
di Carlo, e Coniglio quali denari vole, et ordina
e comanda esso testatore che si ni comprino tanti
beni stabili e renditi effettivi tutti, e securi dalli
detti Reverendo Archiprete e soi Fidecomissarij ad effetto di dispo–
nerli per la sodisfazione di soi beneficij e legati pij
lasciati per esso testatore del modo come di sopra et infra
si dirrà deducendo la sodisfazione di quelli legati lasciati
da esso testatore e vole che detti beni mobili vittovagli
ligumi, animali et altri come sopra si vendano
nella publica piazza ad estintum candelae ultimo

[518r][64]
emptori, et plus oferenti per atto publico dalli detti
soi Fidecomissarij, et il prezzo si consegni a detto Reverendo
Archiprete e che pro tempore sarrà per tenerlo nella
cascia del Deposito del modo come sopra e per essequire
la sua volontà e disponerli secondo il suo ordine disposto
come sopra e vole, che la chiave della cascia del
Deposito devino tenere li soi Fidecomissarij parenti
la tenghino primo Vincenzo di Carlo, e morto detto
Vincenzo; D. Nicolao di Carlo, e morto detto D. Nicolao,
D. Giovanne Coniglio essendo in questa Città, et in sua
assenza, Leonardo Coniglio suo fratello, essendo
in questa Città, et in caso che cessassiro detti di Carlo
e Coniglio per la morte, vole che sijno Fidecomis–
sarij li soi heredi in perpetuum, e detta chiave vadi in
potere dell’heredi di detti di Carlo prima, e doppo
dell’heredi di detti di Coniglio come sopra si ha disposto
e non altrimente ne di altro modo preferendo
sempre l’herede d’herede in perpetuum et infinitum
piu stretto in grado, et graduatim per che sarrà, et
habiterà in questa Città, et che delli sopradetti
beni si ni debbia fare publico Inventario
statim sequuta morte ipsius testatoris per atto pubblico
incarendo ogni cosa nella conscienza delli
sopradetti soi Fidecomissarij. ||

[38]
Item vole ordina, e comanda esso testatore che di detti
venditi, e frutti di stabili presenti e che pro tempore
si compriranno come sopra dalli detti soi Fidecomis–
sarij se ni habbiano da pagare prima li
beneficiali annuali come sopra la sua annualità
e tutti li legati pij annuali lasciati, e che
infra si lasciranno, e quello avanzirà se ni
debbiano celebrare tante messe in detta Matrice Ecclesia
dalli Cappellani e sacerdoti parrini oriundi
di questa Città, e non essendo sufficienti detti
parrini oriundi di [questa Città] altri sacerdoti

[518v]
habitatori in questa Città pro Deo et eius anima.

[39]
[Legato per le zitelle Parenti del Testatore]
Item lasciao e lascia esso testatore titulo legati pij an–
nuali in perpetuum et infinitum onze quarantotto l’anno
pagabili del modo infrascritto cioè onze ventiquattro l’anno
ad una parente di esso testatore più stretta in grado
la più povera, bella, honesta, e pericolosa ad
effetto di maritarsi, o monacarsi e l’habbij da conse–
quire nel maritagio, o monacato per una volta tantum
e che si habbia da eligere detta parente del modo
come sopra dalli detti soi Fidecomissarij presenti e che
pro tempore sarranno in perpetuum et infinitum e che detta
eletione s’incominci a fare dalli detti soi Fidecomissarij
doppo che sarrano pagate le persone nominate
di sopra ad onze 24. l’una quali voli si eligano
per li primi anni doppo la sua morte, e se si mariteranno
inanzi che si ci dijno ma cessi di eligersi per
quanti se ni mariterano tanti anni e finiti
li detti elettioni per detti anni per quanto è la somma di sopra
lasciata ad onze 24. l’anno incominci la elettione
suddetta del modo suddetto e non altrimente in perpetuum et
cessando li parenti altri due orfane povere
belle oneste e più pericolose ò che havessiro
il padre povero e miserabile insieme con l’altre
due come infra si dirrà e del modo infrascritto e non altrimente. ||

[40]
[Legato per le zitelle ignobili]
Item esso testatore ordina e comanda che
li detti soi Fidecomissarij presenti e che pro tempore
sarrano habbijno da nominare et eligere
ogn’anno per otto giorni inanzi la festa delli
gloriosi Santi Pietro e Paolo due altre horfane
povere belle honeste e piu pericolose o che
havessiro il padre miserabile alle quali hor-
fane esso testatore ci lasciao, e lascia onze dodici
di denari per ogn’una di esse, quali denari
habbiano da consequitare quando si mariterano
e sarrano disponsati in faciem Ecclesiae e che

[519r][65]
habbijno dette horfane ad uscire elette che sarranoe comparire ornatamente nella Matrice Ecclesia di questa
Città nella Cappella di esso testatore la matina del giorno
della festa delli gloriosi Santi Petro e Paolo e stare nella
messa cantata e non altrimente ne di altro modo
e questo in perpetuum et infinitum e che li detti soi Fidecomis–
sarij ni habbijno da eligere quattro delli quali
quattro eletti imbusciulati se ni escano in detto giorno
dell’elettione facienda à sorte due quali
usciranno in detto giorno della festa come sopra
e caso che di dette horfane elette et uscite in detto
giorno ni morisse una o più schette che si
mettano à sorte l’altre elette e remaste
imbusciolate, e si ni esca una ò piu in loco
della morta, ò morte et escino tutte insieme
in detta chiesa et in detto giorno, et habbijno l’istessa
elemosina del modo e forma sudetti e questo per Dio e
l’anima di esso testatore et in discarrico della
sua conscienza, e cessando dette horfane povere
di questa Città che non ci fosse persone horfane
povere della forma come sopra si ha detto vole esso
testatore che detti soi Fidecomissarij presenti e che pro tempore
sarrano possino eligere horfane povere del
modo come sopra della Città di Linguaglossa, et terra
di Francaviglia e non altrimente e questo per Dio e l’anima
di esso testatore. ||

[41]
Item esso testatore legao e lega ad una figlia di
Gioseppe Carrozza di questa Città onze venti quattro
ad effetto di maritarsi della forma e modo come sono
lasciate l’altre di sopra pagandi statim fatta disponsatione
in facie Ecclesiae come l’altre sei persone legatarie
nominate di sopra per esso testatore e questo pro Deo, et eius Anima. ||

[42][Onze 12. per la festa di SS. Petro e Paulo]

Item vole esso testatore ordina, e comanda a detti soi Fide-comessarij presenti e futuri in perpetuum et infinitum che
habbijno di spendere onze dodici l’anno nella

[519v]
festa delli detti Santi Petro e Paolo nella sua Cappella per cera polvere, et altri a loro benviste. ||

[43]
Item esso testatore lascia alla Venerabile Matrice Ecclesia di questa
Città il suo bacili, bucali, et una sottocoppa di
Argento quali vole habbijno da servire in detta
Venerabile Ecclesia in tutti li giorni festivi e quando
sarrà necessario e per detta sua Cappella di Santi Petro e
Paolo, et habbijno di stare nella sacristia nel
loco dove stano l’altre cose di argento di detta
Venerabile Ecclesia e questo pro Deo et eius Anima. ||

[44]
Item lascia a detta Venerabile Matrice Ecclesia onze venti di
denari per una volta tantum per spendersi et erogarsi
in cose di giogali ben viste a detto Reverendo Archiprete
con l’armi di esso testatore per Dio, e l’anima di esso
testatore et in remissione de soi peccati. ||

[45]
Item volse e vuole esso testatore, che li detti soi heredi
particolari di Carlo, e di Coniglio e futuri etc. fossero timorati
di Dio e della santa giustizia e caso che alcuno di essi
uno, ò più delinquissero quod absit per li quali delitti
venissero ad esser confiscati li sopra detti beni di sopra
lasciatili da esso testatore titulo institutionis heredis
particularis et legati vole esso testatore che in tal caso
per un mese inanzi li sopradetti beni s’intendano
lasciati all’altri coheredi, e che il fisco non ci
potesse agere si come esso testatore in tal caso
ci li lasciao, e lascia e così fu la sua volontà
con simil condizione e patto da principio foro e sono
stati lasciati, e si lasciano e così volse e vole
e non altrimente ne d’altro modo e ritornati in
gratia li detti heredi delinquenti uno, ò più che
sarrano o soi etc. che se ci habbijno da ritornare

[520r][66]
e restituire li detti beni ma senza li frutti percettidalli coheredi nel tempo perdurante della
loro prosequtione e non altrimente. ||

[46]
Item vole esso testatore che delli sopradetti soi debiti
tanto di quelli si ritrovassiro essatti, quanto di
quelli essigendi sij Judice di conscienza il detto
Reverendo D. Cesare Gioeni Archiprete quali possa determi–
nare et essequire, e far essequire quella determi–
nazione farrà secondo li parerà di giustizia e di
dovere giustamente in discarrico dell’anima di esso
testatore e che si regoli con li libri delli conti di esso
testatore quali libri di conti vole esso testatore che
fatto che sarrà l’inventario si ni debbiano uscire
le liste limpie de’ nomi e somme di debitori
per l’essigenza dalli detti soi Fidecomissarij et uscite
dette liste si conservino nella detta cascia del
Deposito come sopra sino all’integri pagamenti
et ad futuram memoriam in caso di qualche querela
potessi venire ullo unquam futuro tempore etc.
e non altrimente ne di altro modo etc. e che detti
soi Fidecomissarij potessiro costringere a far
pagare li debitori ma che il pagamento si facci
a detto Reverendo Archiprete il quale lo debbij mettere in detta
cascia del Deposito e che li cancellationi de qontratti
e partiti di libri l’habbijno di fare tutti coniunc-
tim, e non divisim et unus sine alio non
possit cancellare et hoc semper et omni futuro
tempore in perpetuum. Il stesso si faci nelle venditioni
di robbe e compre di stabili e rendite et in
ogni caso suddetto e non altrimente ne d’altro modo. ||

[47]
Item esso testatore come fidecomissario lasciato in testamento
della quondam sor Giovanna Preximone olim sua
zia cum patto substituendi in virtù del presente substi–
tuio, e substituisce per fidecomissario al detto Reverendo

[520v]
Sacerdote D. Cesare Gioeni Archiprete cum eodemet po–
testate substituendi in casu mortis (absit)
incarendosi ogni cosa sopra la sua conscienza
del modo e forma e per le cause contente in detto
testamento di detta quondam sor Giovanna Preximone e non
altrimente ||

[48]
[Formar l’estenzione de’ Conti in ogn’anno in tre Libri]
Item volse e vole esso testatore ordina, e comanda che
li detti soi Fidecomissarij presenti e futuri in perpetuum et infi–
nitum habbijno voglino, debbijno tenere
li libri delli conti di detta sua heredità separati
per ogn’un di essi ben limpij letti (?), e ben ordinati
così dell’introjti, come dell’essito e confruntanti
ogn’anno et uno originale tenerlo nella cascia
del Deposito del modo suddetto e che ogn’anno e
quando li piacerà ita che non passi l’anno li
habbijno da saldare, e calculare e vedere
l’essigenza fatta di ogni cosa e pagamenti
fatti e bilanciare l’introjto, et essito #[aggiunta in margine:
“e quello sopravanzerà nell’introito et esito”] vole esso
testatore che quello sopravanzerà si esequisca
quello esso testatore ha disposto di sopra e non altrimente
ne d’altro modo. ||

[49]
[Defenzione colli danari più pronti]
Item esso testatore volse e vole ordina, e comanda a detto
Reverendo Archiprete e soi Fidecomissarij presenti, e che
pro tempore sarranno, che sucedendo caso di mo–
lestia sopra detta sua heredità in tutta ò in parte
per qualsivoglia causa ullo unquam futuro tempore
in perpetuum di qualsivoglia molestia forse evenienda
sopra li beni stabili, beneficij, renditi, ò altri beni
hereditarij di sopra lasciati che habbijno voglino
e debbijno defendere detti beni con li denari piu
pronti si troveranno di detta heredità e non per-
mettere che per defetto di spesa ò negligenza

[521r][67]
si venghino à perdere, poiche vole esso testatore che semper et omni futuro tempore si mantenghino detti
beneficij e legati pij di sopra lasciati del modo
suddetto e non altrimente ne di altro modo in perpetuum
et infinitum. ||

[50]
Item esso testatore volse e vole, legao e lega ad
una figlia di Giulio Badolato di questa
Città onze ventiquattro per una volta tantum
ad effetto di maritarsi pagandosi dalli sudetti
soi Fidecomissarij quando sarrà disposata
in faciem Ecclesiae come l’altre setti sopra nominate
dell’istesso modo e forma, e non altrimente. ||

[51]
Item esso testatore vole, ordina, e comanda che
li detti Reverendi Archiprete e Fidecomissarij non molestino
a Mansione Gallo di tutto il debito della baglia
del prossimo affitto di esso testatore gabellao in solidum
con altre persone per l’atti di Notar Marcantoni
Liuni sub die 29. Decembris 14ª Indictione 1660 ma
per la ratha toccante a detto di Gallo della quale
ratha esso testatore li dona dilatione di anni
dui una pagabile a XI. di Novembre 1665. et
altra à XI di Novembre 1666 perche così volse
e vole e non altrimente. ||

[52]
Item esso testatore per la presente dilatione à Micheli
Oliveri del debito li deve di onze novicento
deci e setti, e tarì cinque onze 917.5 li dovesse pagare
alli 25. di Luglio prossimo venturo 1665 con questo però vole
esso testatore che pagando in suddetto giorno onze
ottanta che per il resto se li dij dilatione per insino
alli 25 di Luglio p. v. 1666. e pagando in detto giorno
altre onze ottanta li si dij dilatione del resto
e così successivamente di anno in anno sino

[521v]

all’integro pagamento e non altrimente nelli

quali onze 917.5 declara esso testatore che vi è
inclusa la dohana per tutto l’anno Vª Indictione
p. v. restando pure scoperto detto Micheli
a dar conto con li soi compagni della gabella
della baglia di anni sei inclusa la quinta
Indictione p. v. et in detti onze 917.5. declara esso testatore
havervi incluso onze 42. della sua ratha della
gabella della baglia del prossimo affitto hebbe
esso testatore di questa Città e suo territorio. ||

[53]
Item esso testatore legao e lega alle figlie femine
di mastro Placido Buda schette onze dodici di
denari per ogn’una di esse ad effetto di maritarsi
da consequirli fatti li sponsalitij in faciem Ecclesiae ||

[54]
Item esso testatore legao e lega all’infrascritti* soi parenti;
e domestici personi un visito di baijeta per ognuno
di essi cioè à D. Melchiore Sardo, D.r Giovanni Battista*
Bonherba, Domenico di Leo, Clerico D. Gioseppe Gua–
rino, D. Giovanni Coniglio, Paolo Coniglio, Leonardo
Coniglio, Vincenzo di Carlo, D. Nicolao di Carlo,
Antonino di Carlo del quondam Giovanni Battista*, Giulio Badolato*
Gioseppe Carrozza, Giovanni Guainai suo secretario,
Filippo Frisina suo creato, et Egidio Stagnita
suo creato, et à Maria, et Anna Coniglio matre
e figlia schiave nere. ||

[55]
Item vole esso testatore che caso che morissero prima
di maritarsi Lucrezia Calatagirone et Angelina
Bonherba che in tal caso quelli onze ventiquattro
per ognuna di esse di sopra lasciati l’habbijno da
consequire li onze 24. di Lucrezia Angelina Calta–
girone sua sorella e li onze 24. di Angelina
Bonherba Anna Brigida sua sorella e volendo

[522r][68]

detta Lucrezia, et Angelina Bonherba cedirle in

vita alle dette sue prenominate sorelle per mari–
taggio li possin cedere liberamente. ||

Et questa fu et è la sua ultima voluntà quale
vole valesse per testamento ultimo suo, e sollenne e non
valendo per Testamento sollenne vaglia per codicillo
e quando non valesse per codicillo vaglia per
donatione causa mortis e per ogn’altro atto de
iure licito e permisso perpetuo valituro
annullando iterum e de novo tutti soi altri
Testamenti fatti per il passato donationi causa
mortis et ogni e qualsivoglia altra dispositione
restando solamente la presente dispositione
in suo robore et firmitate et non altrimente
ne di altro modo. ||

Io Don Gioseppe Coniglio confirmo il sopra
detto Testamento fatto per manu del D.r Don Antonino
Spuches mio nepote per non haver Io possuto scrivere ||
Die nono novembris sextae Indictionae Millesimo Sexcentesimo
sessagesimo quarto 1664.

Hoc est testamentum sollemne, et inscriptis
Reverendi Sacerdotis D. Joseph Coniglio huius Civitatis Castrileonis
factum de eius ordine, et scriptum manu U.I.D.
D: Antonini Spuches Civitatis Tauromenij in quo
suas dispositiones ultimas voluntatis et
providentias describere fecit, et iussit aliaque
fecit instituitque in eius heredem universalem* ut in eo
per testamentum in eius dorso a retroscriptis testibus
subscribere fecit cum eorum singulis siggilli
eis traditi ab Ipso testatore impressionibus
et testificationibus insimul ut in eis clare
videtur etc. et illud mihi coram eisdem testibus hodie

[522v]

die supra mihi tradidit et consignavit ad
conservandum ut illud transacto tertio die
post eius obitum debitis sollemnitatibus aperiendum
sit volens et mandans coram eisdem testibus infrascriptum
eius presens Testamentum et totum id et quantum
in eo descriptum est exequatur ad unquem
quoniam hac est eius ultima voluntas, volens etiam
dictus Testator || et credatur listae traditae Reverendo T. D.
D. Cesari de Joenio Archipresbytero, et Patri spirituali;
factae manu dicti testatoris et exequatur ad unquem.
Necnon dictus testator voluit et vult || ad suam
intentionem capiantur anno quolibet duodecim bullae
SS.mae Cruciatae pro Defunctis et pro anima Ipsius
Testatoris et non aliter ||

Testes rogati a Testatore sunt hij qui a tergo sunt descripti.
Io Sacerdote D. Gioseppe Petrocitto. Testimonio
chiamato dal Reverendo D. Gioseppe Coniglio fu presente
allo chiudere del presente Testamento mi sottoscrivo
e con il siggillo datomi da detto testatore l’ho siggillato e testifico.
Io il Sacerdote D. Antonino Badolato Testimonio chiamato
dal Reverendo D. Gioseppe Coniglio fui presente allo chiudiri
del presente Testamento mi sottoscrivo e con il siggillo
datomi da detto Testatore l’ho siggillato e testifico.
Io D. Gioseppe Rocco Testimonio chiamato dal
Reverendo D. Gioseppe Coniglio fui presente allo chiudiri del presente
Testamento mi sottoscrivo e con il siggillo datomi
da detto Testatore l’ho siggillato, e testifico.
Io Sacerdote D. Vincenzo Vinciguerra testimonio
chiamato dal Reverendo D. Giuseppe Coniglio fu presente allo
chiudiri del presente Testamento mi sottoscrivo e con il siggillo
datomi da detto testatore l’ho siggillato e testifico.
Io Sac. D. Ignatio Vecchio testimonio chiamato

[523r][69]

dal Reverendo D. Gioseppe Coniglio fu presente allo chiudiri

del presente Testamento e con il siggillo datomi da detto testatore
l’ho siggillato e testifico. ||

Io D. Antonino Bonherba testimonio chiamato dal
Reverendo D. Gioseppe Coniglio fu presente allo chiudiri
del presente Testamento mi sottoscrivo e con il
siggillo datomi da detto testatore l’ho siggillato
e testifico.
Io Bartolomeo Petrocitto testimonio chiamato
dal Reverendo D. Gioseppe Coniglio fu presente e con il siggillo
datomi l’ho siggillato e testifico. ||

Io Diacono D. Tomasi di Naro testimonio
chiamato dal Reverendo D. Gioseppe Coniglio mi
ho sottoscritto e siggillato con il suo siggillo
e testifico.
Ego Notarus Marcus Antonius Leone omnibus
premissis interfui, et me subscripsi. ||

Unde ad premissorum futuram memoriam
adimpleta sunt premissa et … totus tenor pre–
inserti testamenti et codicillorum de verbo ad verbum
et a prima linea usque ad ultimam coram dictis personis
et inscriptis quoque aperitioni, et publicationi
predicti Testamenti, et codicillorum.
Testes qui quoque interfuerunt aperitionibus
et publicationibus predicti sunt hij videlicet:
Sebastianus Calabrisi Clericus D.Benedictus Leone
Sac: D. Antonius Cavallaro, U.I.D. D. Antoninus Bonherba [cassato]
Damianus Calabrisi, Joseph Finochio, Sacerdos
D. Franciscus Guarino, et Melchiore Bonherba
Ego U.I.D. Damianus Calabrisi testis interfui et me subscribo. ||
Ego Sebastianus Calabrisi testis interfui, et me subscribo.
Ego Sacerdos D. Franciscus Guarino testis interfui, et me subscribo.
Ego Joseph Finochio testis interfui, et me
subscribo.
Ego Sacerdos D. Antonius Cavallaro testis interfui,

[523v]

et me subscribo. ||

Ego Melchio [sic] Bonherba testis interfui et me subscribo
Ego Clericus D. Benedictus Leone testis interfui, et me subscribo ||
[Sul margine sinistro: timbro del Regno delle Due Sicilie… e del Circondario di Linguaglossa sotto la dicitura: “N. 2295. reg.ta in Linguaglossa lì ventinove Novembre 1825. Lib. 1°. vol. XV. fol. 64. retro cas. 1ª. Ricevuti gr. venti. Il Ricevitore G. Stagnitti” – Visto Maugeri Paneb.co Giud.e”]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.